Venerdì, 24 Settembre 2021
Economia

Impresa ed energia: dal 1° gennaio obbligatorio il passaggio al mercato libero

Coinvolte oltre 10mila imprese del territorio euganeo: più di 1100 hanno già aderito al Caem attraverso lo sportello Sos energia di Confartigianato Imprese Padova

Sono oltre 10 mila le micro e piccole imprese della provincia di Padova che dal 1° gennaio 2021 dovranno rifornirsi di energia elettrica nel mercato libero. La legge dice stop, dunque, al mercato di tutela. Per le famiglie, invece, la scadenza è rinviata al 2022.

Imprese e microimprese

Con il nuovo anno quindi le imprese che, secondo la definizione comunitaria, hanno tra 10 e 50 dipendenti e/o un fatturato annuo tra i 2 ed i 10 milioni di euro, e le microimprese (cioè quelle con meno di 10 dipendenti e fatturato annuo non superiore a 2 milioni di euro) che abbiano almeno un punto di prelievo con potenza contrattualmente impegnata superiore a 15kW con una fornitura in bassa tensione, dovranno scegliere un venditore del mercato libero. Per accompagnare in questo passaggio le piccole imprese, finchè non si sceglierà un nuovo venditore sul mercato libero, si passerà automaticamente e senza interruzione della fornitura nel Servizio a Tutele Graduali definito dall’ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e ambiente). Il Servizio consentirà a tutti gli utenti che ancora non hanno scelto un venditore sul mercato libero di non subire alcun tipo di interruzione della fornitura di energia. Nel periodo 1° gennaio 2021 - 30 giugno 2021 l'utenza sarà assegnata in modo transitorio allo stesso fornitore della maggiore tutela che già serve il cliente, con condizioni contrattuali coincidenti con quelle regolate delle offerte PLACET già esistenti (contratti a Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela).

Sportello energia

Dopo questa prima fase di accompagnamento, a partire dal 1° luglio 2021, se ancora non si è scelto un venditore sul mercato libero, la fornitura verrà assegnata a regime e il Servizio a tutele graduali sarà erogato da operatori selezionati con delle gare (ripetute dopo tre anni) a livello di aree territoriali, sempre con le condizioni contrattuali delle offerte PLACET. Per non far trovare impreparate le imprese e per evitare che sia una Gara che determini il cambio di gestore, da anni in Confartigianato Imprese Padova è attivo con lo Sportello Energia: un team di professionisti esperti che, lettura e analisi delle bollette energetiche in mano, è in grado di consigliare l’impresa e accompagnarla nella scelta il più consapevolmente possibile.

Imprese padovane

Oltre 1100 imprese padovane hanno già aderito al Consorzio Caem, lo strumento che in questi anni ha saputo aggregare oltre 8 mila aziende venete sul tema della negoziazione delle forniture energetiche. Lo Sportello Energia di Padova, in rete con gli altri sportelli territoriali delle Confartigianato nel NordEst, gestisce le forniture di 1100 aziende e di altrettante famiglie. Tutte le imprese possono rivolgersi allo Sportello per capire i propri consumi, eventuali opportunità di risparmio ed essere indirizzati sul mercato libero scegliendo fornitori seri, vantaggiosi e opportunamente validati dal nostro consorzio. Per saperne di più la e-mail é: energia@upa.padova.it Per i clienti domestici e le microimprese con tutti i punti di prelievo con potenza contrattualmente impegnata inferiore o uguale a 15 kW, la scadenza è fissata entro il 31 Dicembre 2021.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impresa ed energia: dal 1° gennaio obbligatorio il passaggio al mercato libero

PadovaOggi è in caricamento