menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Coldiretti regala le mele ai bambini dell'istituto "Vanzo"

Coldiretti regala le mele ai bambini dell'istituto "Vanzo"

Mele pagate due centesimi al chilo Regalate ai bambini nelle scuole

Dopo l'iniziativa choc dei giorni scorsi, in cui era stata distrutta la frutta in un'azienda di Merlara, giovedì è iniziata la nuova fase della mobilitazione di Coldiretti, per combattere la crisi del mercato locale e "made in Italy"

Le mele “made in Padova” sono buone e genuine, dall’origine e dalla qualità garantita, coltivate nella provincia di Padova da centinaia di agricoltori, soprattutto nella Bassa Padovana, lungo il corso dell’Adige. Ma la filiera commerciale le paga appena 2-3 centesimi al chilo. Così Coldiretti Padova, dopo la protesta choc dei giorni scorsi a Merlara, continua a tener viva l’attenzione sullo "scandalo" e, come promesso, regala le mele agli studenti padovani.

MELE A SCUOLA. Giovedì il primo appuntamento in città, all’ingresso della scuola primaria e dell’infanzia con nido integrato “Vanzo”, gestito dalla fondazione Irpea di Padova. I produttori padovani, supportati dagli imprenditori agricoli di Coldiretti Giovani Impresa Padova e Donne Impresa, guidati da Massimo Bressan e Franca Dussin, hanno consegnato un sacchetto di mele raccolte il giorno prima ai genitori che accompagnavano i figli a scuola. Durante l’intervallo le mele padovane sono state offerte a tutti gli alunni della “Vanzo” per una merenda a “km 0” sana e sicura, all’insegna di prodotti genuini e di qualità.

"MADE IN ITALY" AL COLLASSO. "È iniziata così la seconda fase della mobilitazione di Coldiretti - spiega l'associazione - in difesa dell’ortofrutta di casa nostra alle prese con una pesante crisi aggravata dall’embargo russo e dalle incursioni speculative che stanno stritolando migliaia di agricoltori e danneggiando i consumatori che non possono acquistare gli autentici prodotti made in Italy soppiantati da merce straniera che non risponde ai medesimi standard di qualità e sicurezza". “Grazie alla preziosa disponibilità e alla collaborazione dell’Istituto Vanzo, dalla dirigente Chiara Cavaliere a tutto il personale docente e non docente - afferma Federico Miotto, presidente di Coldiretti Padova – abbiamo potuto dare ai bambini e ai loro genitori la possibilità di assaggiare mele di ottima qualità, prodotte a pochi chilometri dalla nostra città. Abbiamo chiesto ai ragazzi e ai genitori se sono buone e la risposta è stata un 'sì' unanime ed entusiasta. Però c’è il rischio che queste mele non possano mai arrivare sulle tavole delle famiglie padovane e venete perché bloccate da una filiera commerciale senza scrupoli che ai nostri agricoltori riconosce pochi spiccioli nemmeno sufficienti a coprire una parte delle spese. Abbiamo scelto di incontrare i genitori e i bambini proprio per spiegare tutto questo".

LA CAMPAGNA. Coldiretti una risposta la sta fornendo attraverso l’iniziativa “Meglio italiano, scelgo Veneto”, "per sostenere un comparto fondamentale per la nostra regione - spiega Miotto - attraverso il confronto con la grande distribuzione e la necessaria attenzione del mondo istituzionale. Non vogliamo più vedere la nostra frutta finire sotto i trattori per colpa di un mercato drogato". "Questa campagna è la proposta a tutta la distribuzione e al mondo della ristorazione per dare un segnale di solidarietà ai cittadini in questi tempi di crisi - dichiara Simone Solfanelli, direttore di Coldiretti Padova - alla grande distribuzione organizzata proponiamo una linea strategica che individui un percorso di vendita per i prodotti veneti con l’impegno a darne evidenza e pubblicità. È anche la risposta al consumatore che il mondo agricolo veneto, insieme alla Gdo, può dare al contenimento dei prezzi. Inoltre vogliamo coinvolgere i fornitori delle mense pubbliche, a partire da quelle scolastiche e ospedaliere, affinché dove possibile si consumino solo prodotti di origine veneta. Ai consumatori, infine, l’invito a scegliere la nostra agricoltura".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento