menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sesso e trasgressioni al Castello di Valbona, in mille al party privato "Decadence"

E' tornata a Lozzo Atestino la serata dedicata al sadomaso, fetish e goth. Un successo all'insegna del rispetto reciproco

Domenica e sabato notte il Castello di Valbona, a Lozzo Atestino, ha ospitato la festa "Decadence": evento dedicato a sottoculture, perversioni e trasgressioni. Sabato sera almeno mille persone si sono presentate al complesso medioevale per passare una serata all’insegna dell’eccesso, con la garanzia della buona educazione e del rispetto reciproco. I partecipanti devono adeguarsi al tema, indossando abiti scuri che richiamano la cultura goth, fetish e sadomaso.

IL FORMAT.

Tutto è permesso. C’è chi chiede alle donne di essere calpestato, chi è al guinzaglio della propria compagna, chi si traveste da pipistrello o da gerarca nazista. Molti i partecipanti vestiti in pelle o in lattice. E’ anche presente una dark room, dove a fine serata qualcuno arriva a fare sesso. All’interno della festa non sono permesse né foto né cellulari in mano.

IL CASTELLO.

Il castello di Valbona è un autentico castello Carrarese del 1200. È il più antico del Veneto ad essersi conservato completo in tutte le sue parti fino ai giorni nostri. È una fortezza di confine che rappresentava l'ultimo baluardo difensivo del popolo Padovano dall'acerrimo nemico, il regno Scaligero. Teatro di sanguinose battaglie è famoso per le strane presenze al suo interno, tra cui il fantasma della giovane figlia di Germano Ghibelli morta per disperazione per non aver potuto sposare l'uomo che amava. La leggenda dice che la ragazza si affacci tutt'ora in lacrime alle finestre del castello e le testimonianze sono molteplici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento