rotate-mobile
Economia

Decreti Aiuti e pensioni: a ottobre aumento da 10 a 52 euro per il 91% dei padovani

Con la pensione di novembre, invece, scatta il bonus 150 euro, che il Decreto Aiuti Ter prevede una tantum per i pensionati con un reddito annuale fino a 20mila euro lordi (cioè poco più di 1.500 euro lordi al mese)

Con la pensione di ottobre il 92% dei pensionati veneti (1,1 milioni) si vedrà riconosciuto l'incremento del 2% stabilito col Decreto Aiuti Bis: un aumento che segue i criteri delle perequazioni (ma non è una perequazione) e, a seconda della fascia di reddito, va dai 10 a un massimo di 52 euro. Per quanto riguarda il Veneto, la metà dei pensionati vedrà un incremento non superiore a 30 euro. Questo beneficio si replicherà anche negli assegni di novembre, dicembre e tredicesima. Con la pensione di novembre, invece, scatta il bonus 150 euro, che il Decreto Aiuti Ter prevede una tantum per i pensionati con un reddito annuale fino a 20mila euro lordi (cioè poco più di 1.500 euro lordi al mese): a beneficiarne stavolta sarà il 52% dei pensionati veneti (666mila).

Pensioni a Padova

Questi, invece, i dati relativi alla provincia di Padova:

Tabella pensioni Padova-2

Fnp

«Indubbiamente sono soldi utili, ma è evidente che restano insufficienti a contrastare il costo della vita che tra prezzi dei beni al consumo e caro bollette è diventato insostenibile per i redditi medio-bassi», commenta Tina Cupani, segretaria generale Fnp Veneto. «Non c'è però percezione di sollievo», prosegue la segretaria, «I pensionati non accettano più queste piccole pezze e questi interventi in corsa, che pur sono doverosi dato l'evolversi quotidiano della situazione internazionale». Proprio l'alta platea fra i pensionati dei beneficiari dei vari "bonus", previsti con la decretazione di questi mesi, impone una seria riflessione sul futuro della categoria, per la quale la tenuta del potere d'acquisto del proprio assegno è fondamentale. Conclude, infatti, Cupani: «Si formerà un nuovo Governo con una solida maggioranza parlamentare: ora ci aspettiamo proposte concrete di riforme strutturali sulle quali confrontarci per dare al Paese soluzioni di lungo respiro. Noi come sindacati siamo pronti al confronto e le nostre idee sono note». Le riforme che la Fnp chiede da tempo partono da una revisione complessiva dell'imposizione fiscale, che riveda la tassazione sulle pensioni (una pensione da 1.500 euro lorde al mese in Italia produce 3.500 euro di tasse all'anno, in Germania 39). Poi è necessaria una riforma del sistema previdenziale che sia lungimirante e tenga conto dell'invecchiamento della popolazione e del calo demografico. Ma tutto parte dai necessari interventi per promuovere e sostenere il lavoro di qualità, soprattutto per donne e giovani: una retribuzione dignitosa porta a una pensione dignitosa, e più lavoratori portano più contributi e tasse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decreti Aiuti e pensioni: a ottobre aumento da 10 a 52 euro per il 91% dei padovani

PadovaOggi è in caricamento