Dai colli Euganei all’Altopiano di Asiago, il folk di Giorgio Gobbo esalta il Veneto e le stagioni

Dai larici dell’Altopiano a una sorprendente Rovolon, ‘isola che non c’è’ dei Colli Euganei; dal miele (bene prezioso) al sorgere della luna, da persone spigolose ad alberi che hanno, talvolta, più personalità di esse. “Camminando nei boschi ho incontrato queste canzoni” è la frase con cui Giorgio Gobbo presenta la sua ultima fatica discografica e torna al proprio pubblico, facendolo partecipe dei suoi più recenti incontri.

Un album personale e profondo

Non aspettatevi sempre paesaggi idilliaci o creature simpatiche. C’è una velatura malinconica in ’Nettare dell’estate’, primo album solista dopo 18 anni di collaborazione con la Piccola Bottega Baltazar, di cui è stato cofondatore e voce. L’amore per le montagne e per la natura hanno condotto Gobbo per una strada solitaria, con un album che parla di cime, stagioni e sentimenti profondi, come quello dell’amore e della paternità. Monti e paesi veneti diventano messaggeri di avventure e pensieri, come se borbottassero in lontananza, contaminati da secoli di passaggi, umori, energie, suoni. Suoni che con Gobbo diventano essenziali, in tredici inediti dal significato tanto personale quanto universale: l'uomo racconta ogni passo del proprio sentiero, l’artista condivide con chi ascolta omaggi al creato e al rapporto tra uomo e natura, un omaggio che assume un valore speciale dopo il disastroso evento che ha colpito i boschi delle Dolomiti e delle Prealpi.

«La musica e le parole si sono fatti un nido dentro di me»

«Nel culmine dell’estate ho attraversato le Dolomiti, ho posato la testa tra i prati di alta quota, assopito tra le pietraie al cospetto dei monoliti di roccia che un tempo furono bassi fondali marini.  Ho ricercato il silenzio, ma i grandi spazi aperti sono pieni di voci: lo spirito dei luoghi, le acque che cantano l’eterno mutare delle cose, la presenza spesso solo intuita degli animali che vi abitano, il rumore dei propri passi e il dialogo interiore con le persone care. Sono tornato con la musica e le parole che durante questi viaggi si sono fatti un nido dentro di me». - Giorgio Gobbo

I dettagli

Registrato al Pink Sound Studio di Padova tra marzo e luglio 2018, ’Nettare dell’estate’ è già disponibile negli store digitali e sul sito dell'etichetta Azzurra Music.

Hanno suonato in ‘Nettare dell’estate’:

Giorgio Gobbo, canto e chitarra acustica
Nelìde Bandello, batteria
Carlo Carcano, pianoforte
Graziano Colella, batteria e percussioni
Stefano Dallaporta, basso elettrico e contrabbasso
Antonio De Zanche, contrabbasso
Mirko Di Cataldo, chitarra elettrica
Margherita Gobbo, canto
Gianluca Segato, lap steel guitar
Annamaria Moro, violoncello e canto
Ivan Tibolla, flauto traverso
Max Trisotto, basso elettrico

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il trattore trancia un tubo di gasolio: la perdita fa scoprire l'allacciamento abusivo

  • Esce dal garage con la Porsche e si maciulla una gamba: grave incidente per un assicuratore

  • Gioca 5 euro, ne incassa 500mila: colpaccio col "Gratta e Vinci" in provincia di Padova

  • Gravissimo scontro tra un'auto e un camion: muore una donna di 52 anni

  • Tragedia sulle montagne trentine: morti due scalatori padovani

  • Tragedia al Portello: dalle acque del Piovego affiora un cadavere

Torna su
PadovaOggi è in caricamento