Zucchero, Coldiretti: bieticoltura banco di prova della filiera agricola veneta

Nello stabilimento Coprb-Italia Zuccheri di Pontelongo confronto sull’annata del settore

«Il settore bieticolo ha resistito alla crisi, ora gli operatori agricoli meritano più che una possibilità che deve nascere da adeguati accordi di filiera che valorizzino lo zucchero italiano coinvolgendo le industrie alimentari e la grande distribuzione veneta». E’ quanto sostiene Coldiretti Veneto presente nello zuccherificio di Pontelongo dove Coprob-Italia Zuccheri ha riunito i produttori per un confronto sull’annata agraria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Filiera agricola

«Così come riportato nel documento consegnato ai candidati alla presidenza della Regione – ha detto Carlo Salvan, vice presidente regionale, intervenuto durante i lavori a cui ha assistito dalla platea anche Massimo Bressan di Coldiretti Padova – la filiera agricola veneta deve essere al centro del programma politico della nuova legislatura per dare slancio a un settore che rappresenta l’identità di un territorio. Proprio la bieticoltura può diventare il banco di prova di un patto identitario fatto di imprese sane che garantiscono un’occupazione crescente con modelli di sviluppo ecosostenibili. Incoraggiando contratti tra produttori, trasformatori e distributori – ha continuato Salvan - si creano i presupposti per un’equa divisione del valore aggiunto a beneficio dell’ambiente, degli imprenditori agricoli e dei consumatori. Dare continuità al comparto saccarifero nostrano – ha concluso Salvan – è un impegno di responsabilità sociale, ambientale ed economica. Poter acquistare lo zucchero 100% italiano nei banchi dei supermercati significa sostenere un patrimonio agroalimentare di alta qualità, promuovere il Made in Italy e mantenere una coltura che sta dando risultati concreti grazie alle capacità di migliaia di agricoltori. Proprio per questo il Veneto può lanciare per primo la sfida, da regione protagonista, del rilancio di una produzione di origine certa e di provenienza locale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: primo caso di alunno positivo nel Padovano, classe e docenti in isolamento

  • Crisanti smentisce Zaia: «Il modello Veneto è merito dell'Università di Padova»

  • L’amore trionfa: sistemato a tempo di record il murale di Kenny Random imbrattato nella notte

  • Kenny Random, imbrattato il murale più fotografato di Padova

  • Voto, ecco i dati di affluenza a mezzogiorno

  • Live - Subito una classe isolata, tamponi a tappeto e didattica a distanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento