Venerdì, 24 Settembre 2021
Cultura

Gaetano Rampin, il ricordo del Teatro Stabile del Veneto: «Se ne va un grande attore e regista padovano»

Il presidente Giampiero Beltotto e il direttore Massimo Ongaro, insieme a tutta la famiglia del Teatro Stabile del Veneto ricordano l’attore e regista Gaetano Rampin che il Covid 19 si è portato via la notte di Natale

«La famiglia del teatro veneto questo Natale ha perso un caro amico. Con la scomparsa di Gaetano Rampin se ne va un grande attore e regista padovano, un uomo di cultura, entusiasta e appassionato con cui lo Stabile del Veneto ha avuto l’onore di collaborare per diversi anni, in particolare beneficiando della sua esperienza e porfessionalità come consigliere del Teatro dal 2002 al 2007».

Il ricordo

Così il presidente Giampiero Beltotto e il direttore Massimo Ongaro, insieme a tutta la famiglia del Teatro Stabile del Veneto ricordano l’attore e regista Gaetano Rampin che il Covid 19 si è portato via la notte di Natale. Insignito nel 1998 della nomina di Padovano Eccellente in quanto “promotore e cultore dei valori della espressività e della cultura veneta”, Rampin è stato memoria storica del teatro padovano, grande amante e conoscitore del teatro di tradizione in generale e di Ruzante in particolare, che fino agli ultimi mesi si è impegnato a promuovere e diffondere presso i giovani.

Instancabile passione 

«Sempre pronto a lanciarsi in nuove avventure – continua il ricordo dello Stabile del Veneto –, Rampin si era da poco proposto alla direzione del Teatro per seguire un progetto dedicato a Ruzante offrendosi di affiancare un giovane a cui desiderava venisse affidato. Un esempio instancabile di passione per la nostra tradizione».

Foto da Facebook

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gaetano Rampin, il ricordo del Teatro Stabile del Veneto: «Se ne va un grande attore e regista padovano»

PadovaOggi è in caricamento