Sciopero generale, scontri tra polizia e no global in Stazione: 3 agenti feriti

Presidi e cortei in zona industriale con blocco della tangenziale di Adl-Cobas per la questione delle cooperative e stop davanti alla sede Aps. "Sanzionate" le banche. Corteo di studenti e no-global: cariche della polizia con 3 agenti al pronto soccorso

Un momento dello scontro tra polizia e manifestanti davanti alla stazione di Padova (fonte: Sherwood)

Lo sciopero generale nazionale proclamato per oggi, 14 novembre, è cominciato presto, questa mattina all'alba, con la mobilitazione di Adl-Cobas in zona industriale a Padova per le condizioni dei lavoratori nelle cooperative. La giornata di oggi si inserisce nell'iniziativa di mobilitazione europea indetta dalla CES (Confederazione Europea dei Sindacati) sotto le parole d'ordine: "Per il lavoro e la solidarietà contro l'austerità".

IL VIDEO: TAFFERUGLI IN STAZIONE

SCONTRI IN STAZIONE. Verso le 11, secondo una prima ricostruzione della polizia, un gruppo di circa 200-300 no global si è staccato dal corteo di adesione alla protesta europea contro la crisi indetta dalla Cgil, che stava manifestando pacificamente. Dopo aver attraversato la città, creando forti disagi al traffico automobilistico, si sono diretti verso la stazione ferroviaria, probabilmente per occupare i binari. Le forze dell'ordine avevano però disposto un cordone di sicurezza per impedire l'accesso ai binari. Dal gruppo dell'area antagonista si è staccato un nucleo di una sessantina di manifestanti che ha scaricato da un camioncino decine di scudi in plexiglass lanciandoli assieme a sassi e altri oggetti, contro la barriera di sicurezza delle forze dell'ordine. C'è stata così una carica di alleggerimento, durante la quale è stato fermato (e poi rilasciato) un manifestante, denunciato infine per resistenza a pubblico ufficiale. La polizia sta visionando i filmati degli incidenti per identificare i facinorosi, una trentina dei quali saranno denunciati nelle prossime ore.

LA CGIL: "EPISODI DA CONDANNARE E SOLIDARIETÀ ALLE FORZE DELL'ORDINE"

AGENTI FERITI. Nel corso dei tafferugli in stazione tre poliziotti sono rimasti feriti. Uno dei tre agenti feriti è già stato dimesso; gli altri due sono sotto osservazione. Uno di questi ha riportato ferite ad una gamba provocate dallo scoppio di una bomba-carta.

OGGI A PADOVA: LO SCIOPERO GENERALE

La cronaca della mattinata:

I LAVORATORI. Il corteo questa mattina ha bloccato la tangenziale, fermandosi anche davanti alla sede di Acegas Aps per la vicenda della fusione con Hera, i referendum sull'acqua e i licenziamenti degli ex operatori ecologici del centro.

IL VIDEO: BLOCCATA LA TANGENZIALE

GLI STUDENTI. I lavoratori hanno poi raggiunto gli studenti davanti al piazzale della stazione, da dove è partito un lungo e nutrito corteo diretto verso il centro cittadino. Si sono aggregati anche insegnanti e precari.

GLI IMMIGRATI. Assieme ai lavoratori e agli studenti si sono uniti anche gli immigrati, rappresentati dall'associazione Razzismo Stop che sventola il suo striscione: "Nessuno senza casa, permesso e diritti".

LE BANCHE. Lungo il percorso i manifestanti hanno "sanzionato" le banche con scritte alle vetrine: "fuck austerity".

NELLE PIAZZE. Si sono contati circa 5mila partecipanti alla mobilitazione. Lungo le Riviere è stato bloccato il transito dei mezzi di trasporto pubblico. L'approdo nelle piazze del centro storico della città all'insegna di slogan urlati a squarciagola come: "Noi la Crisi non la paghiamo!".

I COMIZI. Di fronte a piazza Garibaldi letteralmente gremita di lavoratori, studenti e pensionati si sono alternati gli interventi e le testimonianze di aziende in crisi, del mondo della scuola, dei pensionati e degli studenti, sino al comizio finale tenuto dal segretario generale della Cgil di Padova Andrea Castagna.

LE ADESIONI. La Cgil di Padova riferisce di una "alta |'adesione allo sciopero nelle fabbriche e negli uffici", tra gli altri: la Carraro di Campodarsego 90%, la Dab 70%, la Varisco 90%, la Ferrau 90%, la Fonderia ZEN 100%, la Anselmi 80%, la ZF 90%, ABC Sopren 100%, Italo Forme 80%, Cantiere Ospedale Monselice 60%, Thermorfom 100%, ORV 40%, Ikea, ecc.. "Alta adesione", riferisce sempre la Cgil, anche nel mondo della scuola e degli enti pubblici: Comune di Padova, Azienda Ospedaliera, Ulss.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nella Bassa: si è tolto la vita Stefano Farinazzo, sindaco di Casale di Scodosia

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Tra incredulità e gioia: al ristorante Radici di Padova si presenta Martin Scorsese

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Ristorante la sera, discoteca abusiva la notte: dopo il blitz stop ai balli

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

Torna su
PadovaOggi è in caricamento