Monumenti illuminati, shopping e voglia di normalità: si (ri)parte con la Padova Abano Color Week

In programma dal 3 al 12 luglio: a "spiccare" sono le piccole e medie attività del centro storico, dei quartieri di Padova e del cuore di Abano Terme, le quali hanno sposato con grande entusiasmo il progetto

La locandina della "Padova Abano Color Week"

Unite per far fronte comune e superare insieme le difficoltà del periodo storico appena trascorso: alla vigilia della "Padova Abano Color Week", evento - in programma dal 3 al 12 luglio - che sancisce la ripartenza dei due Comuni, a "spiccare" sono le piccole e medie attività del centro storico, dei quartieri di Padova e del cuore di Abano Terme, le quali hanno sposato con grande entusiasmo il progetto, rispondendo positivamente all’iniziativa e rendendosi protagonisti della settimana dei colori.

I numeri

Sono oltre 250 le attività che hanno aderito e risposto in modo affermativo all’iniziativa, un nuovo format caratterizzato dalla presenza di buoni sconto, soggiorni e ingressi termali, pacchetti benessere, tanti altri premi e la possibilità di partecipare al concorso con estrazione finale per vincere un veicolo elettrico, per tutti coloro che contribuiranno alla ripresa del commercio, acquistando presso le attività aderenti.

Accoglienza

Non solo shopping: la ripresa riparte anche dalla vita sociale, dalla voglia di stare insieme per tornare a condividere numerosi momenti di divertimento. Tante infatti sono le attività legate al mondo della ristorazione che hanno accolto l’iniziativa con una serie di proposte legate alla convivialità dello stare a tavola. Menù a tema, degustazioni, aperitivi rinforzati e tante altre prelibatezze sono state proposte dai ristoratori di Padova e Abano Terme per conquistare i palati più golosi.

Benessere

Sono 20 le strutture ricettive di Abano Terme che hanno deciso di far ripartire il turismo proprio dalla Padova Abano Color Week mettendo a disposizione le loro location attraverso una serie di pacchetti benessere come soggiorni e ingressi termali, servizi wellness&beauty per regalare momenti di relax ai fortunati vincitori.

La settimana dei colori

Bagni di luci colorate illumineranno i principali monumenti del centro storico di Padova: Palazzo della Ragione (ambo i lati), Reggia dei Carraresi e Torre dell’Orologio, Palazzo Moroni, Palazzo Fondazione, Loggia Amulea, Palazzo della Camera di Commercio, Palazzo INPS e la Specola, con due aggiunte dell’ultimo minuto, Caffè Pedrocchi e Porta Ponte Molino. Un’iniziativa sempre molto apprezzata che lascia grande stupore negli occhi di cittadini e visitatori che si gode la città passeggiando tra le vie e le piazze al calar della sera. Fuori dalle mura, l’illuminazione di Villa Breda a Ponte di Brenta e della fontana della Stanga creerà il trait d’union con il Centro Storico. Per chiudere il cerchio e sancire l’unione di questa iniziativa, anche Abano Terme colorerà di luci quattro punti attrattivi della città.

Antonio Bressa

Dichiara Antonio Bressa, assessore elle attività produttive e al commercio di Padova: «Tutto è pronto per questi 10 giorni che contribuiranno significativamente alla rinascita economica e sociale della città. Abbiamo messo in campo tutti insieme un grande sforzo organizzativo ed ora siamo pronti a stupire con gli effetti speciali di questa iniziativa. Non sarà solo una grande occasione di sostegno per il commercio cittadino ma, pur con la necessaria prudenza, anche un segno di nuova importante vitalità della città».

Federico Barbierato

Afferma Federico Barbierato, sindaco di Abano Terme: «Siamo contenti di aver coinvolto oltre 100 imprese e anche un buon numero di alberghi, è stata un’azione concreta che abbiamo voluto fortemente per dare strumenti concreti e far ripartire la stagione, iniziata inevitabilmente tardi. Oltre alle imprese coinvolte tutti coloro che verranno da Abano Terme dal 3 al 12 luglio potranno inoltre apprezzare l’illuminazione di quattro punti della città: l’Hotel dell’Orologio, la fontana in Piazza Repubblica, la fontana di Cristoforo Colombo e la fontana Pagoda in Piazza Mandruzzato».

Patrizio Bertin

Aggiunge Patrizio Bertin, presidente di Ascom Confcommercio Padova: «La Color Week è l’espansione della nostra idea della “Notte dei Colori” per ridare fiato all’economia martoriata da quasi quattro mesi di totale (o quasi) inattività. Quattro gli elementi che intendiamo sottolineare: il “valore” di una manifestazione lunga ben 10 giorni e per questo espressione tangibile della ripartenza; la sinergia tra i comuni di Padova e Abano anche in chiave turistica; l’adesione soprattutto delle piccole realtà imprenditoriali che in questo modo confermano la propria intenzione di non mollare ed il coinvolgimento dei quartieri. Mentre l’incertezza sembra dominare questa fase post crisi acuta, dalle istituzioni e dal mondo dell’economia giunge un messaggio di fiducia che speriamo venga colto dalla cittadinanza che, peraltro, potrà essere gratificata dal concorso che, mettendo in palio buoni acquisto, intende sostenere i consumi in un circuito virtuoso che speriamo possa essere la molla per consolidare una ripresa, in atto ma al momento, ancora debole».

Filippo Segato

Sottolinea Filippo Segato, segretario di Appe Padova: «Gli esercenti pubblici associati ad APPE – dichiara il Segretario dell’Associazione Filippo Segato – hanno aderito entusiasticamente a questa iniziativa promozionale, consci che il rilancio delle attività passi anche attraverso eventi di questa portata, capaci di coniugare gli acquisti e le fantasmagoriche proiezioni sugli edifici storici, con un occhio di riguardo alla “dea bendata”. L’auspicato successo di questa manifestazione sarà da traino per altri progetti di marketing territoriale, da estendere anche in periferia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nicola Rossi

Conclude Nicola Rossi, presidente di Confesercenti: «Un evento importantissimo per la città, soprattutto in questo difficile momento dove “ripristinare” la normalità è di estrema necessità. Ritrovare il buonumore e una certa socialità svolgendo attività apparentemente “banali”, come acquistare un capo d’abbigliamento o prendere un aperitivo al bar con gli amici, oggi come oggi non una banalità è una ri-conquista della libertà che stiamo apprezzando moltissimo giorno dopo giorno. Ben vengano iniziative come questa che valorizzano orgogliosamente anche i nostri monumenti storici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Sr 308, morti il 19enne alla guida dell'auto e il camionista

  • Tragedia nell’Alta Padovana: malore improvviso, 16enne perde la vita

  • «Il suo reparto è in lutto con noi tutti»: infarto fatale per Elena, 39enne infermiera padovana

  • Mister Italia 2020: un 27enne di San Martino di Lupari vola in finale

  • Giro d'Italia 2020: nuova data per la tappa di Monselice, inserita l'ascesa al Roccolo

  • Vaccino anti-Coronavirus, pronta a partire la sperimentazione in Veneto: l'annuncio della Regione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento