Economia Stanga / Via della Croce Rossa

Superbonus 110%, Fraccaro a Padova: «Via ai cantieri, ora un tavolo con le categorie»

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio incontra gli artigian: secondo l’Ue per ogni euro investito 1,9 euro di volano per l’economia

Carlo Montagnin e Riccardo Fraccaro

Il Superbonus 110% per le ristrutturazioni e gli interventi di efficientamento energetico rappresenta la possibilità di rilancio di un settore che in provincia di Padova conta 12mila imprese. Tanto che, secondo l’Europa, ogni euro di investimento genererà 1,9 euro di volano per l’economia. A dirlo il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, che a Padova ha incontrato gli artigiani nella sede della CNA provinciale.

L'incontro

«Crediamo molto in questa misura, abbiamo bisogno che il mondo dell’edilizia lavori e riparta subito. Dobbiamo puntare alla sostenibilità ambientale ma soprattutto a creare posti di lavoro tutelando l’ambiente» ha spiegato Fraccaro. «È una misura dirompente perché è a costo zero per i cittadini, e credo che sia la prima volta nella storia. Agli artigiani chiedo di utilizzare prodotti made in Italy. Alcuni, nei giorni scorsi hanno parlato di informazioni ancora poco chiare» aggiunge il sottosegretario, «ma la verità è che oggi si può partire, non c’è nessun motivo che impedisca di dare il via ai cantieri. Ora serve un tavolo permanente a livello territoriale con tutte le associazioni coinvolte, gli ordini professionali, le banche del territorio, in modo che ci si possa interfacciare velocemente con il governo e in modo che le informazioni siano sempre univoche. L’idea di estendere la durata del Bonus c’è» conclude Fraccaro. «Stiamo lavorando per usare i soldi del Recovery Fund per spostare in avanti i termini. Ma è importante iniziare subito a lavorare».

Cna Padova

«Il superbonus è una opportunità molto importante per le imprese, da gestire in modo adeguato. Rappresenta una concreta prospettiva per il mondo dell’edilizia e degli impianti» dichiara il presidente di CNA Padova Luca Montagnin. «Siamo d’accordo con la filosofia del provvedimento, basta cementificare, è il momento di riqualificare. Le due classi di miglioramento dell’efficienza energetica penso debbano essere considerate un punto di partenza, spero che si possa fare anche di più. Inoltre, estendere la misura permetterebbe di fare una programmazione dei lavori a lungo termine. Come associazione abbiamo messo in piedi una squadra di professionisti, tecnici, architetti, ingegneri, progettisti, per assistere e supportare i nostri associati in tutti gli adempimenti necessari».

I dati

Tra le imprese artigiane padovane, fortemente colpite dall’emergenza Covid, il settore dell’edilizia e impianti potrebbe riuscire a limitare i danni post-lockdown grazie alle opportunità offerte dal Superbonus. Da una recente rilevazione di CNA Padova tra i propri associati emerge che proprio le costruzioni potrebbero subire una perdita occupazionale prevista intorno all’8% (contro il -20% degli altri settori) e perdite di fatturato più basse (-23%) rispetto alle imprese produttive (-30%) e dei servizi (-34%). Inoltre la stragrande maggioranza delle imprese del settore edile (77%) si aspetta in generale un incremento dell’attività rispetto allo scorso anno grazie al provvedimento, mediamente intorno al 20%, recuperando almeno in parte quanto perso da inizio anno ed auspicando che con l’allungamento della durata del bonus a tutto il 2021 si possa guardare con maggiore fiducia ad un orizzonte più lungo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Superbonus 110%, Fraccaro a Padova: «Via ai cantieri, ora un tavolo con le categorie»

PadovaOggi è in caricamento