menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Multiproprietà, Federcontribuenti: "Padova triste primato"

La federazione veneta, di ritorno da una "missione" sul Mar Rosso, riferisce dell'ultima frontiera del raggiro: vacanzieri che tornano dalle principali località turistiche con sulla groppa debiti che a volte superano i 100mila euro

"Padova ha il triste primato di essere stata da sempre il covo dei pirati delle multiproprietà". E proprio la città del Santo è stata scelta da Federcontribuenti Veneto, che in provincia, ad Albignasego, ha la sua sede, per presentare questa mattina al caffè Pedrocchi l'ultima trappola scoperta in seguito a una "missione" a Sharm El Sheik, la nota località del Mar Rosso, meta quasi obbligata per ogni italiano amante del bel mare in formula all inclusive.

L'ULTIMA TRAPPOLA A SHARM. "Ci siamo insospettiti - spiega Marco Paccagnella, presidente di Federcontribuenti Veneto - quando abbiamo visto cartelli con scritto 'compera il tuo appartamento, reddito garantito al 6%'. In realtà è una bufala, il cliente compera nella migliore delle ipotesi una multiproprietà da 80 o 100mila euro (solitamente 99mila), che gli costerà negli anni fino a 5mila euro di spese di gestione. Il reddito garantito è per chi mette in piedi queste trappole, con la complicità dei proprietari dei villaggi turistici".

DISCERNERE TRA TRUFFATORI E PROFESSIONISTI SERI. "La multiproprietà di per se stessa non è ne buona ne cattiva - spiega l'avvocato Fabio Dalla Mura, responsabile dell'ufficio affari legali di Federcontribuenti - E'  come un’arma o un coltello. Dipende da chi la impugna. Purtroppo in Italia molto spesso è stata impugnata dalle mani sbagliate". "Non vogliamo criminalizzare nessuno - continua Paccagnella - ma aiutare invece a fare ordine discernendo tra truffatori e professionisti seri. Recentemente ad esempio abbiamo sottoscritto un accordo con Service Tur, che propone una nuova formula di vendita di pacchetti vacanze. I contratti sono "certificati" dai nostri legali che hanno riscontrato l'assenza di clausole vessatorie o trabocchetti vari. Andare in vacanza tranquilli e magari fare anche qualche buon affare si può. Nel dubbio conviene sempre prima contattare una associazione di difesa del consumatore".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Superenalotto: vincite a Noventa Padovana e a Este

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento