menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Azzurrodigitale esporta la piattaforma che gestisce gli operai già adottata da Electrolux e Safilo

Al posto dei fogli di calcolo la gestione dei turni di lavoro si affida a un software che pianifica le persone giuste al posto giusto rispettando le competenze

Un pezzo della fabbrica del futuro è già qui, e nasce dalla startup padovana AzzurroDigitale. Al posto dei fogli di calcolo e dei tabelloni appesi al muro, la gestione dei turni di lavoro si affida a un software che pianifica le persone giuste al posto giusto rispettando le competenze e le prescrizioni mediche degli operatori, aggiornate in tempo reale. 

Un seminario

La soluzione si chiama Advanced Workforce Management System (AWMS), è stata ideata da AzzurroDigitale e già adottata da due grandi aziende come Safilo ed Electrolux. Ora fa il suo debutto in terra emiliana grazie al Crit di Vignola (Modena), società nata per favorire l’incontro tra aziende e tecnologie innovative. E che ha da poco inserito AzzurroDigitale nel suo Network dei fornitori accreditati, 48 aziende eccellenti segnalate dalle 28 imprese socie di Crit. L’occasione è il seminario “Le soluzioni a supporto della produzione”, martedì 25 giugno alle 14 nella sede Crit (via Confine 2310, Vignola), in cui AzzurroDigitale affronterà il problema (e le soluzioni) della gestione della produzione tramite le testimonianze di Safilo ed Electrolux.

Le linee produttive

Carlo Pasqualetto, Ceo di Azzurrodigitale, presenta la piattaforma Advanced Workforce Management System (AWMS) per la pianificazione del personale di produzione. Morris Fant, plant manager di Safilo, si focalizzerà poi sulle attività legate alla trasformazione digitale delle fabbriche del gruppo, mentre Beatrice Maestri, open innovation manager di Electrolux, esporrà il programma di “innovazione aperta” della multinazionale degli elettrodomestici. «La piattaforma AWMS gestisce e pianifica gli operai lungo le linee produttive utilizzando sistemi di intelligenza artificiale – afferma Carlo Pasqualetto, Ceo di AzzurroDigitale -. L’obiettivo è quello di mettere la persona giusta al posto giusto nel momento giusto. Riduciamo del 75% il tempo per la pianificazione della forza lavoro, dimezziamo il tempo per gestire le emergenze e la matrice delle competenze si aggiorna in automatico. Stiamo lavorando per portare entro il 2019 la piattaforma in 30 stabilimenti produttivi, per arrivare a 350 nei prossimi tre anni».

StartUp innovativa

AzzurroDigitale è una startup innovativa padovana che si occupa di consulenza e sviluppo di soluzioni software per grandi aziende manifatturiere, fondata nel 2015 da tre giovani padovani: Antonio Fornari, Carlo Pasqualetto e Jacopo Pertile. Il team ha un’età media di 28 anni. AzzurroDigitale realizza progetti di digital transformation per industrie manifatturiere che vengono aiutate nella delicata fase di evoluzione aziendale attraverso soluzioni digitali scalabili, basate sul cloud e create per essere facilmente utilizzabili all’interno della struttura produttiva. Utilizza come approccio al “problem solving” le tecniche del Design Thinking e l’Agile come metodologia nella fase esecutiva. https://www.azzurrodigitale.com
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento