Gli animali della Grande Guerra: "La vita degli animali in guerra" alla scuola primaria Della Vittoria

Il Centro Sociale e Culturale Armistizio, nell’ambito delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra 1915-1918: propone “ Gli animali della Grande Guerra”.

Un’iniziativa a carattere divulgativo sull’uso degli animali durante gli eventi bellici della guerra 1915-1918. Su iniziativa del dott. Massimiano Bassan, in collaborazione con il Museo delle Forze Armate di Montecchio Maggiore e con il XII Istituto Comprensivo “Don Bosco” per l’ospitalità nella sede dei locali della Scuola Primaria “Della Vittoria”, ringraziando in particolare il Consigliere Comunale Roberto Bettella.

Scopri tutti gli eventi della rassegna

Al fine di valorizzare il contenuto formativo e divulgativo, sono previsti quattro incontri con la popolazione dalle 17.30 alle 19. È gradita la prenotazione per la limitazione di posti: animaligrandeguerra@gmail.com.

  • Sabato 27 ottobre 
    La vita degli animali in guerra- dott. Stefano Guderzo: gli animali della grande guerra, reclutamento e vita. Proiezioni di slide, filmati e fotografie tematiche.

Programma

  • Sabato 10 novembre 
    Il colombigramma ritrovato- Attilio Colpo: proiezione del filmato “Il Viaggiatore”, memorie dal diario del Ten. Stanghellini della brig. Pinerolo. “L’ultima notte passata a Bocchetta Portule, Altopiano di Asiago”. 
  • Sabato 15 dicembre
    Sanità degli animali in guerra- dott. Friso Riccardo, dott. Stefano Cremasco l’aspetto veterinario nella grande guerra
  • Sabato 19 gennaio
    Padova Sud e gli animali- dott. Roberto Bettella, dott. Massimiano Bassan. Proiezioni di slide, filmati e fotografie tematiche, domande e risposte.

Il messaggio

11 milioni di equini, 100mila cani, 200.000 piccioni. Si tratta degli animali che sono stati reclutati massicciamente nella Grande Guerra, per trasportare, trainare, combattere, informare. Le trincee hanno anche ospitato migliaia di animali domestici o da fattoria abbandonati dai civili in fuga e molti animali selvatici sono rimasti bloccati nel bel mezzo del fronte. Sfruttati e delle volte invece coccolati, hanno aiutato i soldati a sopravvivere all’inferno, ma mentre dei combattenti umani tutti si sono sempre ricordati, degli animali nessuno si ricorda mai.
Dopo la fine della guerra i veterani hanno prima festeggiato – dice Lo storico Eric Baratay – poi dal 1930 è iniziato il processo di cancellazione del ricordo. Questo processo per quanto attiene agli animali è stato rafforzato e accelerato dall’immagine che ci è pervenuta del conflitto. Carri armati, mitragliatrici, treni. L’animale appare come secondario mentre era in realtà fondamentale.”

La mostra

La mostra tratta un tema molto particolare ed intende ricordare, ed in molti casi far scoprire ai più, l’eccezionale impiego di animali durante la Prima Guerra Mondiale nonché la loro importanza per il sostegno pratico di tutti gli eserciti coinvolti. Sono oltre un centinaio le fotografie d’epoca ed i reperti originali visibili al pubblico, tra questi basti, bisacce e slitte per cani, selle e materiale di cavalleria e mascalcia, ciaspe da mulo e molto altro. Nell’esposizione è dato spazio agli equini, ai cani e colombi viaggiatori ma non mancano riferimenti e materiali ad animali da macello, mascotte e ratti.

La mostra vuole invitare a riflettere su molteplici aspetti: innanzitutto sulla consapevolezza dell’impossibilità di una guerra del genere senza massiccio impiego di animali: quindi sugli spaventosi numeri di perdite che andrà a condizionare l’Europa anche negli anni successivi al conflitto. Oltre all’aspetto materiale non bisogna dimenticare quello etico-morale, con una sorta di pet therapy nata fondamentalmente nelle zone di guerra.

L’ esposizione e’ curata nella disposizione logistica, nella collocazione dei pezzi museali, nel percorso tematico all’interno delle aule dal dott. Massimiano Bassan e dal dott. Stefano Guderzo direttore del Museo delle Forze Armate di Montecchio Maggiore.
Gli oggetti esposti, visibili dal vivo e senza teche di vetro o divisori di sorta, vengono proposti collocando una fotografia storica ove riprende l’oggetto durante il suo uso d’esercizio.

La sede

La sede per l’esposizione dell’iniziativa e’ la Scuola primaria “della Vittoria”, la quale fu utilizzata soprattutto dal finire del 1917 dopo lo sfondamento di Caporetto, come ricovero temporaneo di truppe ospitando, in particolare da circa fine settembre 1918, uno squadrone di Carabinieri Reali, che si trasferì nell’imminenza della trattativa dell’armistizio presso la fattoria di Villa Giusti (ora Patronato di Mandria).

Info

https://www.facebook.com/events/584859308599867/

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Planetario di Padova, tutti gli eventi di ottobre

    • dal 3 al 31 ottobre 2020
    • Planetario
  • Gli speciali di ottobre del Planetario di Padova

    • dal 2 al 29 ottobre 2020
    • Planetario
  • Incontri con gli autori alla libreria Italypost di Padova: tutto il calendario di ottobre

    • dal 7 al 28 ottobre 2020
    • Libreria ItalyPost

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 11 aprile 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Tutti gli eventi di ottobre a Cittadella

    • dal 1 al 31 ottobre 2020
    • Cittadella
  • Tour in bicicletta al Castello del Catajo

    • dal 30 maggio al 31 ottobre 2020
    • Radisson Blu Resort
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • da domani
    • dal 24 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    PadovaOggi è in caricamento