Pagamenti con carta di credito o bancomat, Ascom: "Devono essere a costo zero"

Duro il presidente Patrizio Bertin: «A noi vanno benissimo purché siano a costo zero e non servano a ingrassare ulteriormente le banche e gli istituti di credito»

I pagamenti con carte di credito? «A noi vanno benissimo, purchè non finiscano per ingrassare le banche». Il presidente dell'Ascom Confcommercio di Padova, Patrizio Bertin, entra deciso sulla questione che in questi giorni sembra monopolizzare il dibattito politico e lo fa spostando il punto di vista. «Non siamo certo noi commercianti - precisa - quelli che si oppongono al pagamento tramite mezzi elettronici, però vorremmo non fare la figura dei "cornuti e mazziati", ovvero di quelli che vengono additati come i soggetti che vogliono il mantenimento del contante perchè incalliti evasori quando invece chiediamo che contante e carte di credito abbiano lo stesso costo, cioè zero».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commissioni bancarie nulle

Tradotto: ben vengano i pagamenti coi pos purchè in presenza di commissioni bancarie nulle per i piccoli pagamenti. «Quando sento - continua Bertin - che in America tutti pagano col bancomat anche un semplice caffè, mi tolgo tanto di cappello. Peccato che da noi il pagamento di un semplice caffè con la moneta elettronica rischi di costare all'esercente di più del caffè stesso ed in questo senso le esperienze pregresse non ci fanno stare sereni- Il riferimento è ai pagamenti elettronici "a costo zero" che avrebbero dovuto riguardare i rifornimenti di carburante a tutela dei gestori vittime troppo spesso di rapine- Un progetto avviato e poi miseramente accantonato - segnala il presidente dell'Ascom Confcommercio - che la dice lunga su chi, in questo Paese, cada sempre in piedi. Si potrebbe incentivare l'uso dei mezzi elettronici di pagamento istituendo un credito d'imposta per i consumatori che acquistano mediante carte o introducendo detrazioni e deduzioni fiscali sui pagamenti tracciabili. Agli ultra 65enni, che oggettivamente hanno meno dimestichezza con queste forme di pagamento, si potrebbero distribuire carte prepagate. Ovviamente, e torniamo sempre lì, senza costi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giordani: «Mia figlia vive un momento delicato, per alcuni giorni mi asterrò da qualsiasi attività pubblica»

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Il Giro d'Italia arriva a Monselice: strade chiuse dalle 12.30, dodici i comuni interessati

  • Grave incidente sul lavoro al centro raccolta rifiuti di via Montà: morto un operaio

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

  • Coronavirus, l'aggiornamento di giornata su contagi e ricoveri a Padova e nel Veneto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento