menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuove linee del tram, il sindaco Sergio Giordani: "La mobilità sostenibile è strategica"

Continua il dibattito tra le istituzioni padovane. Il primo cittadino porta avanti il progetto

Il sindaco Sergio Giordani si esprime in merito al progetto di costruzione di due nuove liee del tram in città. "Padova non può più restare immobile nella palude dell’arretratezza", dichiara, "Voglio una Padova Capitale non una Padova provinciale e in declino. Tornare a investire con tutta la forza possibile nella mobilità sostenibile è una scelta strategica, presente nel Programma di Governo con cui mi sono presentato ai cittadini che mi hanno votato: la decisione è assunta e non si tornerà indietro. Sarebbe un atto politico criminale verso la città continuare a rinunciare a decine di milioni di euro di finanziamento pubblico per restare in un “dolce far niente” fatto solo di tanti “No” e di un fiume di parole che ammazza le prospettive di rilancio per tutta la nostra comunità".

L'AMBIENTE.

"Lo sviluppo di due linee di forza del trasporto pubblico, per tutti, lungo le direttrici SIR2 e SIR3 significa qualità della vita", aggiunge il sindaco, "significa servizio pubblico efficiente, significa riqualificazione e rivalutazione degli spazi pubblici e dei beni privati, significa rispetto per anziani e famiglie che hanno il diritto di muoversi in sicurezza e rapidamente nella loro città, soprattutto significa salute per noi e per i nostri figli. Chi tra vent’anni vuole vivere in una città con un servizio pubblico anni '60, che si snoda lento ed inquinante in quella che diventerà ancora di più una camera a gas, si accomodi pure e vinca le prossime elezioni tra cinque anni. Non ho nessuna intenzione di non compiere oggi una scelta decisiva che apre al futuro di una Padova attrattiva, europea e moderna".

LA POLEMICA.

"Io non devo ricandidarmi a nulla, la mia unica urgenza è fare le scelte giuste e di lungo respiro per la città, non il consenso che evapora in sei mesi. Non sarà certo per me e per la Giunta un problema confrontarsi, quartiere per quartiere, sulle soluzioni più adeguate in termini di tragitti e tempistiche, abbiamo tempo e volontà di farlo. Nessuna pretesa di avere la verità in tasca sulle questioni specifiche, ma l’impianto e la direzione di marcia strategica non sono in discussione. Tutto l’ascolto e la condivisione possibile sarà garantita, passo dopo passo di questo percorso, ai cittadini padovani, gli unici miei interlocutori. Non si accettano invece lezioni da chi ha rispedito al mittente 70 milioni di euro per rispondere solo al suo partito politico. Si prenda atto del dato elettorale, se qualcuno deve candidarsi alle prossime elezioni di primavera e ha bisogno di visibilità non è un problema del sindaco di Padova e soprattutto, la prossima, non sia una campagna sulla pelle di una città che si vorrebbe lacerata e invece è compatta nel voler guardare avanti insieme", conclude Giordani.

LE DIVERSE POSIZIONI.

Ascom si schiera contro il progetto, il presidente Patrizio Bertin spiega: “Le preoccupazioni degli operatori del commercio sono reali e non vanno trascurate. I danni causati al tessuto dei negozi di vicinato dai cantieri del tram all’Arcella e, soprattutto alla Guizza, sono ancora tangibili a distanza di più di dieci anni e dunque non vanno derubricati come opposizione alla modernità ma come richiesta di puntuale verifica delle condizioni e delle alternative che possono essere attuate”. Tram in via Facciolati, Legambiente Padova
Legambiente invece appoggia l'idea. "La scelta di far passare il tram in via Facciolati è una scelta corretta - fa sapere Legambiente - non solo perchè si salvaguarda il cuneo verde dell'Iris, importante polmone verde del quartiere che rischia già di essere saccheggiato anche a causa della lottizzazione portata avanti della precedenti amministrazioni, ma perchè il numero di potenziali utenti attorno a via Facciolati è incredibilmente più alto e quindi il mezzo sarebbe molto più efficiente". Interviene anche il presidente di Confartigianato Padova Roberto Boschetto: “I progetti di mobilità pubblica presentati in questi giorni dall’amministrazione comunale rispondono ad un’esigenza precisa: rigenerare la città, un progetto verso il quale la nostra associazione è pronta a dare il proprio contributo”. Trasporto pubblico locale, Bitonci attacca Giordani sul tram 20 settembre 2017
Il commento del consigliere di Minoranza Massimo Bitonci è: "L'ipotesi di una nuova linea del tram che passi attraverso il quartiere Forcellini e per evitare un passaggio al parco Iris occupi una porzione importante di via Facciolati con un possibile senso unico è davvero una scelta infausta".

 

Potrebbe interessarti: https://www.padovaoggi.it/cronaca/trasporto-pubblico-padova-tram-bitonci-20-settembre-2017.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/PadovaOggi/199447200092925

Potrebbe interessarti: https://www.padovaoggi.it/cronaca/tram-rigenerazione-urbana-confartigianato-padova.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/PadovaOggi/199447200092925

Potrebbe interessarti: https://www.padovaoggi.it/cronaca/tram-via-facciolati-legambiente-padova.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/PadovaOggi/199447200092925

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Padova usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento