menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Esce il libro su Kamala Harris, edito da Solferino e stampato da Grafica Veneta

Figlia di due immigrati, nata nella California ancora segregata, ha raggiunto la seconda carica americana con l’etica del lavoro, determinazione, volontà di ferro

Dopo poche ore dal giuramento come vice presidente degli Stati Uniti esce oggi il libro “A proposito di Kamala” di Dan Morain edito da Solferino. Il volume stampato in Grafica Veneta Spa è un tributo alla storia umana della neoeletta Kamala Harris.

Le donne protagoniste della Casa Bianca

Nello stabilimento di Trebaseleghe sono terminate, in questi giorni, le tirature di “Becoming” l’autobiografia di Michelle Obama tradotta in francese, inglese oltre che in italiano. Due anni fa nel Regno Unito il volume è stato premiato con la Corona di Natale ovvero come opera letteraria più venduta in UK: un riconoscimento importante che neppure il marito Barack Obama con Promise Land ha ancora conquistato. «Leggere la storia di Kamala Harris - commenta Fabio Franceschi presidente di Grafica Veneta Spa – significa ripercorrere i passi importanti della vita privata e professionale di questa donna che ha commosso il mondo femminile con una frase: “Sarò la prima ma non l’ultima"».

La storia

Figlia di due immigrati, nata nella California ancora segregata, ha raggiunto la seconda carica americana con l’etica del lavoro, determinazione, volontà di ferro. Ha abbattuto molti muri inaugurando una collezione di prime volte: nel 2003 procuratrice distrettuale di San Francisco, nel 2010 prima procuratrice generale nera nella storia della California. Nel 2016 diventa senatrice: è la prima afro-asio-americana.  E se con queste stesse armi ha perso una battaglia, le primarie presidenziali, ha vinto però la guerra: la vicepresidenza degli Stati Uniti. Da procuratrice, si batte contro gli abusi sui minori, i crimini d’odio, la dispersione scolastica.

Il nome di dea indu’

Da candidata in lizza per la nomination democratica contesta a Joe Biden la sua antica collaborazione con due senatori contrari agli scuolabus per l’integrazione razziale: «C’era una bambina, in California, che ogni mattina prendeva uno di quegli autobus. Quella bambina ero io». Parole che hanno fatto il giro del mondo, utilizzate dai suoi sostenitori quanto dai suoi detrattori. Kamala deve a qualcuno il suo posto nella storia, si tratta della mamma che la mise al mondo a Oakland nel 1964 dandole il nome di una dea indu’ perché «una cultura che venera divinità femminili produce donne forti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PadovaOggi è in caricamento