«Imposti prezzi fuori mercato, la situazione è disperata»: le testimonianze degli allevatori padovani

«In questo momento le latterie ci stanno imponendo l’acquisto del latte di nostra produzione a 30 centesimi al litro, quando il prezzo per andare a pari è di 39 centesimi al litro. Ciò significa che stiamo lavorando in perdita»

Michael Salvò, allevatore di Maserà di Padova

«La situazione è disperata. In questo momento le latterie ci stanno imponendo l’acquisto del latte di nostra produzione a 30 centesimi al litro, quando il prezzo per andare a pari è di 39 centesimi al litro. Ciò significa che stiamo lavorando in perdita». La testimonianza è di Michael Salvò, uno dei soci dell’impresa agricola Salvò di Maserà: l’azienda detiene 100 capi e, come tutti gli altri 900 allevamenti che si trovano in provincia, sta cercando di resistere in una congiuntura particolarmente sfavorevole a motivo dell’emergenza sanitaria appena passata.

La testimonianza

Per oltre due mesi il macrosettore Horeca (Hotellerie-restaurant-café o catering) è stato completamente bloccato: nessun cappuccino, ma nemmeno pizze e piatti a base di derivati del latte. Uno stop totale, che sarà difficilmente recuperabile da qui alla fine dell’anno in corso. Secondo lo stesso Osservatorio del latte Ismea, il crollo dei prezzi (dai 39 centesimi al litro dell’inizio del 2020, ai 30 centesimi attuali, -21%) è imputabile pure alle minori richieste dei caseifici per mancanza di addetti e per le limitazioni degli spostamenti fra marzo ed aprile, la cui onda lunga, tuttavia, è percepibile ancor oggi. Peraltro, sottolinea Ismea, «la corsa all’accaparramento da parte delle famiglie nei supermercati durante il lockdown non ha compensato la chiusura del canale Horeca, da cui normalmente si realizza il 60% del valore dell’intera filiera». Passata l’emergenza, viene comunque rilevato un andamento in chiaroscuro per prodotti quali mozzarelle e latte fresco e le materie grasse (burro e creme). La riapertura di ristoranti, bar, pizzerie e pasticcerie, avvenuta un mese fa, non ha contribuito ad un vero e proprio rimbalzo del comparto, spiega Cia Padova. Aggiunge Salvò: «Di fatto, molte strutture ricettive non hanno ancora alzato le serrande. Gli allevamenti che hanno dei debiti rischiano di chiudere i battenti, le prospettive in termini di ripresa non sono per nulla buone. C’è poi la questione del latte straniero. Quello proveniente dai Paesi dell’est, ad esempio, viene comprato in Italia a 25 centesimi al litro. Chiaro che l’imprenditore preferisce l’estero al mercato interno. Non ci stiamo più dentro con le spese».

«Ci sono stati imposti dei prezzi fuori mercato»

Un’altra significativa testimonianza viene data da Matteo Tellatin, 27 anni, da quattro anni titolare dell’azienda agricola T Farm di Tezze sul Brenta; la sua attività, però, gravita nell’Alta Padovana. «Ci sono stati imposti dei prezzi fuori mercato, con picchi al ribasso di 28,8 centesimi al litro. Proprio in questi giorni stiamo registrando una timida risalita: è fisiologico, all’inizio dell’estate la produzione diminuisce a causa dello stress da caldo delle vacche, e di conseguenza il valore cresce. Una soluzione? Siamo chiamati a fare rete nei confronti delle multinazionali per chiedere un equo prezzo». Al fine di risollevare il settore, Cia Padova propone una campagna di incentivi ad hoc da parte dello Stato a favore di chi acquista latte made in Italy. Puntualizza Maurizio Antonini, direttore di Cia Padova: «All’estero i costi della manodopera sono molto più bassi, gli operai sono sottopagati. Serve dunque un’azione forte per valorizzare la nostra filiera: è sicura, buona e genuina. Ismea illustra che nel primo trimestre del 2020, sulla scia di quanto si è verificato per l’intero agroalimentare a seguito dell’emergenza Covid, anche le vendite dei lattiero-caseari sono risultate in aumento del 7% rispetto allo stesso periodo del 2019”. I consumi del latte uht a lunga conservazione si sono impennati (fino ad un +36%) poiché le famiglie hanno preferito diradare il numero di visite al supermercato. Paradossalmente, il guadagno per gli allevatori è andato sotto zero. Verosimilmente vi sono state delle azioni speculative a loro danno. Purtroppo è difficile da ipotizzare un’inversione di tendenza a breve termine».

Matteo Tellatin-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Date una mano ai nostri imprenditori»

Attualmente i magazzini sono saturi e quindi i caseifici non ritirano il latte per destinarlo alla trasformazione. Come sottolinea Cia Padova «La misura presa dalla Commissione Europea, che prevede lo stoccaggio privato per il settore lattiero-caseario e delle carni è una buona forma di sostegno. Questo regime di aiuto all'immagazzinamento consentirà il ritiro temporaneo dei prodotti dal mercato fino a 5-6 mesi. Per quanto riguarda una ripresa definitiva, molto dipenderà da una consolidata riapertura delle attività di ristorazione e dal ritorno dei flussi turistici tanto in Veneto che in Italia. Fondamentale, inoltre, il mantenimento delle posizioni acquisite negli anni sui mercati esteri, oltre che l’apertura di nuovi sbocchi. La pandemia ci ha insegnato che siamo chiamati a percorrere delle strade alternative». Chiosa Roberto Betto, presidente di Cia Padova: «Invito le famiglie a dare una mano ai nostri imprenditori. Sosteniamo le nostre eccellenze per far ripartire la filiera agroalimentare locale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Formaggi a Villa Contarini, giardini aperti, visite, spettacoli e sagre: il weekend a Padova

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • Focolaio all'asilo notturno del Torresino: 30 positivi al covid su 82 ospiti

  • Occhio al semaforo: attivata la sperimentazione di un nuovo T-Red a Padova

  • Perde il controllo della sua barca dopo un'onda anomala: muore idraulico padovano

  • I cani da adottare a Padova: tutti i cuccioli da accogliere in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento