"Il benessere della persona e dell’impresa. Un nuovo modello per la produzione di valore", incontro online

  • Dove
    Online
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 29/10/2020 al 29/10/2020
    16
  • Prezzo
    È necessaria la conferma della partecipazione a: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-un-nuovo-modello-per-la-produzione-di-valore-in-un-mondo-in-cambiamento-124562051449
  • Altre Informazioni
    Sito web
    eventbrite.it

Purtroppo l’aumento dei casi di Covid ancora non consente lo svolgersi del calendario di incontri secondo le consuete modalità di ritrovo dei Soci, ma l’UCID Sezione di Padova prosegue con le sue iniziative aperte appunto, oltre che ai Soci, anche ai simpatizzanti che seguono con interesse le attività proposte.

I prossimi appuntamenti – che si svolgeranno quindi utilizzando le nuove modalità comunicative imposte dal distanziamento sociale – nascono dalla volontà di collaborare con ASCOM Padova.

Il webinar

Il primo incontro in videoconferenza sulla piattaforma Zoom è quindi fissato per giovedì 29 ottobre p.v. alle ore 16, e si intitola «Il benessere della persona e dell’impresa. un nuovo modello per la produzione di valore».

Si parlerà dell’evoluzione della cultura d’impresa dove la produzione di valore è promossa attraverso una interpretazione più ampia del rapporto di lavoro: il lavoratore trova spazio come persona con le sue esigenze di sicurezza, giustizia, benessere che divengono per l’impresa opportunità da cogliere e non solo una sterile lista di vincoli normati.

«Questa collaborazione con ASCOM Padova davvero è una gradita novità per il nostro calendario incontri – anticipa Massimo D’Onofrio Presidente UCID Padova –. ASCOM è una importante realtà del territorio che, pur vivendo le difficoltà del momento, dimostra di saper reagire analizzando i nuovi scenari alla ricerca di soluzioni per il futuro.»

I temi

«L’idea di questo convegno nasce da un progetto che si era sviluppato prima della epidemia di Covid – spiega il relatore Marco Italiano Responsabile Formazione - Confcommercio Imprese per l’Italia - Ascom Padova. Alla base la convinzione che per rendere più efficaci i comportamenti di sicurezza in azienda era necessario compiere il passaggio dal concetto di obbligatorietà della normativa al concetto di responsabilità individuale del lavoratore. Lo stop impostoci dalla pandemia ha suscitato nuove riflessioni: la centralità della persona intesa come lavoratore diventa risorsa umana all’interno dell’azienda, diventa elemento strategico. E dall’altro lato, le aziende sono più consapevoli e stanno cambiando gli strumenti e i processi di gestione delle risorse umane al di là delle disposizioni di distanziamento sociale, dello smart working, dell’utilizzo delle nuove tecnologie informatiche: da lavoratore a Persona, ecco il cardine del cambiamento economico, culturale e sociale. Al benessere aziendale si àncora il concetto di benessere in generale, quel welfare che diminuisce nel lavoratore, stress e tensioni aumentando quindi la sicurezza aziendale. Da qui, allacciarsi ai valori etici condivisi da UCID è stato un passaggio naturale. Ciò che è interessante – conclude Marco Italiano – è che si sia partiti da concetti che in realtà sono legati al mondo del lavoro e della produzione, passando per sicurezza e benessere lavorativo in ambito aziendale per ritrovarci a condividere i medesimi ragionamenti etici che riportano al centro i valori della Persona».

Una sorta di crossing che vede due mondi apparentemente distanti intersecarsi proprio sul di un unico punto: la centralità della Persona e dei valori etici che regolano la vita della comunità civile.

«Il tema del mio intervento – spiega il relatore Marco Ferrero Avvocato giuslavorista, UCID, co-founder Advance Srl Società Benefit, Portavoce Forum Terzo Settore Veneto – è legato al welfare e alla coesione sociale; al ruolo dell’impresa rispetto alla comunità. Il Welfare aziendale ha attualmente una sua applicazione perché è incentivato e consente all’imprenditore una forma di remunerazione diretta a beneficio del lavoratore. Ma al di là dell’evidente aspetto utilitaristico, mi piace rilevare come questa possibilità di utilizzare il welfare aziendale generi, in verità, una opportunità data dal fatto che in parte il welfare aziendale possa essere realizzato coinvolgendo il terzo settore – in forma di associazioni o cooperative –, di per sé portatore di competenze e di valori che possono contaminare positivamente l’eco sistema aziendale attraverso questa relazione. Una delle opzioni è che il welfare aziendale possa essere messo in campo attraverso un contesto di welfare di comunità; la dimensione comunitaria, oltre che favorire i processi di radicamento dell’impresa sul territorio in cui nasce o dove opera, può essere chiave di lettura o impostazione che consente alla azienda stessa di cogliere opportunità che hanno ripercussioni in termini di valore, doppiamente utili anche dal punto di vista della coesione sociale. Fattore quest’ultimo particolarmente importante anche dal punto di vista sociale rispetto allo scenario che ci troviamo dinanzi in questo preoccupante momento storico. Il ricorso al welfare aziendale potrebbe quindi volgersi verso il welfare di comunità, concorrendo di fatto alla coesione della comunità territoriale in cui avviene. Si alimenta così una economia di prossimità e si concorre ad favorire nel contempo una rete di benefici condivisi sia per l’imprenditore che per il lavoratore. Proviamo quindi a costruire delle opportunità di welfare aziendale collegate al welfare di comunità: in questo modo, di fronte alle sfide difficili di questo tempo renderemo più coesa la comunità e il territorio nella quale l’azienda esiste e opera».

