Dai colli Euganei all’Altopiano di Asiago, il folk di Giorgio Gobbo esalta il Veneto e le stagioni

Dai larici dell’Altopiano a una sorprendente Rovolon, ‘isola che non c’è’ dei Colli Euganei; dal miele (bene prezioso) al sorgere della luna, da persone spigolose ad alberi che hanno, talvolta, più personalità di esse. “Camminando nei boschi ho incontrato queste canzoni” è la frase con cui Giorgio Gobbo presenta la sua ultima fatica discografica e torna al proprio pubblico, facendolo partecipe dei suoi più recenti incontri.

Un album personale e profondo

Non aspettatevi sempre paesaggi idilliaci o creature simpatiche. C’è una velatura malinconica in ’Nettare dell’estate’, primo album solista dopo 18 anni di collaborazione con la Piccola Bottega Baltazar, di cui è stato cofondatore e voce. L’amore per le montagne e per la natura hanno condotto Gobbo per una strada solitaria, con un album che parla di cime, stagioni e sentimenti profondi, come quello dell’amore e della paternità. Monti e paesi veneti diventano messaggeri di avventure e pensieri, come se borbottassero in lontananza, contaminati da secoli di passaggi, umori, energie, suoni. Suoni che con Gobbo diventano essenziali, in tredici inediti dal significato tanto personale quanto universale: l'uomo racconta ogni passo del proprio sentiero, l’artista condivide con chi ascolta omaggi al creato e al rapporto tra uomo e natura, un omaggio che assume un valore speciale dopo il disastroso evento che ha colpito i boschi delle Dolomiti e delle Prealpi.

«La musica e le parole si sono fatti un nido dentro di me»

«Nel culmine dell’estate ho attraversato le Dolomiti, ho posato la testa tra i prati di alta quota, assopito tra le pietraie al cospetto dei monoliti di roccia che un tempo furono bassi fondali marini.  Ho ricercato il silenzio, ma i grandi spazi aperti sono pieni di voci: lo spirito dei luoghi, le acque che cantano l’eterno mutare delle cose, la presenza spesso solo intuita degli animali che vi abitano, il rumore dei propri passi e il dialogo interiore con le persone care. Sono tornato con la musica e le parole che durante questi viaggi si sono fatti un nido dentro di me». - Giorgio Gobbo

I dettagli

Registrato al Pink Sound Studio di Padova tra marzo e luglio 2018, ’Nettare dell’estate’ è già disponibile negli store digitali e sul sito dell'etichetta Azzurra Music.

Hanno suonato in ‘Nettare dell’estate’:

Giorgio Gobbo, canto e chitarra acustica
Nelìde Bandello, batteria
Carlo Carcano, pianoforte
Graziano Colella, batteria e percussioni
Stefano Dallaporta, basso elettrico e contrabbasso
Antonio De Zanche, contrabbasso
Mirko Di Cataldo, chitarra elettrica
Margherita Gobbo, canto
Gianluca Segato, lap steel guitar
Annamaria Moro, violoncello e canto
Ivan Tibolla, flauto traverso
Max Trisotto, basso elettrico

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in serata lungo la Pelosa: morti due padovani, un ferito grave

  • Le acque del Bacchiglione restituiscono un corpo. Accanto l'auto abbandonata

  • Zaia: «Dal primo giugno via la mascherina. Si indossa solo quando serve»

  • Coronavirus, Zaia: «L'Azienda Ospedaliera di Padova? Nessuno mette in discussione Flor»

  • Coronavirus, Navalesi: «In Veneto il virus è clinicamente morto, oggi il problema è sotto controllo»

  • Live - Sangue sulle strade. Arrestato l'ex vicepresidente del Padova. Rogo sui Colli

Torna su
PadovaOggi è in caricamento