menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Turismo, "tiene" solo Padova città: provincia, terme e colli in calo

Il bilancio 2012 del settore vede il capoluogo euganeo mantenere dati positivi con +0,5% di arrivi e +1,23% di presenze sul 2011. Per gli altri Comuni -3,77% di arrivi e -6,48% di presenze. Terme e colli -0,26% di arrivi e -4% di presenze

La crisi si fa sentire, eccome, anche nel comparto turistico locale. Secondo il bilancio 2012 tracciato dall'Osservatorio Turismo di "Turismo Padova Terme Euganee", a pagarne maggiormente le spese sono i comuni della provincia padovana in generale, compresa l'area dei colli e delle terme. A tenere, invece, è Padova città.

IL CAPOLUOGO. Nella sola città del Santo, rispetto al 2011 i numeri sono in crescita con un +0,50% di arrivi e +1,23% di presenze; quindi con arrivi stabili e presenze in leggero aumento con circa 14mila pernottamenti in più rispetto all'anno precedente per un totale di 1.144.007 presenze turistiche. In aumento gli stranieri con il +1,88% di arrivi e il +2,02% di pernottamenti; la performance dei Paesi europei (Austria,Francia, Germania, Regno Unito e Svizzera) rappresenta il 24,25% delle presenze straniere totali mentre il turismo dei gruppi "near Venice" (India, Cina e Corea) incide per il 15,51%. Per gli italiani invece, si registra una leggera flessione negli arrivi –0,97% mentre le presenze sono stabili +0,48%. Anche Padova però – pur mantenendo, anzi incrementando, le posizioni in termini di arrivi e presenze – non sfugge al generale calo di redditività per le imprese che caratterizza in generale l'economia nazionale e mette sotto forte pressione le politiche commerciali dell'intero comparto turistico.

IN PROVINCIA. L'andamento turistico per gli altri Comuni del territorio padovano è in sofferenza con -3,77% negli arrivi e -6,48% nelle presenze, con segni negativi sia per gli italiani che per gli stranieri.

TERME E COLLI. Il polo di attrazione delle Terme e dei Colli, nel 2012 ha registrato un -0,26% negli arrivi ed un -4% nelle presenze. Il Bacino Termale chiude infatti l'anno con -0,31% di arrivi e - 4,20% di presenze. Incremento di arrivi e presenze pressoché stabili del pubblico straniero con un + 3,22% di arrivi e un + 0,72% di presenze; mentre la clientela italiana fa registrare un -2,13% di arrivi e un –7,80% nelle presenze. La costante riduzione della permanenza media è un altro elemento che sembra confermare i cambiamenti in atto nel mercato turistico: nel complesso dell'anno appena concluso la permanenza media alle Terme per la clientela italiana è di 3,93 giornate mentre si attesta sulle 5,80 giornate per il pubblico delle altre nazionalità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Il Sant'Antonio di Evyrein compare in centro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento