menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Antonella Ruggiero al Padova Pride Village fa vibrare di emozioni il cuore degli spettatori

Torna a Padova la cantante dalle origini genovesi. Intensa e perfetta nel live dove non sono mancati momenti emozionati. Applausi a non finire per un concerto di altissimo livello

Una serata speciale quella di mercoledì 23 agosto in fiera a Padova. Accolta da un pubblico davvero molto numeroso ed eterogeneo, pronto a emozionarsi con la sua voce intensa e straordinaria, al Padova pride Village, per la terza volta, torna live Antonella Ruggiero.

INIZIO. L’artista, di origini genovesi, si presenta in abito nero, elegantissima sul palco, e dà vita a un concerto, piano con Mark Harris e voce, indescrivibilmente intenso, poliedrico e contraddistinto da sonorità molto diverse e tutte raffinatissime. Antonella ha la capacità, molto rara, di far vibrare di emozioni il cuore degli spettatori, grazie alle sue interpretazioni sofisticate e alla sua voce nitida e poderosa, sorretta da un’estensione vocale notevole che le permette di passare con estrema facilità dal registro pop a quello jazz o lirico.

I FAN. Il pubblico del PPV è caldissimo e spesso risponde, al termine dell’esecuzione dei brani, con vere e proprie standing ovation più che con semplici applausi. Per l’artista “è davvero bellissimo ed emozionate vedere un pubblico così partecipe e reattivo”. Ad un certo punto del live, il pathos esplode e la Ruggiero si emoziona moltissimo, i suoi occhi diventano lucidi lasciando scendere anche qualche lacrima.

IL LIVE. I brani proposti nel concerto sono davvero variegati, spaziando da sonorità swing o jazz a quelle più sperimentali, con contaminazioni provenienti dall’India o da Capo Verde ma, sicuramente, grande spazio viene dato anche ai grandi successi pop dell’artista che hanno caratterizzato la sua carriera come front-woman, prima con i Matia Bazar e, dal 1996, da solista. Momenti particolarmente emozionanti con “La canzone dell’amore perduto” e “Creuza de Ma”. Grande euforia da parte del pubblico anche dopo l’esecuzione di “Echi di infinito” e di “Cavallo bianco”.

VOCE UNICA E INECCEPIBILE. L’elemento che contraddistingue il concerto è la voce di Antonella, unica nelle sue sfumature e colori e nella sua capacità di penetrare l’anima degli spettatori.

SCALETTA DEL CONCERTO

  1. Amore lontanissimo
  2. Per un’ora d’amore
  3. Blue Moon
  4. Tu mi Shiva
  5. Stasera che sera
  6. Echi di infinito
  7. Capra pelada
  8. Aristocratica
  9. La canzone dell’amore perduto
  10. Creuza de Ma
  11. Linda Mimosa
  12. Cavallo bianco
  13. Vacanze romane
  14. Ti sento

Foto dalla pagina facebook Padova Pride Village

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento