menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovi voucher di difficile applicazione, Ascom: "In questo modo si favorisce il lavoro nero"

MArio Beltrame: "Di una cosa però devono rendersi conto i nostri governanti: il mondo dei servizi sta girando diversamente, i nostri clienti devono essere soddisfatti non in mesi ma in pochi minuti e le imprese non possono essere ostaggio di norme"

“Evidentemente i concetti di “tempo” e, soprattutto, di “urgente” per la pubblica amministrazione hanno significati diversi rispetto a quelli che hanno per noi comuni operatori economici”. Mario Beltrame, componente di giunta dell’Ascom, è un operatore della logistica alle prese con necessità di manodopera temporanee ma impellenti.

BUROCRAZIA. “Lunedì 24 luglio – racconta Beltramne - abbiamo effettuato un versamento all’INPS (tramite il previsto F24, dato che il promesso pagamento diretto on line non è stato ancora attivato) per un contratto di prestazione occasionale (ex-voucher, ora chiamato “PrestO” ma evidentemente non “BenE”). Come si sa, prima di poter far lavorare una persona bisogna avere costituito il “fondo cassa” presso l’INPS. Le istruzioni dell’Istituto, visibili on-line, dicono che l’importo diviene utilizzabile entro 7 giorni”. Oggi la (amara) sorpresa. “Siamo al 1° di agosto – continua Beltrame – ma l’importo non è ancora disponibile. Come spesso avviene in questo martoriato Paese al guinzaglio di una burocrazia onnipotente, la cosa è drammatica ma evidentemente non seria visto che chi intende muoversi nella legalità finisce per perdere lavoro a tutto vantaggio di soggetti “garibaldini” che pagano in nero e che di piattaforme e legalità se ne infischiano ottenendo, in questo, un vantaggio competitivo nei confronti di chi, pur contestandole, ritiene doveroso uniformarsi alle regole”. Si dirà: magari è solo una questione linguistica.


OSTAGGI DI NORME. “Per noi – riprende Beltrame - “esigenza improvvisa” ha un significato che non è quello della pubblica amministrazione. Di una cosa però devono rendersi conto i nostri governanti: il mondo dei servizi sta girando diversamente, i nostri clienti devono essere soddisfatti non in mesi ma in pochi minuti e le imprese non possono essere ostaggio di norme che, per paura, sono talmente “gonfie” di lacci e lacciuoli che finiscono per essere inapplicabili”. “Lo sfogo del collega Beltrame -chiosa il presidente dell’Ascom, Patrizio Bertin – è la rappresentazione di un mondo che gira a due velocità: da una parte ci stanno i grandi gruppi che nemmeno rispettano le scadenze imposte dalla legge (leggasi Airbnb che ha “saltato” la scadenza del 21 luglio “perché non in grado di fare i calcoli” dopo che mette il mondo in un’app) e dall’altro ci sono i piccoli imprenditori che non solo le scadenze le devono rispettare pena pesanti sanzioni, ma gareggiano con questi colossi correndo con la zavorra della palla al piede della vetero-burocrazia che si affiderà (male) anche alla rete ma resta ancorata ai vecchi criteri delle pratiche impilate sulle scrivanie “.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento