menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Plateatici nei locali, Appe: "Piacciono a clienti e gestori ma i costi di gestione sono folli"

L'associazione dei pubblici esercizi richiama le amministrazioni comunali della provincia a una maggiore attenzione verso gli esercenti, che devono farsi carico di spese molto ingenti

Con l’avvicinarsi della stagione estiva, sono sempre di più i pubblici esercizi che collocano tavolini e sedie all'aperto. L’Appe Padova ha recentemente svolto un sondaggio tra i propri associati, per capire quale sia l’andamento delle attività con l'utilizzo degli spazi esterni, e lancia un appello alle amministrazioni comunali per contenere costi e imposte.

Clienti ed esercenti favorevoli all'uso degli spazi esterni

Dalla verifica condotta dalla Associazione Provinciale Pubblici Esercizi è emerso un quadro che conferma quanto già si prevedeva ma che ha destato anche qualche preoccupazione, come sottolinea la vice presidente Federica Luni. Confermato l'apprezzamento da parte dei clienti per la presenza di tavoli e sedie all'esterno - che possono essere collocati in area privata o pubblica e in questo caso prevedono il pagamento al comune del canone di occupazione del suolo pubblico. Il 92% degli esercenti dichiara che il plateatico è amato dalla clientela, mentre solo l’8% ne è sostanzialmente indifferente. Apprezzamento che è confermato anche dal lato dell'esercente, poichè il 90% dei bar e ristoranti ha confermato, per il 2018, le medesime misure e il periodo di occupazione dell’anno precedente. Nessuna sorpresa, inoltre, per quanto riguarda i prezzi: l’applicazione di maggiorazioni sui listini per i prodotti serviti all’esterno riguarda solo il 9% dei locali, mentre per il 91% i prezzi restano uguali a quelli offerti all'interno. 

I servizi amati dagli avventori

Decisamente più ampia la rosa di risposte collegate ai servizi più apprezzati dalla clientela (in questo caso si potevano dare risposte multiple): si va dalla presenza di arredo urbano - come piante e fioriere che piacciono al 67% degli intervistati, alla presenza di sottofondo musicale (gradito da un intervistato su quattro) e al contesto dove è collocato il plateatico (importante per il 22% del campione). Decisamente meno indispensabile la presenza di riscaldamento invernale, che interessa solo al 12% dei clienti.

Il problema di costi e burocrazia

Infine, gli aspetti più problematici collegati alla gestione del plateatico riguardano in gran parte i costi: per il 75% degli esercenti intervistati il canone per l’occupazione dell’area pubblica è troppo alto, mentre per il 33% sono troppo onerose le spese connesse all’acquisto e manutenzione di tavoli e sedie. Più di un esercente su quattro (il 27%) ritiene che vi sia troppa burocrazia per la concessione dell’area pubblica. Decisamente residuali gli altri aspetti negativi che sono stati segnalati: oneri per il controllo dell’area esterna (17%) e necessità di camerieri aggiuntivi (8%).

Un beneficio oneroso

"I risultati del sondaggio - afferma Federica Luni - confermano che sia i clienti che gli esercenti amano, d’estate, utilizzare gli spazi all’aperto per godere delle prestigiose location che Padova e piccoli borghi della provincia possono offrire, magari con un po’ di musica di sottofondo e in un ambiente protetto e abbellito da piante e fiori". "Registriamo però con preoccupazione - continua - le lamentele dei colleghi riguardanti gli alti costi e la burocrazia collegata al rilascio e al rinnovo delle concessioni di occupazione delle aree pubbliche, aspetti che abbiamo già segnalato alle amministrazioni comunali e, in particolare, a quella di Padova".

"Si scelgano pratiche più agili"

"Ben vengano allora - chiosa Luni - i progetti, come quello dell’assessore al commercio di Padova Antonio Bressa, di concessione pluriennale dell’occupazione al fine di snellire l’operato degli uffici e alleggerire il peso della burocrazia che grava sui bilanci degli imprenditori di pubblico esercizio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento