menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Davide D’Onofrio

Davide D’Onofrio

Scandalo Volkswagen, Confapi: "Un guaio per 3mila imprese"

La Confederazione italiana della piccola e media industria lancia l'allarme e fotografa la situazione del Padovano dopo quanto accaduto nel colosso tedesco: "Tutto il settore colpito, anche le aziende minori"

Novantasei aziende coinvolte direttamente. Ma quasi tremila (2.991) coinvolte indirettamente. Sono i numeri delle aziende della subfornitura meccanica padovana che potrebbero subire ripercussioni dallo scandalo Volkswagen. Lo attesta Fabbrica Padova, centro studi di Confapi, che, partendo dai dati della Camera di commercio relativi agli insediamenti produttivi nel territorio, ha calcolato quante imprese potrebbero uscire danneggiate dal “dieselgate” legato al colosso di Wolfsburg.


I NUMERI. Codici Ateco alla mano, occorre infatti aggiungere alle imprese impegnate nella fabbricazione degli autoveicoli e dei loro componenti (96) quelle che operano nella lavorazione di meccanica generale (751), nella fabbricazioni di strutture metalliche e parti di strutture (608), nel rivestimento dei metalli (222), nella fabbricazione di apparecchiature di segnalazione e illuminazione anche per mezzi di trasporto (116) e di apparecchiature di refrigerazione e ventilazione (179), solo per citare alcuni settori. Ed è poi il caso di soffermarsi su altri comparti come la fabbricazione di pistoni, fasce elastiche, carburatori e parti simili di motori a combustione interna, e la fabbricazione di apparecchiature fluidodinamiche, di pompe, valvole e compressori, di cuscinetti, ingranaggi e organi di trasmissione e di altre macchine di impiego generale (179 sommando le varie voci) che non sono legati tecnicamente all’automotive ma che, chiaramente, sono implicati. Ma l’elenco, come riportato nella tabella in coda al testo, potrebbe continuare.


TUTTE LE AZIENDE. "E’ chiaro che le aziende più coinvolte sono quelle direttamente attive nella fabbricazione di parti e accessori per autoveicoli, ma le implicazioni saranno pesanti per un numero molto più ampio di imprese" commenta Davide D’Onofrio, direttore di Confapi Padova. "Dobbiamo infatti considerare sia l’indotto diretto sia quello indiretto, che riguarda il settore della subfornitura meccanica e comprende anche i contoterzisti che, a loro volta, riforniscono gli stessi fornitori. Ecco perché è corretto calcolare tutte le aziende che producono componenti ma anche tecnologia utilizzata nelle linee di produzione industriale. Sono aziende che, in caso di un rallentamento delle esportazioni, avranno solo da rimetterci, anche se non esportano direttamente i propri prodotti in Germania. A oggi è impossibile quantificare quali saranno le conseguenze dello scandalo ma è purtroppo facile prevedere che non saranno indolori".


I CONSUMATORI. Il tutto, senza considerare il “disturbo” arrecato ai consumatori finali, i cittadini che hanno acquistato auto del gruppo. Volkswagen Group Italia ha comunicato che le vetture circolanti in Italia con il motore TDi 4 cilindri 2 litri EA 189 coinvolte nello scandalo delle emissioni sono 648.458. Di queste oltre la metà (361.432) sono del brand Volkswagen, poi ci sono 197.421 Audi, 38.966 Skoda, 35.348 Seat e 15.291 veicoli commerciali. Il piano d’azione prevede che il colosso tedesco e le altre case madri delle marche del Gruppo presentino “le soluzioni tecniche e le relative misure alle autorità competenti nel mese di ottobre”, come precisato in una nota da Wolfsburg. I clienti saranno informati su “tempistiche e modalità per l’esecuzione dell’intervento di manutenzione service”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento