Previsioni vendemmia: sui colli euganei perdite tra il 20 e il 30%

Coldiretti Padova: maggiore attenzione ai dati diffusi. La siccità ha colpito duro ma non ha compromesso il raccolto, media provinciale del 20 % per i rossi e del 30 per i bianchi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Previsioni sulla vendemmia 2012, Coldiretti Padova invita a prestare maggiore attenzione ai dati diffusi a livello regionale e nazionale per non creare falsi allarmismi e turbare il mercato in un periodo delicato come quello attuale. A preoccupare l’organizzazione agricola padovana è la stima di Veneto Agricoltura, presentata l’altro ieri e rilanciata da tutti i principali mezzi di comunicazione, che attribuisce una flessione del 50% della produzione di vino sui Colli Euganei e una media provinciale attestata su valori troppo pessimistici.

“La siccità ha colpito in particolare la nostra provincia – spiega Marco Calaon, presidente di Coldiretti Padova nonché produttore vinicolo dei Colli Euganei – e influenzerà la vendemmia in corso. Prevedere però che la produzione dei vino dei Colli Euganei subirà un calo addirittura fino al 50 per cento è fin troppo pessimista. Come stiamo ripetendo da settimane chi ha avuto la possibilità di irrigare non avrà particolari problemi durante la raccolta mentre i vigneti posti nelle zone non raggiunte dall’irrigazione potranno subire delle perdite significative. Solamente in alcuni casi isolati si arriverà ad un mancato raccolto del 50 per cento. La media complessiva per l’area Colli, pertanto, è lontana dal 50 per cento previsto da Veneto Agricoltura e si attesta, nella peggiore delle ipotesi, sul 30 per cento per le varietà dei bianchi e del 20 per cento per i vini rossi. In pianura la situazione è un po’ meno drammatica e in media stimiamo una perdita del 15-20% per i bianchi e del 20-25 per cento per i rossi. La qualità comunque si annuncia molto buona e questo compenserà la minor produzione. In ogni caso dovremo aspettare ancora un paio di settimane per avere dei dai più precisi. Il mercato è molto sensibile e gli speculatori sono sempre dietro l’angolo, pronti ad approfittare anche di semplici previsioni pur di non riconoscere il giusto valore alla produzione agricola”.

Mentre continua la vendemmia delle uve bianche, da domani sui Colli Euganei inizia la raccolta dei rossi. Alessio Equisetto, direttore della Cantina Colli Euganei, conferma l’ottima qualità del prodotto: “Le uve sono sane e la gradazione zuccherina elevata garantirà un vino eccellente. Finora abbiamo raccolto i bianchi precoci come Pinot Grigio, Moscato bianco e Chardonnay, adesso procediamo con la Glera per la produzione del Prosecco e da domani partiamo con il merlot. E’ presto per fare una stima affidabile, in ogni caso per fortuna siamo lontani dal 50 per cento di cui si parla in questi giorni. Ci sono alcuni vigneti particolarmente stressati per la mancanza d’acqua che hanno registrato delle perdite così elevate ma la media dell’area collinare è decisamente più bassa, non superiore al 20-30 per cento. A metà vendemmia riusciremo ad avere dei dati più precisi ma non dovremo scostarci da queste stime”.

 

Torna su
PadovaOggi è in caricamento