La stagione autunnale 2020 di Barco Teatro: tredici sabati di musica e teatro con aperitivo

Di seguito la programmazione da ottobre a dicembre 2020

Barco Teatro presenta, per la ripresa dopo la pausa estiva, un nuovo programma di 13 eventi che si svolgerà ogni sabato del mese, da ottobre a dicembre.

Scarica il programma completo

Si inaugura come di tradizione con una mostra d’arte il 3 ottobre, “NaturalMente” di Elisabetta Vignato, che adornerà le pareti del Barco per tutta la durata del ciclo e si proseguirà, a scadenza settimanale, con l’alternanza di date di concerti di jazz/world music, di cene-racconto, di concerti di musica classica e di spettacoli teatrali. I protagonisti sono tutti di grande bravura e di indiscusso talento e le performances che presentano sono tutte di grande interesse e originalità, per una stagione di eventi molto assortiti e particolari. Inoltre, in forme diverse dal suo usuale format, per rispondere al perdurare delle condizioni di emergenza sanitaria e della necessità di distanziamento sociale, Barco Teatro propone sempre l’accostamento dell’evento culturale con il buon cibo e il buon bere, da godere in una dimensione di convivialità e, allo stesso tempo, di sicurezza e serenità. Il titolo scelto, “Incontri ravvicinati”, allude alla particolare modalità di rappresentazione e partecipazione agli eventi garantita dalle stesse dimensioni della sala e del palco: a Barco Teatro, infatti, si crea un dialogo più diretto tra il pubblico e l’artista, una atmosfera raccolta e quasi “domestica”, che offre una esperienza unica di condivisione e percezione dell’evento artistico.

Musica jazz

Il primo sabato del mese (ad eccezione di ottobre in cui è il secondo, per lasciare il posto all’inaugurazione della mostra nel primo) 3 diverse formazioni: dal solo recital, con il bravissimo fisarmonicista e compositore Thomas Sinigaglia (che propone con il suo strumento un viaggio temporale e geografico attraverso l'Europa e le Americhe), al duo (con il Duo Hana, -voce, arciliuto e percussioni- che propone anch’esso un viaggio, cantando e suonando antiche e ancestrali melodie sefardite, albanesi e spagnoli accomunati dall’esperienza dell’ esodo e del rimpatrio), al trio (con l’Egg Trio –sax tenore, susafono e vibrafono- che nel suo concerto “Jazz à la carte”, propone una “degustazione musicale” fatta da ingredienti prelibati conditi con un pizzico di ricerca, alla ricerca di sapori nuovi, del tutto personali, su piatti della tradizione Jazz accompagnati anche con anche entrèes inaspettate di nuove composizioni).

Musica classica

Il terzo sabato del mese, tre concerti solistici tenuti sul palco da tre giovani straordinari talenti, capaci di conquistare l’ascoltatore con programmi da gran concerto, densi di sonorità, melodie, virtuosismi e interpretazioni degne di riconoscimenti internazionali che abbondano nei loro rispettivi curricula: Dario Carpanese al clavicembalo, Greta Visentin al violino, Giacomo Susani alla chitarra. Introduzioni ai programmi delle singole serate a cura dell’affabulante giovane Alessandro Tommasi.

Teatro

L’ultimo sabato del mese 3 spettacoli, con la première del nuovo lavoro di Marina De Luca, Barbara Giovannelli e Stella Nobili (che hanno fatto ben due sold out al Barco nelle scorse stagioni con “Sfumature di bianco”), “Donne du du du”, in cui affrontano i luoghi comuni della dimensione femminile provando a reinterpretarli; Loris Contarini accompagnato alla chitarra da Paolo Valentini con “Amo l’amore che fa Boom!”, un omaggio di sulla vita e la figura del poeta Boris Vian, “antologia straordinaria di creatività” e, infine, per la giornata del 26 dicembre, i fantastici Papu saranno ancora con noi per celebrare le festività con l’esilarante spettacolo “Vintage” con cui ripropongono alcuni dei più esilaranti “duo” comici della storia della televisione.

