Cultura Portello / Via Venezia, 40

Al via la VI edizione del parco della Musica di Padova

La sesta edizione del Parco della Musica, arriva dopo un anno di stop forzato a causa della pandemia di Sars-CoV2, e vedrà sul suo palco artisti come Giovanni Lindo Ferretti, Niccolò Fabi, Myss Keta, The Zen Circus e molti altri artisti di prima caratura. Di seguito tutto il programma

Riceviamo e pubblichiamo:

"Quella che si inaugura venerdì 2 luglio con l'Opening Party sarà l'edizione della ripresa per il parco della Musica: la sesta stagione (la prima fu nel 2015), arriva dopo un anno di stop dovuto alla pandemia Covid-19. «Cominciamo questa stagione con la ritrovata energia che raccoglie il desiderio di ogni segmento di società, dagli addetti ai lavori agli appassionati di musica a tutta la cittadinanza, di tornare finalmente a vivere godendosi un'estate all'insegna della musica e della freschezza di un luogo, il Parco d'Europa, che è diventato negli anni un polo di ritrovo per tutta la città e un palco prestigioso per chi vive la musica».

La sesta edizione del Parco della Musica, arriva dopo un anno di stop forzato a causa della pandemia di Sars-CoV2, e vedrà sul suo palco artisti come Giovanni Lindo Ferretti, Niccolò Fabi, Myss Keta, The Zen Circus e molti altri artisti di prima caratura.

Il 2021 sarà il primo di cinque anni della gestione affidata all'associazione Mame. Un quinquennio in cui l'intenzione e il progetto è quello di far crescere la struttura e attrarre nomi di sempre maggior rilievo del panorama musicale nazionale e internazionale. Rendere il Parco d'Europa un luogo ancora più vivibile e piacevole per tutta la cittafinanza padovana, e un punto di riferimento per gli appassionati di musica di tutto il Nord Italia.

La gestione del parco della Musica

La gestione del parco della Musica La gestione, affidata all'associazione Mame, è presieduta da Sara Zampiron, che al ruolo istituzionale accosta il ruolo attivo di organizzatrice e responsabile del settore ristorativo. La direzione artistica è affidata a Simone Fogliata, storico componente della compagine, direttore artistico dell'Anfiteatro del Venda nonché storico organizzatore di manifestazioni di successo come il Macello Festival. Alla logistica e all'organizzazione Antonio Colella, storico deus ex machina del Circolo Mame, ispiratore e organizzatore, negli anni, di ciascuna delle cinque edizioni precedenti del Parco della Musica; completa la compagine Aisha Ruggieri, precedentemente apprezzatissima pianista jazz, attualmente organizzatrice di centinaia di eventi in 3 anni ai Giardini dell'Arena, studiosa in scienze per il paesaggio e Progettista socio-culturale con l associazione Fusmart Mutaforma, non ché direttrice artistica del Giardino di Cristallo , la splendida serra al centro del Parco d'Europa che si animerà prossimamente di una sua propria programmazione.

L'organizzazione del Parco della Musica

Il Parco della Musica avrà due ingressi, il primo da via Venezia 40, il secondo da via Del Pescarotto, a fianco dei nuovi edifici del Campus di Biologia e Biomedicina "Fiore di Botta".

Al centro del parco, a trenta metri dall'ingresso di via Venezia, trova spazio l'area ristorativa, con una grande piazza centrale contornata da una pizzeria e tre bar, uno dei quali alla sommità del suggestivo soppalco con vista sul palco scenico.

Fra l'area ristorativa e il Giardino di Cristallo troverà spazio l'ampia platea, e soprattutto il palco scenico di 140 mq, posizionato indietro di circa cinquanta metri rispetto alle scorse edizioni per permettere un adeguato distanziamento fra le sedute della platea.

Il distanziamento sociale e le norme di sicurezza Covid-19 hanno imposto per quest'anno una platea con posti a sedere, una novità per il Parco della Musica. La capienza massima è fissata attualmente a 1000 spettatori. Sempre in ottemperanza alle norme di sicurezza imposte dalla pandemia, ampio impulso è stato dato alla biglietteria elettronica: tutti i biglietti saranno disponibili sulla app Dice o su Ticketone, e avranno un costo in linea con i prezzi di mercato in questo momento, generalmente leggermente maggiorati a causa delle limitazioni imposte, che generano di conseguenza una flessione dei flussi di cassa degli organizzatori gli eventi culturali.

Agli spettatori si richiederà di presentarsi con un congruo anticipo rispetto all'apertura dei cancelli (previsto per le 19.30), per procedere con i giusti tempi all'assegnazione dei posti a sedere.

Stimiamo che, durante ogni evento, non meno di 50 lavoratori parteciperanno all'organizzazione, fra tecnici di palco, fonici, addetti alla ristorazione, sicurezza e lavoratori al seguito degli artisti coinvolti.

La programmazione artistica del Parco della Musica

Nonostante le restrizioni, che impongono di ripensare il concetto di "esperienza live" finora applicato al Parco della Musica, la direzione artistica è stata in grado di programmare una rassegna di primo livello, animata da nomi di primo piano della scena nazionale (con qualche gradita intrusione di artisti di rilievo internazionale... fra cui aspettiamo di poter comunicare ufficialmente l'ultima novità). La riprova della qualità della programmazione messa in campo dal Parco della Musica, oltre all'esclusività per il Veneto di molti concerti, consiste nel sold-out che molti artisti hanno già registrato, in certi casi a più di un mese dal concerto!

«Quest'anno c'è stata molta disponibilità da parte degli artisti perché erano fermi da un anno e mezzo. Anche quelli più noti hanno accettato di venire a delle condizioni più flessibili, vista la ridotta capienza. Siamo molto contenti, oltretutto, di avere una buona percentuale di artiste donne, protagoniste di questa edizione tanto quanto i loro colleghi uomini».

Sono le parole del direttore artistico, Simone Fogliata, in un piccolo ringraziamento ai veri protagonisti della rassegna: gli artisti.

A partire da Ferragosto, il Parco della Musica si trasformerà in un polo di ritrovo al fresco per i Padovani fino a settembre inoltrato, con iniziative legate all'enogastronomia, al commercio indipendente e vintage, ai collezionismo musicale e molto altro, di cui non mancheremo di dare comunicazione dettagliata.

Verranno inoltre proiettate le partite dell'Europeo 2020 di Calcio, nella fattispecie i quarti di finale del 6 luglio, la semifinale del 7 luglio e la finale dell'11 luglio.

Il Calendario del parco della Musica

4 luglio Dente
8 luglio Niccolò Fabi
9 luglio Giovanni Lindo Ferretti
10 luglio Ministri

13 luglio Dee Dee Bridgewater (Unica data in Veneto)
14 luglio cmqmartina

16 luglio FASK (Evento SOLD OUT)
17 luglio Coma Cose (Evento SOLD OUT)
20 luglio Guido Catalano
22 luglio Ruggero dei Timidi
23 luglio Calibro 35 (Unica data in Veneto)
24 luglio La Notte Nera (Festival del Mistero e della Magia)
25 luglio Zen Circus
29 luglio Negrita (Unica data in Veneto)
30 luglio Myss Keta (Unica data in Veneto)

31 luglio Iosonouncane (Unica data in Veneto)
2 agosto ????????? ?
8 agosto Valerio Lundini (Evento SOLD-OUT, Unica data in Veneto)

Info e biglietti su www.parcodellamusicapadova.it

Foto articolo da comunicato stampa."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via la VI edizione del parco della Musica di Padova

PadovaOggi è in caricamento