Crisi in Veneto: aiutare le famiglie in difficoltà facendo la spesa

Fino al 4 luglio, tutti i giorni nei supermercati Alì e Alìper, la colletta del Banco Alimentare per sopravvivere alla crisi

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Nei supermercati Alì e Alìper e nelle profumerie Unix, la solidarietà non è solo per 1 giorno, ma per tutti i giorni dell'anno: facendo la spesa con la Carta Fedeltà è possibile accumulare punti e sostenere il Banco Alimentare Veneto donando, con un corrispettivo di 400 punti, un kit alimentare a chi ne ha più bisogno e alle tante famiglie in difficoltà. Per accumulare punti e donare un kit alimentare c'è tempo ancora fino al 4 luglio.

L'iniziativa è frutto del sodalizio tra Alì Spa e l'Associazione Banco Alimentare del Veneto Onlus, che opera sul territorio regionale dal 1993 raccogliendo le eccedenze alimentari dal mondo agricolo, industriale e della grande distribuzione perché non diventino spreco, e le ridistribuisce alle Strutture Caritative che nel Veneto si occupano di assistenza e di aiuto ai poveri ed agli emarginati (mense per indigenti; strutture di accoglienza per anziani, minori e ragazze madri; comunità e cooperative sociali di recupero; Caritas parrocchiali, San Vincenzo, centri di solidarietà e associazioni che si rivolgono a famiglie in difficoltà e a situazioni di grave esclusione sociale, ecc.). L'Associazione fa parte della Rete di 21 Organizzazioni Banchi Alimentari coordinati dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus.

I prodotti alimentari donati sono raccolti e distribuiti presso due magazzini, a Verona e Padova. Nel 2010 sono state raccolte oltre 4.650 tonnellate di prodotti. Da gennaio 2011 i prodotti alimentari sono distribuiti a 453 Strutture Caritative che assistono in Veneto più di 80.300 persone, grazie all'instancabile lavoro di un centinaio di volontari. Ogni anno, l'ultimo sabato di novembre, partecipa all'organizzazione della Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, promossa dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus.

Nell'ultima colletta alimentare, i supermercati Alì e i loro clienti hanno raccolto, in 60 punti vendita delle Provincie di Verona, Padova, Rovigo, Venezia e Vicenza (che rientrano nell'area di competenza del Banco Alimentare Veneto, mentre Treviso e Belluno sono di competenza del Banco di Udine), oltre 85.000 kg di prodotti: 6.900 kg di olio, oltre 4.000 di omogeneizzati e alimenti per l'infanzia, 5.000 tra tonno e carne in scatola, 13.500 di pelati, 16.500 di legumi, oltre 21.000 tra pasta e riso, 2.000 di zucchero, 2.000 di latte, 1.600 di biscotti e crackers e altri 11.000 di alimenti vari.

"La povertà aumenta ogni giorno - commenta il presidente Alì S.p.A. Francesco Canella - i consumi si stanno contraendo e con la crisi sono tornati anche i "ladri per fame": nei nostri supermercati negli ultimi mesi abbiamo visto aumentare il triste fenomeno dei furti di cibo e generi di prima necessità. Da sempre all'interno del gruppo Alì crediamo che ognuno debba fare tutto ciò che è in proprio potere per migliorare la vita di tutti. Per questo da sempre aderiamo alla Colletta Alimentare, ma quest'anno per la prima volta abbiamo voluto proporr equesta iniziativa insieme al Banco Alimentare, coinvolgendo anche i nostri clienti, per venire incontro e dare una mano a chi ha difficoltà economiche".

Info: www.alisupermercati.it www.bancoalimentare.it/it/veneto

Torna su
PadovaOggi è in caricamento