Venetex supera il traguardo di 1 milione di transato in 13 mesi di operatività

300 aziende sono già iscritte al circuito veneto della moneta complementare, e la crescita in tutta la regione avviene al ritmo di un'azienda al giorno. Oggi si possono dunque già acquistare automobili, pagare ristrutturazioni edilizie e il dentista

Il presidente di Venetex Roberto Francani

Il circuito veneto della moneta complementare, ha superato all'inizio di agosto il suo primo milione di transato. “In Veneto – sottolinea l'amministratore delegato Francesco Fiore - siamo partiti ad aprile 2016 e oggi il circuito vede già più di 300 imprese scambiarsi beni e servizi in Venetex. In soli 13 mesi dall'accensione della piattaforma, abbiamo raggiunto il primo milione di controvalore in scambi in Venetex, e solo a luglio sono stati fatti scambi per 188.000 Vtx, più dei primi sei mesi dell'anno messi assieme. Il trend di crescita quindi promette molto bene, è proseguito anche per tutto il mese di agosto, e stiamo lavorando intensamente per raggiungere quella massa critica (700 - 800 aziende) che consentirà al circuito di accelerare ulteriormente il suo sviluppo”.

IL FENOMENO.

“Per comprendere pienamente il fenomeno Venetex, mutuato da quello di Sardex nato nel 2010 in Sardegna – spiega il presidente Roberto Francani – bisogna considerare che il denaro è per noi uno strumento, non un fine, e che il suo valore non sta quindi nell’accumulo, ma nella circolazione. Noi mettiamo al centro dei rapporti la fiducia e la reciprocità e, lungi dall’essere una semplice piattaforma informatica, Venetex è quindi una rete viva di persone e di esperienze imprenditoriali, ad iniziare da quella dei nostri broker che facilitano gli interscambi e hanno uno stretto e costante rapporto con il territorio, con i piccoli imprenditori e le loro quotidiane esigenze”.

COS'È.

Venetex.net, il Circuito di Credito Commerciale® del Veneto nato dalla collaborazione fra Sardex,VeNetWork ed un gruppo di piccoli imprenditori e professionisti, ha infatti con l'obiettivo di fare rete fra le imprese del territorio, erogare servizi di promozione ad alto valore aggiunto e fornire alle imprese ed ai professionisti del Veneto strumenti di pagamento e di credito paralleli e complementari a quelli tradizionali, per sostenere l’economia reale e le produzioni locali. Attraverso l’implementazione di un sistema di conti online e l’utilizzo di una “moneta” digitale locale, il Circuito offre la possibilità ad imprese e professionisti di finanziarsi reciprocamente, senza interessi, e di trasformare la propria capacità produttiva inespressa in liquidità supplementare, utile a sostenere parte Venetex.net – Il Circuito di Credito Commerciale® del Veneto

COME FUNZIONA.

Il funzionamento è semplice: aziende grandi e piccole, imprese, professionisti, partite Iva, attività commerciali, studi professionali, associazioni, cooperative, possono iscriversi al Circuito versando una quotaannuale commisurata al proprio fatturato. Per ognuno di loro viene aperto un conto corrente in Venetex (1 Venetex equivale ad 1 Euro) presso la camera di compensazione del circuito. Ad ogni iscritto viene accordato uno scoperto di conto entro determinati limiti e, attraverso questa disponibilità, lo stesso può effettuare acquisti presso altri iscritti alla rete. Ad ogni acquisto il conto dell’acquirente viene addebitato per un ammontare pari al prezzo di vendita del bene/servizio acquistato, senza alcun interesse o commissione; viceversa il conto del fornitore viene accreditato, in tempo reale, per un pari importo. I saldi complessivi della camera di compensazione sono sempre pari a zero; per questo motivo il circuito non ha bisogno di riserve. Le aziende che evidenziano un saldo negativo possono portare a pareggio il proprio conto semplicemente effettuando vendite presso altre aziende aderenti al circuito. Allo stesso modo le aziende con saldo attivo possono trasformare in beni e servizi i crediti Venetex accumulati facendo acquisti presso le altre imprese iscritte. Questo grazie alla piattaforma tecnologica fornita da Sardex, che gestisce i conti correnti in Venetex e gli scambi commerciali nel circuito. Già adesso sono stati acquistati in Venetex, ad esempio, automobili, biciclette elettriche e beni alimentari; sono state pagate ristrutturazioni edilizie; sono stati sottoscritti atti notarili. Il “modello Sardex”. Ad oggi sono oltre novemila le imprese in Italia che hanno scelto di affiancare all’euro un’altra unità di conto (ogni circuito ha la propria), con la quale finanziarsi reciprocamente senza interessi. Nato nel 2010 in Sardegna, nel corso degli anni il “modello Sardex” ha attirato su di sé l’attenzione di istituzioni internazionali tra le quali la Commissione Europea e il Dipartimento di Sviluppo delle Nazioni Unite, importanti opinion leader nazionali e internazionali, stampa internazionale come il “Financial Times”, e prestigiose università come la Yale University, il Politecnico di Zurigo e la London School of Economics.

