menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Laura Pausini live alla Kioene Area il 9 ottobre

Laura Pausini live alla Kioene Area il 9 ottobre

Laura Pausini a Padova è sold out: «Grazie a tutti, questo va oltre a quello che immaginavo»

Martedì 9 ottobre la prima delle due date patavine della cantante romagnola. Un live di livello internazionale con tanta voglia di condividere e di conoscersi scoprendo «la meraviglia di essere simili»

Si va al concerto della Pausini e si scopre di far parte di un popolo: i pausiniani, un po’ come l’esercito di Mengoni. Questa appartenenza è presa allegramente sul serio dai veri fan patavini e, come una bandiera del Veneto, viene sventolata in un lenzuolo bianco dalla prima fila del parterre la frase «Vicentini magna gatti, Veronesi tutti matti, Padovani gran pausiniani». Sarà, ma martedì 9 ottobre, la prima delle due date patavine del fatti sentire world tour, al concerto di non-pausiniani ce n’era più di qualcuno. Nessun problema, Laura ci spiega con uno sketch, in un perfetto dialetto veneto, cosa probabilmente succede appena a casa si scopre che a Padova ci sarà il concerto della Pausini: «Amore me portito? Ma dai, non sta dire che ea xè noiosa...».Il siparietto funziona benissimo, Laura ha padronanza del palco, ma soprattutto una voce strepitosa. Il risultato? La prima data è sold out e chiaramente i pausiniani (naturalmente la maggioranza) sono un popolo che vince e convince! Un plauso ai cinque coristi Gianluigi Fazio, Monica Hill, Roberta Granà, David Blank e Claudia D’Ulisse, lo show non sarebbe stato lo stesso senza di loro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È ipnotica e festaiola

Non è solo la cantante che con orgoglio viene da Solarolo, è la star conosciuta in tutto il mondo. È ipnotica e festaiola non smette mai di cantare, urlare, parlare («sono logorroica» dirà a una pausiniana fatta salire sul palco), ma soprattutto di ringraziare. Un domino di grazie sentiti e commossi ogni volta, mai forzati, dove è chiaro che esiste una consapevolezza: tutto ciò che sta vivendo «va ben oltre al sogno di una ragazzina che 25 anni fa vinse Sanremo». L’aspetto umano è quello che colpisce, un live dove non si segue militarmente solamente la scaletta, ma è uno show fatto di canzoni, chiacchiere e voglia, tanta, di conoscersi. Quasi una necessità. Non ci sono fronzoli, ma tanta voglia di condividere, come una sera a casa tra amici seduti in divano con il desiderio di raccontarsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il concerto tropicale

Il messaggio con cui si va a casa è molto chiaro: «amate chi volete, siate chi siete senza la paura di giudizi schifosi». Sa bene che non è semplice, ma è altrettanto vero che c’è una fortissima necessità di ripetere cose ovvie: l’amore è amore, non c’è nulla da temere. Quello che invece, durante il live, si è temuto è stato il caldo. Il clima bollente del palazzetto non permetteva di vivere totalmente il concerto. Più volte durante l’esibizione ci si è dovuti interrompere per soccorrere qualcuno. Il caldo afoso della serata che scompiglia anche la piega della cantante ha un vantaggio: la polemica condivisa. Un chiacchiericcio continuo con i vicini che fa conoscere i fan: una signora al quinto mese di gravidanza (con marito finto non-pausiniano) racconta che durante la prima dolce attesa fosse andata all’arena di Verona per sentire la cantante romagnola e quanto fosse impossibile per lei rinunciare a questa coincidenza. Non solo, si conosce una sosia di Elisa Toffoli, un’avvocata con amiche pronte a tutto pur di conquistare il parterre e pure il ragazzo, simpatico, che per forza voleva giustificare la sua presenza. Tutti a lamentarsi del concerto tropicale, non per ultima Laura.

Coinvolgimento totale

Il live è uno spettacolo di luci, fuochi e spara coriandoli per un coinvolgimento totale e fa tornare a casa canticchiando e, forse, non ancora consapevoli di essere pausiniani.

La scaletta del concerto a Padova

1. Non è detto
2. E.STA.A.TE
3. Primavera in anticipo (It Is My Song) / La mia risposta / Le cose che vivi
4. Frasi a metà
5. Incancellabile
6. Simili
7. Il coraggio di andare
8. Resta in ascolto
9. Lato destro del cuore / Non ho mai smesso / La solitudine
10. Fantastico (Fai quello che sei)
11. Sorry / Shape of You / Can't Stop the Feeling! (performed by backing singers)
12. La soluzione
13. Come se non fosse stato mai amore
14. L'ultima cosa che ti devo / Ho creduto a me / Il caso è chiuso / Un'emergenza d'amore
15. Tra te e il mare
16. E ritorno da te
17. Le due finestre
18. Limpido / Benvenuto / Un progetto di vita in comune / Strani amori / Non c'è
19. Vivimi
20. Una storia che vale / Benedetta passione / Io canto
21. Nuevo
22. Invece no
Encore:
23. Nadie ha dicho / Innamorata / E.STA.A.TE
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento