Venerdì, 22 Ottobre 2021
Economia

Niente più soldi sotto il materasso: 3 padovani su 4 investono una quota dei propri risparmi

Come svela l'osservatorio della Reale Mutua: il 34% teme di non riuscire a scegliere l’investimento più adatto, soprattutto a causa delle sue insufficienti competenze finanziarie

Dopo oltre un anno di pandemia e di prudenza, il futuro sembra tornare al centro degli obiettivi economici degli abitanti di Padova. Se il 24% - una fetta, comunque, tutt’altro che ridotta - pensa che mantenere la liquidità sul conto corrente sia la soluzione più sicura e opportuna, tre su quattro (76%) pensano invece che, in questa fase, investire una parte dei risparmi sia la via migliore per dare maggiore solidità al proprio domani.  Ad evidenziarlo è l’Osservatorio Reale Mutua sul welfare.

Gli investimenti

Più in dettaglio, l’obiettivo di investimento prioritario dei padovani è incrementare il tenore di vita nel medio-lungo periodo (36%) così come rafforzare una pensione che teme sarà insufficiente (27%). Il 18% punta a rendere più sicuro il futuro della famiglia (18%). Ma quali sono gli strumenti di risparmio cui guardano? Il quadro non è avaro di sorprese: solo il 2% indica il mattone, storicamente considerato il porto sicuro. Discorso simile per le obbligazioni (10%) che, visti i tassi ai minimi, da tempo hanno perso il ruolo che tradizionalmente hanno svolto per generazioni di risparmiatori. Non trasmette sicurezza l’investimento diretto in titoli azionari (12%). I padovani sembrano invece più orientati alle soluzioni assicurative (36%) come le polizze vita e i piani di accumulo. Un ulteriore 18% guarda ai fondi pensione integrativi.