rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Economia

Nuova Pac, gli agricoltori di Coldiretti incontrano il professor Frascarelli

Per approfondire i dettagli e le ricadute della manovra europea Coldiretti Padova ha proposto il convegno “Il Piano Strategico per la PAC 2023-2027

Confronto a tutto campo sulla nuova Pac, la Politica Agricola Comune 2023-207, che definisce le risorse per l’agricoltura e le regole per la loro distribuzione alle aziende agricole per i prossimi cinque anni. Per approfondire i dettagli e le ricadute della manovra europea Coldiretti Padova ha proposto il convegno “Il Piano Strategico per la PAC 2023-2027: le scelte dell’Italia e le opportunità per le aziende agricole”, con l’intervento del professor Angelo Frascarelli, professore presso l’Università degli Studi di Perugia dove insegna Economia e Politica Agraria e Politica Agroalimentare, nonché presidente dell’Ismea e autore di numerose pubblicazioni sulla politica agricola comunitaria. 

Coldiretti

«In un contesto dove le variazioni climatiche e la natura dettano legge sulle decisioni da intraprendere in merito agli indirizzi colturali, - ha ricordato Massimo Bressan, presidente di Coldiretti Padova – abbiamo voluto dare ai nostri imprenditori la possibilità di un confronto diretto con il professor Frascarelli, uno dei massimi esperti di politica agraria comunitaria, che ha illustrato le principali ricadute delle nuove misure sulle aziende agricole, con numerosi esempi pratici. Il docente ha risposto anche alle domande degli agricoltori e ha invitato ad approfondire con l’aiuto dei tecnici di Coldiretti alcuni particolari aspetti. La Pac infatti resta un’architettura complessa che richiede un adeguato supporto agli agricoltori che Coldiretti è pronta a offrire». 

Scadenze

Entro il 15 maggio, salvo proroghe, gli agricoltori devono presentare la domanda unica per i contributi della Pac (Politica agricola comune) 2023-2027. Si tratta del primo anno di applicazione della nuova Pac che dispone di un budget di 37,5 miliardi in cinque anni. Le risorse hanno subito una limatura, ma è stata una battaglia dura preservare il tesoretto per gli agricoltori. Si era infatti partiti dalla prima proposta della Commissione europea che prevedeva una decurtazione del 30%. Che all’Italia sarebbe costato un taglio di 7 miliardi. Ma anche grazie al pressing della Coldiretti, alla fine la riduzione delle disponibilità nei sette anni è stata limitata al 2%. 

Aiuti

«Ci sarà un riallineamento degli aiuti, - ha ricordato Frascarelli - nel senso che potrebbe subire un ridimensionamento chi ha un premio storico superiore alla media, mentre ci guadagnerà chi lo ha più basso. E’ una Pac più selettiva ma potenzialmente gli agricoltori potranno intercettare più pagamenti. La parte “sicura”, che in precedenza era all’85%, si riduce al 48% ma grazie al mantenimento dei titoli le aziende agricole riusciranno comunque ad attingere maggiori risorse. Ma l’approccio cambia, anche se con gradualità rispetto a quanto successo in altri Paesi europei. Non dimentichiamo che gli agricoltori ricevono soldi pubblici attraverso la Pac e il cittadino che paga le tasse chiede perciò agli agricoltori di fare qualcosa di più per l’ambiente. Una novità è rappresentata infatti dagli eco schemi e cioè gli aiuti economici destinati agli agricoltori che adottano pratiche che impattano positivamente sul clima e l’ambiente». 

Italia

Grazie al lavoro della Coldiretti la definizione degli impegni, demandata agli Stati membri, ha reso possibile il coinvolgimento della più ampia platea di agricoltori. Novità importanti per i giovani ai quali è destinato il 2% delle risorse e per la gestione del rischio. L’Italia infatti, prima tra gli Stati membri, ha introdotto una” assicurazione” per tutti gli agricoltori che incassano i contributi Pac.L’Italia ha deciso di destinare i premi accoppiati (500 milioni) ai settori dove c’è una concentrazione di imprese che subiranno una riduzione dei titoli. Sono importanti nella nuova Pac anche gli interventi dello Sviluppo rurale che spaziano dall’agricoltura di precisione a quella biologica fino alla tutela della biodiversità. «Gli agricoltori sono chiamati a destreggiarsi tra condizionalità rafforzata, obblighi di rotazione, nuovi piani colturali – ha aggiunto Frascarelli – e dovranno valutare la convenienza e la percorribilità di alcune soluzioni. Siamo di fronte ad un cambio di prospettiva e di mentalità in un contesto che sta mutando rapidamente e richiede agli agricoltori una attenta programmazione».

frascarelli padova

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova Pac, gli agricoltori di Coldiretti incontrano il professor Frascarelli

PadovaOggi è in caricamento