“Il carnevale degli animali” con le scuole dell’infanzia all’Auditorium Pollini

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Giovedì 23 marzo, il Conservatorio Statale di Musica “C. Pollini” ospita i bambini delle scuole dell’infanzia comunali di Padova per l’evento conclusivo di un percorso di formazione iniziato lo scorso settembre.

Due concerti – alle 15 e alle 17 – che nascono dallo studio dell’opera “Il Carnevale degli Animali” del compositore francese Camille Saint-Saens.

L’opera, selezionata per i suoi favorevoli spunti didattici – oltre che per la sua popolarità e validità –, è stata studiata dalle docenti, con la guida attenta e sapiente della maestra Elisabetta Garilli, che hanno progettato un percorso di educazione musicale per le classi, alternando momenti di ascolto consapevole a momenti di operatività in cui i bambini hanno lavorato a più livelli sulla partitura musicale: dal simulare l’animale proposto e viverlo interiormente, ciascuno secondo la propria sensibilità e il proprio tempo, alla pratica dei diversi linguaggi comunicativi.

L’iniziativa ha coinvolto quasi 300 bambini e 30 insegnanti. Tutti i bambini dell’ultimo anno (di 5 anni) partecipano all’evento.

L’elenco delle scuole dell’infanzia comunali è disponibile sul sito istituzionale www.padovanet.it.

Il progetto si è sviluppato all’interno dell’offerta didattica che il Comune di Padova propone annualmente alle scuole attraverso investimenti di risorse economiche e umane partendo dalla ferma convinzione che l’esperienza della scuola dell’infanzia non debba essere limitata all’accudimento ma si debba realizzare attraverso esperienze educative e formative. La scelta del linguaggio musicale riconosce, inoltre, il valore inclusivo del suono e della musica sin dai primi anni di vita dei piccoli cittadini.

L’opera “Il Carnevale degli Animali” fu composta da Camille Saint-Saens nel 1886 durante un periodo di riposo a Vienna. Per volere del compositore l’opera doveva essere eseguita pubblicamente solo dopo la sua morte. La sua prima fu il 26 febbraio 1922, trentasei anni dopo la sua composizione e un anno dopo la morte dell’autore e, in breve, divenne la musica più caratteristica di Saint-Saens per i suoi toni umoristici e canzonatori.

I 14 brani che la compongono, tutti molto brevi, si riferiscono ciascuno ad un animale. Non mancano riferimenti dichiaratamente satirici e umoristici. La comicità del brano è data anche dalle citazioni esplicite di brani o motivi noti.

Per informazioni

Comune di Padova – Settore Servizi Scolastici

Via Raggio di Sole, 2 - 35137 Padova

Mail: serviziscolastici@comune.padova.it

Torna su
PadovaOggi è in caricamento