L’OPV rende omaggio a Aleksandr Skrjabin al Teatro ai Colli

Il Concerto per pianoforte e orchestra op. 20 di Aleksandr Skrjabin (1872-1915) sarà al centro della prova generale aperta al pubblico con la quale l’Orchestra di Padova e del Veneto omaggia il geniale compositore russo, a 100 anni dalla morte, giovedì 10 dicembre al Teatro ai Colli (via Monte Lozzo, 16) alle 20.30.

La singolare figura di Skrjabin e il Concerto op. 20 saranno approfonditi nell’introduzione curata da Alessandro Tommasi a partire dalle ore 20.00.


Interpreti della serata il pianista Antonio Camponogara e il direttore d’orchestra Romolo Gessi, che completerà il programma insieme a OPV con due pagine beethoveniane: l’Ouverture “Le rovine di Atene” e la Sinfonia n. 8.

Aleksandr Skrjabin nacque a Mosca nel 1872, un anno prima di Sergej Rachmaninov, ma a differenza del più giovane pianista e compositore, la sua parabola artistica fu caratterizzata da aspetti estremamente personali e originali.  Si interessò profondamente al superomismo di Nietzsche, alla teosofia, fino ad abbandonarsi, nell’ultima parte della sua vita, al misticismo. Scrisse principalmente per il pianoforte risentendo dell’influenza di Chopin e Liszt, ma restano celebri anche le partiture orchestrali, tra le quali “Il poema dell’estasi” e il “Prometeo”, che aveva concepito in un originalissimo approccio sinestetico tra suono, luce e colore.


Biglietto unico 3€, in vendita al botteghino del Teatro ai Colli la sera del concerto a partire dalle 19.30.

Info: www.opvorchestra.it, tel. 049 656848

PROFILI

ROMOLO GESSI Ha studiato direzione d’orchestra con i maestri Kukuskin, Musin, Renzetti e Kalmar, perfezionandosi al Conservatorio di San Pietroburgo, all’Accademia di Pescara e a Vienna, dove ha ottenuto il diploma dei Wiener Meisterkurse für Dirigenten con il massimo dei voti. E’ principale direttore ospite dell'Orchestra Pro Musica Salzburg e della Filarmonia Veneta, direttore musicale dell’Orchestra da camera del Friuli Venezia Giulia e direttore artistico delle Serate Musicali in Villa Codelli a Mossa.  Affermatosi in numerosi concorsi di direzione d’orchestra, conseguendo tra l’altro il primo premio al Concorso internazionale Austro-Ungarico di Vienna e Pècs, il secondo premio al Concorso biennale Gusella, quello di miglior classificato al Concorso nazionale di direzione d’opera della Reggia di Caserta, è stato docente di direzione d’orchestra al Conservatorio di Milano, al Centro Lirico Internazionale di Adria e al Corso di perfezionamento europeo di Spoleto dove, dal 1995 al 1997, ha curato stabilmente la preparazione dell’Orchestra del Teatro Lirico Sperimentale. Dal 2006 al 2008 è stato direttore musicale dell'Orchestra Cantelli di Milano.

ANTONIO CAMPONOGARA Ha conseguito brillantemente il diploma in pianoforte, studiando con il M° Franco Angeleri presso il conservatorio di musica “C. Pollini” di Padova. Si è diplomato in seguito in organo e composizione organistica e clavicembalo, perfezionandosi con i maestri Michele Campanella e Bruno Canino. Ha conseguito il Diploma di Concertismo presso “L’Ecole Internazionale de Piano” Fondation CIEM Mozart di Fausto Zadra. Si è distinto al concorso Internazionale “F. Liszt" di Budapest (1986). Ha collaborato con l'Orchestra di Padova e del Veneto, I Solisti Veneti e I Virtuosi di Venezia, con le quali ha suonato in Italia, Europa ed America. E’ docente presso il conservatorio di musica “C. Monteverdi“ di Bolzano, e ha in repertorio i concerti per pianoforte ed Orchestra di W.A. Mozart, L.v.Beethoven, F. Chopin, J. Brahms, M. Ravel, E. Grieg, che ha eseguito con diverse Orchestre Sinfoniche e Cameristiche del Veneto.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Antica fiera di Arsego

    • fino a domani
    • dal 17 al 22 ottobre 2019
    • Arsego
  • "Van Gogh, Monet, Degas. The Mellon Collection of French Art" a palazzo Zabarella

    • dal 26 ottobre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Zabarella
  • Michele De Lucchi crea l’Albero degli Alberi all’Orto Botanico

    • dal 15 marzo 2019 al 5 gennaio 2020
    • Orto Botanico
  • “Eve Arnold. Tutto sulle donne – All about women”, mostra a Villa Bassi di Abano

    • dal 18 maggio al 8 dicembre 2019
    • Villa Bassi Rathgeb
Torna su
PadovaOggi è in caricamento