Il programma

Inizio collegamento ore 16

Primo intervento:

Da lavoratore a persona: i cambiamenti economici, culturali e sociali che stanno caratterizzando questo periodo
Luigi Migliore, Psicologo del lavoro, CEO di Network Training srl, espero di Ricerca e Sviluppo e componente di diversi Network Internazionali di Ricerca nel settore delle HR

Secondo intervento:

Da sicurezza a benessere; da obbligo a senso di giustizia
Gianluca Grossi, Consulente Formatore e Amministratore di S5 srl

Terzo intervento:

Da assistenza a inclusione: welfare di comunità e coesione sociale
Marco Ferrero, Avvocato giuslavorista, UCID, co-founder Advance Srl Società Benefit, Portavoce Forum Terzo Settore Veneto
Moderatore, Massimo D’Onofrio, Presidente UCID Padova.

È necessaria la conferma della partecipazione a: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-un-nuovo-modello-per-la-produzione-di-valore-in-un-mondo-in-cambiamento-124562051449

Prossimo Incontro

Sempre sotto l’egida UCID Padova-ASCOM Padova, giovedì 12 novembre p.v., parleremo di Digitalizzazione ed impatto economico/sociale: alla luce della situazione pandemica, si tratterà dei rischi ed opportunità aperti dal digitale/web per il mondo del commercio con tutte le ricadute per l’intero territorio. Seguirà il link per l’adesione.

La “UCID – Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti – Sezione di Padova”

La “UCID – Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti – Sezione di Padova” è un’Associazione privata di fedeli, regolata dalle norme del Codice di Diritto Canonico, dalle norme di legge e dallo Statuto. Ad essa aderiscono Cristiani che siano Imprenditori, Dirigenti e Professionisti, organizzati come Federazione di SEZIONI aderenti alla “UCID – UNIONE CRISTIANA IMPRENDITORI DIRIGENTI”, formalmente costituite.

L’Associazione aderisce attraverso il rispettivo gruppo regionale alla “UCID – Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti – Federazione Nazionale”, costituita il 31 gennaio 1947, si riconosce nei suoi fini e si impegna a promuoverne la realizzazione per quanto di sua competenza nell’ambito di una sua autonomia di iniziativa, e a rispettare tutte le norme dello statuto e sue successive modifiche approvate a norma dì legge e di statuto. Tra le sue finalità: la formazione cristiana dei suoi iscritti e lo sviluppo di una alta moralità professionale alla luce dei principi cristiani e della morale cattolica; la conoscenza, l’attuazione e la diffusione della dottrina Sociale della Chiesa; lo studio e l’attuazione di iniziative volte a conformare le opere ed attività degli iscritti ai principi della Dottrina Sociale della Chiesa e ad assicurare un’efficace ed equa collaborazione fra i soggetti dell’impresa, ponendo la persona al centro dell’attività economica, favorendo la solidarietà contro ogni discriminazione e sviluppando la sussidiarietà; la testimonianza cristiana dei Soci con le loro opere nelle imprese, nelle organizzazioni, nel contesto sociale.

Per informazioni: |Email ucidpadova@gmail.com

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Elvira Poli: un’ingegnere con l’apostrofo, incontro online a cento anni dalla laurea

    • solo oggi
    • 25 novembre 2020
    • Online
  • Parità di genere: Padova risponde con parole e azioni, tutti gli appuntamenti

    • dal 24 al 25 novembre 2020
  • Destinazioni, imprese e innovazione digitale: online l'incontro "Digital 4 turism"

    • da domani
    • dal 26 al 27 novembre 2020
    • Online

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 11 aprile 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Al Museo della Padova Ebraica la mostra "Una luce dirada l'oscurità"

    • dal 29 ottobre 2020 al 18 gennaio 2021
    • Museo della Padova Ebraica
  • Natalino Balasso in "Dizionario Balasso" al Gran teatro Geox

    • 27 novembre 2020
    • Gran Teatro Geox
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento