rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Cultura Santa Caterina d'Este / Via Roma, 38A

Cinque pasticcieri dalla provincia al Pastry Best, il simposio sulla pasticceria contemporanea

Si è tenuto il 19 e il 20 febbraio nell’antico molino della famiglia Quaglia (Vighizzolo D’Este) e ha visto la partecipazione di Alberto Morello di Gigi Pipa (Este), Davide Quaglia di Pane Quaglia (Sant’Urbano) Angelica Beltrame e Andrea Berton di Pasticceria Bottega degli Artisti (Cittadella) e Sofia Forin di Pasticceria Forin (Padova)

Sono Federico Sarri di Dolce Bassano (Bassano del Grappa - VI), Alberto Morello di Gigi Pipa (Este - PD), Mario Messina di Golosità (Bassano del Grappa - VI), Pina Toscani di Grigoris LaBakery (Mestre - VE), Elena Gorghetto e Alessandro Tomao di Nano Labo (Camalò - TV), Davide Quaglia di Pane Quaglia (Sant’Urbano - PD) Angelica Beltrame e Andrea Berton di Pasticceria Bottega degli Artisti (Cittadella - PD), Orazio Bosa di Pasticceria Caffetteria Bosa (Mussolente - VI), Elisanna Bergamin e Marco Gottardo di Pasticceria Ferracina (Camisano Vicentino - VI), Sofia Forin di Pasticceria Forin (Padova - PD) e Manuel Gallina di Pasticceria Rum & Cioccolato (Santa Maria di Sala - VE) i partecipanti dal Veneto che hanno preso parte alla nuova edizione di Pastry Best, il simposio tecnico esperienziale sulla pasticceria italiana contemporanea organizzato dalla scuola di Petra Molino Quaglia, che si è tenuto il 19 e il 20 febbraio nell’antico molino della famiglia Quaglia (Vighizzolo D’Este - PD). Sono stati due giorni dedicati ai pasticcieri professionisti, pensati con un format esclusivo di lavoro a squadre che ha stimolato il dibattito tra i partecipanti creando opportunità concrete di crescita professionale, sia sul piano tecnico, sia su quello del marketing. Tra questi, Pina Toscani si è contraddistinta vincendo il premio Pastry Best.

“Tradizione e intelligenza artificiale”

Il titolo di questa settima edizione è stato “Tradizione e intelligenza artificiale”, in quanto ha analizzato come l'intelligenza artificiale stia entrando velocemente nelle attività di pasticceria e in quelle della ristorazione. «L’intelligenza artificiale è uno strumento che viene utilizzato quotidianamente in tanti lavori - ha dichiarato in apertura del simposio Piero Gabrieli, Direttore Marketing di Petra Molino Quaglia - in questo scenario, la competenza del pasticciere o del professionista si rivela ancora più importante, in quanto il rischio è quello di essere guidati da un mezzo dotato di intelligenza, ma che manca di sensibilità emotiva e di esperienza. Tuttavia, le attività di comunicazione delle aziende - social, video, eventi - sono fondamentali, poiché senza materiali da “dare in pasto” alla rete si rischia di scomparire».

Intelligenza artificiale e intelligenza emotiva sono gli aspetti contrapposti della macchina rispetto all'uomo: a Pastry Best 2024 il dibattito si è sviluppato intorno a questo dualismo, prendendo come spunto gli effetti dell'intelligenza artificiale nel processo di modifica e ri-bilanciamento di una ricetta di pasticceria, per vivere l'esperienza della collaborazione del pasticciere con un software "intelligente".

Pastry Best, di cosa si tratta?

