Saldi invernali al via anche a Padova: le cinque regole d'oro per il corretto acquisto degli articoli

Ascom Confcommercio Padova prevede una spesa di circa 370 euro a famiglia e lancia i "saldi sostenibili"

Saldi invernali al via sabato 4 gennaio

Più o meno 370 euro a famiglia, con una leggera flessione rispetto al pari periodo dell’anno scorso: è questo l’impatto sui saldi - in programma da sabato 4 gennaio - che prevedono negli uffici dell’Ascom Confcommercio di Padova.

"Saldi sostenibili"

Ma al di là del giro d’affari, sono le motivazioni che stanno alla base degli acquisti quelle che sembrano attirare maggiormente l’attenzione in avvio di 2020. Sottolinea Riccardo Capitanio, presidente di Federmoda Ascom Confcommercio Padova: «Ai consumatori, sempre più orientati ad usufruire del web per i propri acquisti, offriamo la possibilità di avviare un percorso virtuoso verso "saldi sostenibili" dal punto di vista non solo socio-economico, ma anche ambientale. Comprare nei negozi di vicinato, quelli che sono l’anima dei nostri centri urbani, significa toccare con mano la qualità, provare e trovare le taglie e le misure giuste, il tutto comodamente "sotto casa". Ma significa anche limitare il traffico caotico dei furgoni che consegnano pacchi con imballaggi che poi dovranno essere smaltiti». Aggiunge Patrizio Bertin, presidente di Ascom Confcommercio Padova: «Comprare nei negozi è certamente più sostenibile dal punto di vista ambientale, e non sottovaluterei anche l’aspetto relazionale».

Cinque regole d'oro

A margine delle valutazioni l’Ascom ricorda alcuni principi base per il corretto acquisto degli articoli in saldo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  1. Cambi. La possibilità di cambiare il capo dopo che lo si è acquistato è generalmente lasciata alla discrezionalità del negoziante, a meno che il prodotto non sia danneggiato o non conforme (art. 1519 ter cod. civile introdotto da D.L.vo n. 24/2002). In questo caso scatta l'obbligo per il negoziante della riparazione o della sostituzione del capo e, nel caso ciò risulti impossibile, la riduzione o la restituzione del prezzo pagato. Il compratore è però tenuto a denunciare il vizio del capo entro due mesi dalla data della scoperta del difetto.
  2. Prova dei capi. Non c'è obbligo. È rimesso alla discrezionalità del negoziante.
  3. Pagamenti. Le carte di credito devono essere accettate da parte del negoziante.
  4. Prodotti in vendita. I capi che vengono proposti in saldo devono avere carattere stagionale o di moda ed essere suscettibili di notevole deprezzamento se non venduti entro un certo periodo di tempo. Tuttavia nulla vieta di porre in vendita anche capi appartenenti non alla stagione in corso.
  5. Indicazione del prezzo. Obbligo del negoziante di indicare il prezzo normale di vendita, lo sconto e il prezzo finale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento