rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cultura

Hung Over, primo disco per il gruppo padovano e l’omaggio agli attentati di Parigi

Registrato da Enrico Santacatterina, il disco Hung Over tratta il tema degli opposti nel quotidiano. Il disco, in uscita il 20 dicembre, è consigliato da Pino Scotto e da Sergio Magri de “I Delfini”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PadovaOggi

Esce mercoledì 20 dicembre 2017 il disco del supergruppo Grunge Rock patavino Hung Over. Il disco omonimo tratta il tema degli opposti, contestualizzato nell’attualità: “Abbiamo trasformato la dicotomia in musica” - dice la band presentando la propria opera - “ispirati anche dalla rabbia e dall’odio indotti dalle ingiustizie politico-sociali. Nei principali ambiti della nostra società, a decidere sono pochi irresponsabili, a pagare sono in molti. La nostra musica è portavoce dell’energia di quest’ultimi”.

IL DISCO.

Hung Over è stato mixato da Enrico Santacatterina, noto chitarrista e polistrumentista attivo sulla scena nazionale ed internazionale, già produttore e collaboratore de I Giganti, Riccardo Fogli, del progetto Hit Italy e Billy Sheehan. Il disco contiene il singolo “Friday the 13th”, fortemente influenzato dagli attentati a Parigi del 13 novembre 2015.

Disponibile da mercoledì 20 dicembre 2017 in tutti gli store digitali, il disco Hung Over è stato ascoltato in anteprima da alcuni autori italiani, tra cui Pino Scotto, Sergio Magri, Pietro Taucher, Daniele Martini e Franco Maria Serena.

LE RECENSIONI.

“‘A Sad Ride’ è strano, mi piace, sembra scritto per la colonna sonora di un film tipo Rocky Horror”, ha dichiarato Pino Scotto, conduttore dell’emittente Rock Tv. “Suoni eccellenti, chitarra suonata con tecnica e passione”, così Sergio Magri, chitarra e sax de “I Delfini”, ha descritto l’album.

“Mi ricorda lontanamente i P.I.L. e Joe Jackson, è molto originale e non suona come altro che mi viene in mente, questo è un super-bene!” ha detto Pietro Taucher, compositore blues italiano. Daniele Martini, autore, consiglia l’album stimandolo “Seducente e a tratti graffiante. Ti porta subito altrove”.

“Mi aspettavo delle composizioni altamente contaminate dagli anni ‘60, vista la discendenza del chitarrista Alessandro, figlio d'arte, ricordiamoli i fratelli Sergio e il compianto Franco Capovilla dei gloriosi DELFINI. Invece no, la musica espressa è uno scontro continuo, un martellamento di meteore in conflitto”. È il parere di Franco Maria Serena, de “I ragazzi dai capelli verdi”.

IL GRUPPO.

Gli Hung Over sono Scatter A. Diagram – già fondatore della band padovana “The Vintage” - (voce, piano, tastiere e synth), Alessandro Capovilla (chitarre, backing vocals), J. Mas (basso, backing vocals), Luca Zenere alla batteria e Enrico Santacatterina (producer e turnista dal vivo). Dal 2010, anno di formazione, hanno suonato al Bacchiglione Beat per ogni edizione dal 2011 al 2015, (Zattera  Portello - PD), presso il Centro San Gaetano (PD), al Moon Club (Mirano – VE) in apertura ai Fast Animals and Slow Kids, e in tutta Italia.

SOUNDTRACK.

01. A Sad Ride
02. Friday the 13th
03. Wrong Choice
04. The Gift
05. Ping Pong Match
06. Cannibal
07. Goodbye My Darling
08. Ancient Love
09. Listen Beth
10. Dun Laoghaire

LA BAND.

Scatter A. Diagram
Voce, piano, tastiere e synth.

Alessandro “Capo” Capovilla
Chitarre, backing vocals.

J. Mas
Basso, backing vocals.

Luca Zenere
Batteria.

Enrico Santacatterina
Mix, master, live.

DETTAGLI.

  • Etichetta Autoproduzione
  • Formato Cd / lDigital
  • Uscita 20/12/2017
  • Artista Hung Over
  • Titolo Hung Over
  • Genere Rock / Grunge

INFORMAZIONI.

Youtube: HUNG OVER
www.hungover.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hung Over, primo disco per il gruppo padovano e l’omaggio agli attentati di Parigi

PadovaOggi è in caricamento