Passaggio Auchan-Conad, aperto il tavolo ministeriale: interessati 1.500 dipendenti in Veneto

Riflettori accesi al ministero dello Sviluppo Economico sulla vicenda Auchan-Conad e sul futuro delle migliaia di dipendenti che stanno vivendo il cambio di insegna sui negozi dell’ex colosso francese

Riflettori accesi al ministero dello Sviluppo Economico sulla vicenda Auchan-Conad e sul futuro delle migliaia di dipendenti che stanno vivendo il cambio di insegna sui negozi dell’ex colosso francese.

Tavolo ministeriale

Al tavolo ministeriale, convocato martedì 17 dicembre al Mise e al quale hanno partecipato tutte le Regioni nelle quali hanno sede i negozi ex Auchan e tutte le organizzazioni sindacali, la Regione Veneto, rappresentata dall’unità di crisi coordinata da Mattia Losego, ha supportato anche in sede nazionale le istanze e le preoccupazioni manifestate da tutte le organizzazioni sindacali nel precedente tavolo veneto di fine novembre, circa le attuali modalità di confronto tra Conad e i sindacati stessi. La Regione ha ribadito con fermezza la necessità che il passaggio dei punti vendita dalle insegne francesi al marchio cooperativo non metta in discussione il principio di responsabilità aziendale dell’acquirente verso i dipendenti e ha sollecitato un maggiore confronto tra le organizzazioni sindacali e l’azienda, rispetto all’assorbimento o eventuale cessione dei punti vendita ex Auchan. Istituzioni e rappresentanti dei lavoratori hanno sollecitato i vertici aziendali ad una maggiore disponibilità al confronto e a comunicazioni più immediate, al fine di ridurre al minimo gli impatti sociali derivanti da esuberi e di rendere più agevole il lavoro a chi oggi nei punti vendita sta vivendo una fase di costante incertezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Disponibilità

La Regione Veneto ha quindi offerto la propria disponibilità a favorire il confronto in sede regionale tra le organizzazioni sindacali e l’azienda rispetto a specifiche problematiche dei punti vendita veneti, che impiegano complessivamente 1.500 dipendenti, e alle peculiarità del territorio. Tale disponibilità - ha chiarito l’Unità regionale di crisi - deve comunque intendersi come organica e complementare al tavolo nazionale, che rimarrà aperto per monitorare gli sviluppi, definire le principali direttrici di intervento del sistema Conad e vigilare sulle assunzioni di responsabilità che il marchio cooperativo riveste rispetto ai lavoratori ex Auchan.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • A piedi lungo la tangenziale, giovane viene investito all'alba: è grave

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento