menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento del live

Un momento del live

Concerto Waters, live tra brividi e polemiche: dal traffico in tilt al prato semivuoto

Spettacolo straordinario quello di "The Wall" Roger Waters come ci racconta in prima persona chi lo ha vissuto: dai fuochi d'artificio all'energia del cantante ce n'è quanto basta per non dimenticarlo. Ma oltre allo spettacolo non sono mancate le polemiche

Un concerto live da brividi, una scenografia spettacolare, un crescendo di emozioni costruito canzone su canzone, mattoncino per mattoncino fino a che il “The wall” spettacolo non si è materializzato dietro le spalle del suo leader Roger Waters.

IL LIVE. Roger parte col botto con i fuochi d’artificio e accompagna le sue intramontabili canzoni con i suoi sketch in italiano, un italiano impeccabile frutto di un amore per il nostro Paese che tanti artisti dimostrano e hanno dimostrato. Dopo lo scoop della moglie incinta, e la dedica alle vittime del terrorismo, l’icona pop-rock regala anche ai suoi fan padovani il live “sul divano” momento clou di una serata indimenticabile per i suoi fan.

POLEMICHE. Certo, vallo a dire, però, alle centinaia di fan che non sono riusciti a entrare a causa del traffico in tilt: code interminabili che ai più hanno fatto perdere qualche canzone. Ma le polemiche ci sono state anche per chi ha fatto la coda dal pomeriggio, boccheggiando per il caldo infernale, per trovare un posto buono nella zona prato.


IL PRATO. Una coda a tratti inutile: da alcune parti lo staff sbarrava la strada dichiarando il tutto esaurito, da altre parti invece il pubblico entrava tranquillamente. Risultato? Zona prato semivuota. Un disguido che ha fatto anche decidere a qualcuno di lasciare il concerto: un peccato, aspettare e cercare miglior sorte, forse, ne valeva la pena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento