Bart Music Festival: sei giorni di musica e cultura a Mestrino

Musica originale ed indipendente, un festival nato quasi per gioco ma che ha iniziato a raccogliere pubblico e consensi a livello nazionale. Appuntamento dal 23 al 28 agosto in piazza IV novembre

Dal 23 al 28 agosto si terrà a Mestrino la quinta edizione del Bart Music Festival, evento nato da un’idea di un gruppo di ragazzi accomunati dalla passione per la musica dal vivo e il desiderio di offrire un’alternativa culturale nel loro piccolo paese di provincia. Il festival, totalmente gratuito e organizzato da volontari, si propone come punto d’incontro per i giovani e gli amanti dei concerti: sei giorni in cui artisti emergenti si alterneranno a gruppi più affermati provenienti dal panorama musicale italiano.

Gli artisti

Solo musica originale e indipendente: l’obiettivo è far conoscere alle persone artisti che vivono per e con la musica, e dar loro valore e importanza artistica. I gruppi di questa edizione appartengono principalmente alla scena indie, lo-fi e pop-rock del momento. Fra gli headliners il romano Bartolini e i genovesi Eugenia Post Meridiem, entrambi ospiti del Mi Ami festival di Milano lo scorso maggio, i Cactus? e i The Lizards’ Invasion da Vicenza, i Vanarin da Bergamo. Domenica 25 agosto ci saranno i Tin Woodman da Brescia aperti dai Two Hicks One Cityman, serata in collaborazione con l’associazione Brexhip, che da anni si propone di far da ponte tra band italiane e britanniche. Ad affiancare questi gruppi ci saranno giovani band padovane promettenti: Venere, Seville, Post Nebbia e Inside Emerica.

Non solo musica

Da qualche anno il Bart propone iniziative che vogliono valorizzare anche l’arte visiva, in particolare la pittura e la fotografia: lunedì 26 agosto Chiara Calore, giovane artista di Abano, si esibirà in un live painting accompagnata dai dischi selezionati da Dj Moon, alias Chiara Veronesi; inoltre, durante l’intera durata del festival, si potrà visitare la mostra permanente del fotografo belga David Denil, organizzata in collaborazione con l’associazione MovingLab di Venezia. Fra le realtà che sostengono e fanno rete con il Bart ci sono altri festival e associazioni patavine, come Across The University, Rise Festival, Irruzioni Festi-val, Associazione Voyager e altre. Arte, buona musica gratuita, area food, tutto da gustare all’aperto con una buona birra o un drink assieme agli amici, un’occasione da non perdere per chiudere l’estate in bellezza.

Info su Facebook (pagina https://www.facebook.com/Bart-MusicFestival/ ed evento https://www.facebook.com/pg/BartMusicFestival/events/) e Instagram (https://www.instagram.com/bartmusicfestival/).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camerieri di un ristorante del centro pestati a sangue: mascella distrutta per uno dei due

  • Tre acconciature da fare prima di andare a letto per avere boccoli morbidi e voluminosi al mattino

  • Sangue sulle strade padovane: frontale auto-furgone, un morto e due feriti

  • Luca Zaia attacca Poiana: «Non si può andare in tv a sputtanare il Presidente della Regione, ditelo a Pennacchi»

  • Clio all'ombra del Santo: apre a Padova il temporary store della celebre make-up artist

  • Parto di emergenza riuscito alla perfezione: la "nascita-lampo" di Ginevra a Camposampiero

Torna su
PadovaOggi è in caricamento