Lunedì, 27 Settembre 2021
Cultura

"Arti di vicinato": l’arte, la musica, il teatro e la danza nei quartieri di Padova

Il progetto ha visto la realizzazione di 8 spettacoli dal vivo, 3 interventi site specific e la produzione di illustrazioni per 700 cartoline d’artista, con l’intenzione di riconoscere il lavoro dei professionisti della cultura

Alla fine di un anno intenso, che ha messo in discussione le certezze e le abitudini di ognuno, prosegue e si intensifica l’attività dell’area Creatività dell’ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova. Già dai giorni scorsi, infatti, gli operatori dell’area, hanno dato il via al progetto “Arti di vicinato – Gesti d’artista nello spazio comune”, iniziativa sostenuta dalla Fondazione Cariparo in seno al progetto “Energie”

La cultura si rinnova

Con il coinvolgimento di 35 artisti, “Arti di vicinato” attraversa alcuni quartieri di Padova per propone un nuovo approccio alla dimensione culturale per le persone che normalmente, e in questo periodo ancora di più, non riescono a beneficiarne.
Attraverso la realizzazione di 8 spettacoli dal vivo, 3 interventi site specific e la produzione di illustrazioni per 700 cartoline d’artista, con l’intenzione di riconoscere il lavoro dei professionisti della cultura – pesantemente colpito dalla pandemia Covid-19 – il progetto sperimenta sul campo nuove modalità di aggregazione sociale, di prossimità e coinvolgimento, pur nel rispetto del distanziamento fisico e delle altre normative: uscendo dagli spazi convenzionali, l’arte, la musica, il teatro e la danza esplorano nuovi spazi d’azione per avvicinarsi ai cittadini, incontrandoli negli ambienti del quotidiano, in prossimità o dentro le loro case.

Un calendario di performance

“Arti di vicinato” non presenta un programma, ma un calendario di performance dedicato alle persone che abitano, vivono o attraversano due aree precise dei quartieri Arcella e Portello come manifestazione quotidiana di creatività e offerta culturale. Affacciate alle finestre e ai balconi delle proprie abitazioni, le persone guardano e ascoltano i gesti, le voci e le parole degli artisti che agiscono nei cortili e nei giardini comuni delle case popolari.
Tutti i dettagli sono disponibili su www.progettogiovani.pd.it.

Illustrazioni d’artista per gli utenti dei servizi “spesa a domicilio”

Sono stati coinvolti quattro artiste e un artista che hanno realizzato una serie di illustrazioni originali, diventate cartoline per entrare delicatamente nelle abitazioni dei cittadini, condividendo con loro porzioni di mondi, sogni, immaginari. Grazie alla collaborazione con l’iniziativa “Per Padova noi ci siamo”, i volontari stanno consegnando le cartoline d’artista a centinaia di persone assistite in città con la spesa a domicilio.
Gli artisti: Terry Agostini, Nadia Pillon, Marcello Milani, Giovanna Marin, Eliana Albertini.

Spettacoli dal vivo nelle zone comuni di quartieri periferici della città

“Stand up poetry” è uno spettacolo di poesia performativa realizzato da Lorenzo Maragoni. Poesia e tracce di stand up comedy si mescolano alla ricerca di un improbabile equilibrio. Attraverso il racconto della vita quotidiana, si confronta con temi classici e inediti della poesia: l’amore, l’identità, la distanza, le pandemie globali.
Letture ad alta voce a cura dell’associazione “MiLEGGI. Diritti ad alta voce”, iniziativa nata per condividere la passione per la lettura ad alta voce con la volontà di far ragionare adulti e ragazzi sui temi della giustizia, dei diritti, della pace, del rispetto delle differenze e dell’inclusione sociale.
Installazioni coreografiche al tempo del distanziamento fisico realizzate da VIAdanza per riflettere sulla possibilità di stare in relazione senza contatto fisico, danzando distanziati perché, forse, la risposta è nei corpi in movimento.
Musica con i Gypsy Thief, gruppo nato come solitamente nascono le amicizie: per strada, nei parchi, nei bar, ai concerti, nei posti dove meno ce lo si aspetta. Uniti dalla passione comune per lo swing europeo del primo dopoguerra, per i ritmi sincopati ed energici che hanno accompagnato la gioventù dei loro nonni e per la libertà che l’improvvisazione concede e costringe a prendersi, i suoi membri si distinguono per la spontaneità, passione e la speranza che la musica contribuisca a creare un mondo libero e sereno.

Interventi site specific in alcuni spazi della città

I primi interventi si sono svolti in piazza De Gasperi – dove l’area Creatività interviene da più anni con numerosi progetti – e si svolgeranno presso le Cucine Popolari di Via Tommaseo.
Nei giorni 11, 12 e 13 dicembre, Olga Trevisan ha proiettato, sulla facciata di un palazzo di piazza De Gasperi, il suo video itinerante, tappa italiana del festival internazionale “Project/Forward: 2047”, curato dal circuito Micro Galleries riflettendo su un futuro possibile e immaginario.

Il progetto “Energie”

Il progetto “Energie”, pensato e redatto nel periodo a cavallo tra le cosiddette Fase 1 e Fase 2 dell’emergenza Covid-19, è sostenuto dalla Fondazione Cariparo. Si è articolato in tre azioni distinte, ha previsto diversi interventi a favore di più categorie target ed è stato attivato operativamente dalle cooperative che, in convenzione con il Comune di Padova, gestiscono i servizi dell’ufficio Progetto Giovani.
L’intento del progetto è stato quello di sperimentare e mettere in pratica, con innovativi approcci pedagogici, nuove modalità di supporto che rispondessero a target di utenti distinti, ma ugualmente in difficoltà: giovani neet e adolescenti fragili, i primi perché già esclusi dalla ripartenza, i secondi per l’elevato rischio di abbandono scolastico; i giovani artisti e le organizzazioni culturali giovanili che rischiano la marginalizzazione trovandosi di fronte al blocco, o alla riduzione consistente, delle loro attività lavorative; più generale, i cittadini in difficoltà e delle fasce fragili, esclusi dalla possibilità di coinvolgimento in pratiche di aggregazione sociale e culturale.
Tra gli obiettivi pratici, “Energie” ha realizzato un servizio di tutoraggio e formazione per giovani neet e adolescenti, ha proposto eventi e manifestazioni attraverso il coinvolgimento di associazioni e organizzazioni culturali della città e ha sostenuto le organizzazioni e i soggetti che operano nell’ambito animativo e socio-culturale giovanile cittadino attraverso percorsi di condivisione, formazione e attivazione di nuove prassi.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Arti di vicinato": l’arte, la musica, il teatro e la danza nei quartieri di Padova

PadovaOggi è in caricamento