Pastry Best ha compreso sia attività di natura tecnica, con quattro laboratori - tenuti da Corrado Assenza (patron Caffè Sicilia a Noto - SR), Davide Ferrante (pasticciere sviluppo nuove ricette di pasticceria in Università della Farina), Luca Giannino (tecnologo alimentare e ricerca su impasti in Università della Farina) con Andrea Rundo e Fabrizio Mancinetti (esperti in impasti di prodotti salati in Università della Farina), Piergiorgio Parini - in cui i professionisti hanno lavorato in gruppo, sia laboratori legati al marketing e alla gestione economica dell'azienda. Il simposio ha avuto come fil rouge il passaggio generazionale nella pasticceria italiana, con un’agenda ricca di spunti e che ha toccato argomenti tra cui: tecniche di produzione economicamente sostenibili, attenzione alla filiera degli ingredienti di base, apertura alla cucina e al mondo dei vegetali, il rapporto tra tradizione e intelligenza artificiale, lettura dei nuovi comportamenti di acquisto dei consumatori finali, tecniche di comunicazione social per la promozione della propria pasticceria, tecniche utili ad affrontare i cambiamenti indotti da alta inflazione, e tanto altro ancora. A intervenire, relatori d’eccellenza come Alessio Cannata e Giulia Salis (Linkiesta Gastronomika), Tommaso Venturini (sommelier e patron di Stilla a Colognola ai Colli - VR) e Piero Gabrieli (Direttore Marketing Petra Molino Quaglia). Ad aprire il simposio, Alberto Magrì, il giovane Pastry Chef livornese che su Instagram vanta oltre 3 milioni di follower: ha raccontato la sua storia, spiegando com’è riuscito a diventare uno dei pasticcieri più seguiti al mondo sui social network, e come il suo stile di comunicazione sia in totale controtendenza con gli standard del settore.

«Far lavorare le persone insieme»

«Il simposio intende far lavorare le persone insieme, proprio come avviene all’interno delle realtà aziendali - ha affermato Chiara Quaglia, Amministratore Delegato di Petra Molino Quaglia - Coinvolgere, assecondare e rendere partecipi tutti coloro che lavorano all’interno dell’unità produttiva, oltre ad allenare a fare squadra con chi non si conosce, è estremamente importante».

Il premio Pastry Best

Al pasticciere che ha dimostrato la maggiore propensione a esercitare la propria intelligenza emotiva nel corso dei laboratori tecnici è stato infine assegnato il premio Pastry Best: un riconoscimento pensato per la nuova generazione della pasticceria italiana, votato non solo dai quattro relatori tecnici, ma anche da tutti gli altri partecipanti. A contraddistinguersi ottenendo il premio è stata Pina Toscani di Grigoris LaBakery (Mestre - VE)

Diventato punto di riferimento per il settore, ogni edizione del simposio si pone l’obiettivo di trasmettere una visione d'insieme della pasticceria con particolare attenzione alle tendenze in atto nei mercati di riferimento.

Social

Petra®

Petra® è la farina, macinata a pietra e a cilindri, nel secolare molino della famiglia Quaglia, in un piccolo borgo tra tre vie d’acqua nella campagna padovana, sullo sfondo dei Colli Euganei, dove la tradizione di famiglia alimenta la tecnologia molitoria più avanzata d'Italia, applicata ai migliori grani italiani e comunitari. Petra® è, nello stesso tempo, un progetto culturale, che si alimenta delle idee e dei contributi di un collettivo appassionato, il cui lavoro è ampiamente documentato in rete e nei social network più frequentati. Ciò che distingue le farine Petra® dalle sue concorrenti è l'insieme unico di offerta di farine di alta qualità e progetto culturale. Petra® non solo offre una linea completa di farine naturali, tra cui le farine macinate a pietra e i cereali germogliati del Molino Quaglia, ma promuove anche una cultura intorno alla valorizzazione delle migliori farine di grano tenero italiane in termini di gusto e stabilità delle prestazioni. Questo approccio olistico alla gastronomia coinvolge i clienti al di là del semplice acquisto di un prodotto e promuove una comunità intorno al marchio. Inoltre, la partnership di Petra con il Molino Quaglia per tutte le sue farine fornisce un ulteriore livello di autenticità e garanzia di qualità che la distingue da altri marchi.

Foto articolo da comunicato stampa

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinque pasticcieri dalla provincia al Pastry Best, il simposio sulla pasticceria contemporanea

PadovaOggi è in caricamento