rotate-mobile
Economia

TedxPadova, ennesimo successo: sold out il Centro Congressi

Un appuntamento che, grazie alle 11 voci che si sono alternate sul palco, ha permesso al pubblico di sfidare i preconcetti, le leggende urbane e i bias che spesso guidano le nostre decisioni e le nostre visioni del mondo

Fare luce sulle narrazioni distorte e manipolate che permeano la nostra società attraverso idee di valore, racconti di vita e prospettive inedite. È da qui che è partita l’undicesima edizione di TedxPadova, tenutasi al Centro Congressi di Padova.

TedxPadova

Un appuntamento che, grazie alle 11 voci che si sono alternate sul palco, ha permesso al pubblico di sfidare i preconcetti, le leggende urbane e i bias che spesso guidano le nostre decisioni e le nostre visioni del mondo. Un momento di confronto che si è radicato a tal punto nel tessuto e nel Dna della città da far registrare anche quest’anno un nuovo sold out: 1500 persone si sono ritrovate a Padova Congress, per lasciarsi ispirare dagli speaker che hanno animato la conferenza con le loro storie e le loro riflessioni. Una partecipazione che conferma ancora una volta quanto la conferenza Ted patavina sia un punto di riferimento nel panorama degli eventi padovani e non solo, realizzando così il sogno di creare una vera e propria piattaforma d’avanguardia per promuovere idee di valore per la città e della città.

Il presentatore e gli speaker

A presentare l’evento è stato l’attore Miguel Gobbo Diaz, co-protagonista al fianco di Claudio Amendola nella serie tv “Nero a Metà” e in scena a teatro con Andrea Pennacchi. Assieme a lui, si sono alternati sul palco: Francesco Nori, direttore del laboratorio di robotica di Google DeepMind, Ludovica Di Donato, attrice e star del web da oltre un milione di follower, Stefano Allievi, sociologo che studia i fenomeni migratori, Donatella Ricci, astrofisica e pilota dei record, Diego Di Franco, “papà a tempo pieno” che racconta la sua quotidianità sui social, e Laura Sposato, startupper Forbes Under 30 che rivoluziona la ricerca del lavoro con l’AI. E ancora, Umberto Castiello, ricercatore della “mente” delle piante, Ilaria Capponi, ex modella e cestista che si batte per la body positivity nella moda, Alessandro Mora, mental coach di atleti olimpici e squadre professionistiche, Simonetta Sciandivasci Montemurro, giornalista che ribalta gli stereotipi sulla maternità e sulla famiglia, e Alfredo Giacon e Nicoletta Siviero, viaggiatori e skipper impegnati per la salvaguardia degli oceani.

Sostenibilità e iniziative

Anche in questa undicesima edizione, il team di TedxPadova si è fatto promotore di iniziative di sostenibilità ambientale e sociale. L’evento si è inserito all’interno del progetto “100 climate-neutral and smart cities by 2030“, la missione UE - portata avanti da alcune città europee, tra cui Padova - che punta al raggiungimento della “neutralità climatica” entro il 2030 tramite la promozione di ricerca e innovazione su mobilità pulita, efficienza energetica e  pianificazione urbana. Inoltre, sempre con il supporto del Comune, è stata ⁠realizzata una guida dedicata a sfatare i falsi miti che circondando l’intelligenza artificiale, per fornire una panoramica delle applicazioni pratiche e delle implicazioni etiche, offrendo le conoscenze necessarie per comprendere, orientarsi e navigare nel mondo sempre più pervaso da questa tecnologia. Per l’occasione, Crédit Agricole Italia, Diamond Partner di TedxPadova, si è fatto portavoce di “A casa mia”, iniziativa di Medici con l’Africa CUAMM dedicata alla formazione di professionisti e operatori sanitari in Africa attraverso corsi di aggiornamento on the job, sia con percorsi di alto livello nelle scuole per infermieri e ostetriche e nelle università. Per sostenere il progetto è stata realizzata una favola illustrata - con i testi di Guia Risari e le illustrazioni colorate di Anna Godeassi - dal titolo “Da grande”, che ruota attorno al tema dei sogni e dell’essere artefici del proprio futuro. Oltre a questi macro-progetti, anche in questa undicesima edizione, il team di TedxPadova si è fatto promotore di iniziative di sostenibilità ambientale e di supporto alla lotta contro al greenwashing. Grazie ai veicoli elettrici di Superauto, che hanno portato gli speaker alla location della conferenza, e alla partnership con Atlante, che ha fornito le proprie colonnine per la ricarica delle vetture, l’evento ha giocato un ruolo attivo nel percorso per una mobilità più sostenibile. Non solo, TedxPadova appoggia anche il progetto “Are you R”, programma europeo che mira a sensibilizzare il pubblico sull'importanza del riciclo della plastica.

