rotate-mobile
Cultura

Padova Pride: non solo la sfilata del 30 giugno ma anche un mese di spettacoli ed eventi

In occasione dell’evento da fine maggio a tutto il mese di giugno il Comitato Padova Pride, in collaborazione con altre realtà della città, organizzerà spettacoli ed eventi

Manca poco più di un mese alla partenza da Prato della Valle della sfilata del Padova Pride 2018, manifestazione regionale per l’orgoglio e la visibilità delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e intersessuali, che tornano a sfilare in città. Sono passati 16 anni dal Pride Nazionale svoltosi in città nel 2002. Il percorso, ancora provvisorio, del Pride, partirà da Prato della Valle e si snoderà attraverso le Riviere per arrivare in Piazza Garibaldi dove si terranno i comizi finali e la festa di chiusura.

Il Pride dopo 16 anni

In occasione dell’evento da fine maggio a tutto il mese di giugno il Comitato Padova Pride, in collaborazione con altre realtà della città di Padova, organizzerà spettacoli ed eventi culturali per avvicinare la città alle tematiche connesse alla manifestazione.

L'agenda degli appuntamenti

“Il Padova Pride 2018 sarà principalmente un’importante occasione di conoscenza e apertura.  - sottolinea Mattia Galdiolo, portavoce del Padova Pride 2018 - Molto spesso la comunità LGBT, i diritti che stanno al centro delle battaglie del movimento, nonché la vita di chi si riconosce come persona LGBT, sono mistificate o semplicemente ignorate. Con gli eventi correlati al Pride e con la manifestazione di sabato 30 giugno noi vogliamo far sì che ci sia un reale punto di incontro, e un’occasione di conoscenza. Per questo voglio sottolineare alcuni eventi particolarmente rappresentativi nel calendario del resto molto ricco di questo Pride.  Il primo è #storiediunioni, una mostra fotografica dedicata alle famiglie LGBT che verrà presentata alle 17 in Sala Paladin e che resterà per 10 giorni esposta nel Cortile Pensile di Palazzo Moroni.  Domenica 10 giugno a partire dalle 15 all’Odeo Cornaro invece avremo la “Biblioteca Vivente LGBT” un’iniziativa culturale che consentirà di “leggere delle persone” come se fossero libri viventi, favorendo in questo modo conoscenza ed empatia, due strumenti fondamentali per superare stereotipi e pregiudizi. Voglio anche sottolineare un calendario di spettacoli teatrali particolarmente significativo. L’Odeo Cornaro ospiterà, domenica 24 giugno alle 21 “Gender Show” di Marcela Serli, uno spettacolo comico e irriverente che porta in scena un cast composto prevalentemente da persone transessuali e transgender per discutere della fantomatica “Teoria Gender”. Mercoledì 27 giugno, in Arena Romana alle 21 avremo “Sister(s)” di Andrea Dellai e con la regia di Tommaso Franchin. Uno spettacolo fra il comico, l’assurdo e il terribilmente serio sui Millennials, un certo spaesamento culturale e i confini fra i generi. E per finire due spettacoli “prodotti in casa”, dalla compagnia teatrale di Arcigay Tralaltro, il primo è “La cella zero”  uno spettacolo scritto nel 2016 da Antonio Mocciola e Pietro Ioia e che sarà in scena sabato 16 giugno alle ore 21 al Centro Culturale Altinate San Gaetano. Il secondo spettacolo, “La Rassegnazione degli Dei” sarà invece in scena martedì 12 giugno alle 21 a Palazzo Zuckermann”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Padova Pride: non solo la sfilata del 30 giugno ma anche un mese di spettacoli ed eventi

PadovaOggi è in caricamento