Sciopero della “benzina”: no a rifornimenti il 6 giugno

L'Aci (Automobile club d'Italia) propone una giornata di protesta agli automobilisti, chiamati a non rifornirsi alle pompe al fine di protestare in massa contro i continui aumenti fiscali sui carburanti

La locandina della protesta

“Una risposta corale degli automobilisti contro l’eccessivo carico fiscale sui carburanti”. È il primo sciopero "della benzina" -  non dei benzinai, attenzione - indetto dall’Aci (Automobile club d’Italia) per il prossimo mercoledì 6 giugno.

LE RAGIONI. Un'iniziativa per lanciare un forte segnale di protesta contro i continui aumenti fiscali che gravano sui carburanti e più in generale sull’auto. Negli Usa un’analoga iniziativa generò nel 1997 una riduzione del costo della benzina fino a 30 centesimi di dollaro in 24 ore. “Un risultato difficilmente replicabile oggi – ammette l'Aci - ma che comunque dimostra l’efficacia di una risposta corale”. Pertanto l'invito agli automobilisti è di non fare rifornimento alle pompe per l'intera giornata del 6 giugno.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Vintage Festival, festa dell’uva e del vino, incontri culturali e sagre: il weekend a Padova

  • Evasione fiscale: le fiamme gialle confiscano 500mila euro di beni a un imprenditore

  • Curva ad alta velocità, auto sbanda e si rovescia di prima mattina: ferita una donna

  • Auto esce di strada dopo essersi cappottata più volte: tre feriti, uno è grave

Torna su
PadovaOggi è in caricamento