menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un ritratto di Giovanni Battista Belzoni

Un ritratto di Giovanni Battista Belzoni

“L'italiano più famoso del mondo”? È un padovano doc: un doppio incontro per conoscerlo meglio

Stiamo parlando di Giovanni Battista Belzoni, considerato una delle figure di primo piano dell'egittologia mondiale: scoprì gli ingressi della piramide di Chefren, sconosciuti per oltre 4.000 anni

Spesso ci si dimentica di quanta storia sia “nascosta” all'ombra del Santo. E altrettanto spesso si ignora chi siano quei “personaggi” a cui vengono dedicate vie, scuole e quant'altro. Capita, così, di scoprire che c'è un padovano doc talmente conosciuto da risultare “L'italiano più famoso del mondo”. Non ci credete? Basta continuare a leggere...

Giovanni Battista Belzoni

La pagina a lui dedicata su Wikipedia lo indica come “un esploratore, ingegnere e pioniere dell'archeologia italiana” aggiungendo che “è considerato una delle figure di primo piano dell'egittologia mondiale”. Se non avete ancora capito di chi stiamo parlando, è giunto il momento di svelarne il nome: Giovanni Battista Belzoni. È lui “l'italiano più famoso del mondo”: questo il titolo del libro scritto dalla giornalista Gaia Servadio e che sarà il fulcro dei due incontri in programma venerdì 9 novembre alle ore 18 alla libreria “Feltrinelli” e sabato 10 novembre alle ore 10 all'auditorium del liceo artistico “Modigliani” (evento patrocinato dall'ufficio scolastico territoriale di Padova, dal comune di Padova, dalla Provincia di Padova e dall'Associazione Culturale "G.B. Belzoni" di Padova).

Belzoni 1-2

La storia

Verrà narrata la storia di Giovanni Battista Belzoni, genio dell'inventiva ma soprattutto pioniere dell'egittologia: fu tra i primi europei a spingersi fino in Nubia, e tra il 1816 e il 1819 scoprì una decina di tombe nella Valle dei Re (tra cui la magnifica Tomba di Sethi I), sgomberò da oltre 40 metri di sabbia i grandiosi templi di Abu Simbel e scoprì gli ingressi della piramide di Chefren, sconosciuti per oltre 4.000 anni. Durante l'incontro di sabato 10 gli studenti del Modigliani, inoltre, presenteranno alcune opere frutto di una collaborazione intrapresa con l'associazione culturale Belzoni al fine di stimolare significative iniziative con altre scuole che possano servire a rivalutare il grande Giovan Battista Belzoni nel proprio territorio.

Belzoni 2-3-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento