Educazione ambientale di Etra nel grest a San Martino di Lupari

La scuola di Etra non finisce mai! dopo un’intensa stagione scolastica, anche d’estate il settore educazione ambientale è operativo nei grest e prepara tutte le novità per settembre

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Mentre gli scolari si godono le loro meritate vacanze, gli educatori ambientali di Etra sono impegnati nell'elaborazione dei progetti per la stagione 2016/17. Non solo: riescono anche ad accogliere alcune richieste di partecipazione ai Grest, i campi estivi che si tengono in molti Comuni del bacino. Venerdì 22 saranno impegnati, ad esempio, a San Martino di Lupari, dove incontreranno 25 bambini tra i 7 e gli 11 anni, a cui proporranno attività coinvolgenti sui temi del rispetto dell'ambiente, del risparmio delle risorse naturali, della raccolta differenziata e molto altro: col metodo della didattica ludica, ecco che il basket o la staffetta diventano un test sulla differenziata e ai rigori bisogna indovinare al volo il rifiuto giusto.

Le attività estive sono la continuazione dei tanti progetti che gli Educatori Ambientali di Etra hanno condotto durante la lunga stagione scolastica compresa tra settembre e giugno: ben 139 sono state le scuole coinvolte in almeno una attività, 30 hanno partecipato al Concorso "La Natura insegna" che si è conclusa nella grande kermesse di Piazzola Sul Brenta a fine maggio, 3 le scuole che invece si sono impegnate nel concorso "Un mondo di risorse".

"Un grazie va ai nostri Educatori Ambientali e anche agli insegnanti che offrono la loro collaborazione - commenta il Presidente del Consiglio di Gestione di Etra, Andrea Levorato - perchè educare una persona al rispetto della natura sin dai primi anni d'età significa avere domani un adulto che saprà amare l'ambiente in quanto patrimonio dell'intera comunità: solo quest'anno, in ben 55 Comuni, i nostri Educatori hanno lavorato a contatto con 18.572 ragazzi di un arco d'età che va dalla scuola dell'infanzia alle superiori di secondo grado, costruendo un bagaglio di preziose conoscenze".

Grazie anche alla collaborazione di cooperative e associazioni, sono state svolte in tutto 1.223 attività sia all'interno delle scuole, sia in visita a realtà ambientali di grande rilevanza sul nostro territorio, come la Palude di Onara di Tombolo o le Risorgive di Fratte, o ancora il Parco per le Energie Rinnovabili La Fenice. Di grande effetto risultano sempre anche le visite didattiche agli impianti di riciclaggio e selezione dei rifiuti, a depuratori, centrali idriche e idroelettriche o idrovore, dove i ragazzi hanno mille domande e trovano gli Educatori Ambientali di Etra, che sanno sempre dare una risposta.

Torna su
PadovaOggi è in caricamento