LA STORIA.

A partire dal 2014 il modello di Circuito di Credito Commerciale® ideato da Sardex è stato esportato con successo dalla Sardegna in altre undici regioni d’Italia (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Lazio, Molise, Campania, Umbria e Veneto). Ad oggi sono oltre 9.000 le imprese in Italia che hanno scelto di affiancare all’euro un’altra unità di conto (ogni circuito ha la propria), con la quale finanziarsi reciprocamente senza interessi. Un'economia aggiuntiva e complementare: “Noi lavoriamo affinché il potenziale produttivo inespresso di migliaia di aziende e professionisti della nostra regione – spiega Francesco Fiore, Amministratore delegato del Circuito Venetex.net - si trasformi in ricchezza reale. In Venetex.net, infatti, vengono venduti e acquistati beni e servizi che non troverebbero spazio nel mercato tradizionale a causa della carenza di liquidità. Per ciascuna delle imprese iscritte, il circuito Venetex.net rappresenta a tutti gli effetti un mercato complementare ed aggiuntivo al loro attuale mercato, andando a sommarsi ad esso e consentendo di ottimizzare la capacità produttiva, di liberare preziosa liquidità Venetex.net di usufruire di uno strumento di finanziamento e di marketing economico e innovativo, capace di rendere fin da subito la singola impresa più efficiente e competitiva.

SOLUZIONE.

"L’adesione a Venetex.net permette alle aziende di migliorare le proprie performance d’affari, ottimizzare entrate e uscite e ridurre, al contempo, la propria esposizione bancaria. Con Venetex – prosegue Francesco Fiore - vogliamo offrire una risposta concreta alle difficoltà di accesso al credito, alla carenza di liquidità, all’incertezza nei pagamenti. La crisi economico - finanziaria negli ultimi anni ha causato un forte impatto negativo sull’economia reale: con questa esperienza ci proponiamo di creare una nuova opportunità, di alimentare un circuito positivo, di favorire aziende, attività, professioni, svolgendo una fondamentale funzione di conoscenza e di relazione. E ci basiamo sull’esperienza e sulla piattaforma tecnologica di Sardex.net”. L’iniziativa rappresenta dunque anche un nuovo modo di fare impresa: innovativo, etico, fondato sui valori della collaborazione, della fiducia e della reciprocità.  Se si considera che nei circuiti Sardex la moneta complementare gira 11 volte contro 1,9 dell’euro, si comprende come il circuito in Veneto rappresenti una soluzione davvero efficace per combattere la mancanza di liquidità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade insanguinate: perde il controllo dell'auto sui Colli, muore noto barista di 31 anni

  • Tragedia nel pomeriggio: auto esce di strada, morto un 19enne e grave un coetaneo

  • Lutto in questura a Padova: si è spento all'età di 36 anni l'agente delle volanti Michele Lattanzi

  • Coronavirus, Zaia: «Scommettiamo che prima di aprile il virus non se ne andrà?»

  • Violenza in Prato della Valle contro gli agenti di polizia: 4 operatori feriti, 5 arresti

  • Malore improvviso: è mancato nella notte il Primo Dirigente Medico della Polizia di Stato, Massimo Puglisi

Torna su
PadovaOggi è in caricamento