Cultura e conoscenza

Ma la cultura e la conoscenza sono state toccate con mano anche durante l’evento stesso: ispirati dallo slogan Ted “Ideas Worth Spreading“, la squadra ha ideato “Ideas Worth Reading“, uno spazio dedicato ai libri scritti dalle grandi menti che negli anni hanno calcato il bollino rosso di TedxPadova. In partnership con True Design e Italy Post, è stata riservata a Padova Congress un’area libreria, un ambiente accogliente e confortevole in cui i partecipanti potranno scoprire e acquistare le pubblicazioni dei 160 speaker che hanno partecipato alle dieci edizioni della conferenza.

Inclusione sociale

Infine, anche quest’anno la conferenza ha sostenuto le iniziative locali di inclusione sociale, come il progetto Dadi Home, la prima struttura recettiva del padovano gestita interamente dalla cooperativa Vite Vere Down Dadi, all’interno della quale hanno alloggiato gli speaker della conferenza durante la loro permanenza a Padova per l’evento.

La bag d'autore

Come da tradizione, anche quest’anno TedxPadova ha affidato ad un artista la creazione della borsa personalizzata, regalo utile e sostenibile per tutti i partecipanti all’evento. L’autore della bag TedxPadova 2024 è stato l’artista milanese Francesco Poroli, che dal 2000 lavora come illustratore e art director freelance: le sue illustrazioni sono state pubblicate su testate di fama nazionale e mondiale come The New York Times Magazine, Wired, GQ e Il Sole24 Ore. Ha inoltre lavorato per clienti come Facebook, Campari, Apple, NBA, Barilla, FCA e molti altri. Nel 2017 ha pubblicato “Like Kobe - Il Mamba spiegato ai miei figli” per Baldini&Castoldi. I suoi lavori sono stati premiati da Society of Illustrators New York e The Society of Publication Designers. Inoltre, è direttore artistico di Illustri Festival, insegna presso IED Milano, Bauer e Domus Academy.

Le performance artistiche

Anche per quest’edizione, non sono state solo le storie degli speaker le uniche protagoniste, ma ci sono stati diversi momenti dedicati alla musica, all’arte e alla creatività. Il concept artistico, a cura di Alice Cossa, è stato dedicato alla forza del Mito, declinato in un linguaggio privo di parole e inserito all’interno di una narrazione artistica che ha legato tradizione e innovazione. Sul palco Zoe Pia, musicista e compositrice jazz di fama internazionale, ha condotto il pubblico in un viaggio verso il bacino del mediterraneo dentro a epoche lontane, grazie all’uso di uno degli strumenti più antichi del mondo: le Launeddas, strumento polifonico a fiato, reinventate dalla musicista in un linguaggio sperimentale grazie all’uso della loop station. Le immagini della performance sono state affidate alla fotografa iperrealista Teresa Letizia Bontà, le cui opere sono esposte in prestigiose gallerie di Londra e New York. Un’artista che cerca in colori e attitudini caravaggesche il connubio tra mistero e dialogo. Infine, il jingle di questa edizione è stato affidato all’artista Italo-Indiana Namritha Nori che attraverso la sua voce ha introdotto gli speaker sul palco. Inoltre, è stata portata in scena un’innovativa performance di danza a cura della regista, ceo dello studio Circuitozero ed esperta di comunicazione multimediale Samantha Bavazzano, e della scuola di danza Dance4Fun, coordinata dalla coreografa Augusta Basile: una ballerina si è esibita sul palco accompagnata dal suo alter ego generato con l’utilizzo dell’intelligenza artificiale mediante software di motion tracking. La ripresa video della coreografia, attraverso strumenti di fusione, ha dato vita all’avatar, generando un magico incontro tra l’arte coreutica e la digital art.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

TedxPadova, ennesimo successo: sold out il Centro Congressi

PadovaOggi è in caricamento