Cene-racconto

Infine, nel secondo sabato del mese (il terzo, in ottobre), la nostra chef Claudia Fioraso propone al Barco delle vere proprie -spettacolo, invitando ad affiancarla chef scelti per la loro originalità e sapienza: con Maurizio Stagni proporrà una cena triestina il racconto di un cibo di confine, di fatti e di persone e accompagnato dal racconto e dalle immagini; una cena ispirata ad Artusi e al libro “Pinocchio”, in cui verrà proposto un itinerario culinario decisamente originale di cucina povera di recupero con qualche concessione al lusso, accompagnato da immagini che diventano il filo conduttore dove racconto, cibo, luce e buio aiutano a vivere una serata diversa. La terza cena affronterà le innumerevoli declinazioni di un ingrediente millenario e sempre attuale, il riso. Coadiuvata in cucina e sul palco da un importante chef –a sorpesa!- esperto in materia, la chef del Barco Claudia Fioraso condurrà gli avventori in un viaggio nei sapori e nella storia del riso, dall’antipasto al dessert.

Tutti i concerti di jazz e gli spettacoli hanno inizio alle ore 20 ma, dalle ore 19, per chi lo desidera, si potrà entrare per consumare, in giardino o seduti in platea quando il clima non lo consentirà più, un corposo e gustoso aperitivo.

I concerti di musica classica invece inizieranno alle 18 e l’aperitivo sarà possibile prenderlo a fine concerto, in compagnia del musicista.

Ottobre

Sabato 3 ottobre – ore 18 / Mostra d’arte

“NaturalMente”

Inaugurazione della stagione con la mostra dell’artista Elisabetta Vignato

Presentazione del poeta Roberto Segala Negrini

La Pittura e la Poesia davanti e dentro alla Natura: il tempo, le stagioni, i colori, i suoni. Quadri da vedere e poesie da ascoltare in occasione dell’inaugurazione della mostra delle opere dell’artista Elisabetta Vignato: un molteplice percorso artistico attraverso le molteplici identità della Natura per appezzarne la profonda necessità.

Sabato 10 ottobre – ore 20 (ingresso dalle ore 19) / World Music

Thomas Sinigaglia, Fisarmonica

Un volo popolare

Un viaggio musicale attraverso l'Europa e le Americhe con lo strumento che forse più rappresenta il popolo, il viaggio, l'emigrazione: la fisarmonica. La sensibilità e il virtuosismo di Thomas Sinigaglia accompagnano  l'ascoltatore attraverso un ricco universo sonoro di arrangiamenti personali e improvvisazione tra la musica europea e il jazz, tra la musica brasiliana e il tango argentino.

Sabato 17 ottobre – ore 20 / Cena-Racconto

Claudia Fioraso con Maurizio Stagni

Cibo e cultura: un racconto di Trieste mitteleuropea

Raccontare della cucina triestina è raccontare di un confine tracciato più volte, di terra dura e di mare, di lingue, di chiese e riti diversi, di una città e un territorio imbuto di popoli. Tradizioni, usi, ricette, prodotti unici. Una serata all’insegna del gusto accompagnato dal racconto e dalle immagini.

Sabato 24 ottobre – ore 18 / Musica Classica

Dario Carpanese, Clavicembalo

Di armonie sintesi

Brani originali di J. S. Bach, C. Balbastre e J.-P. Rameau affiancati a trascrizioni dello stesso interprete per un’occasione molto particolare di ascoltare uno strumento antico e poco conosciuto nella sua forma solistica. Introduzione al programma di Alessandro Tommasi. Al termine, aperitivo-incontro con il musicista.

Sabato 31 ottobre - ore 20 (ingresso dalle ore 19) / Teatro

Marina de Luca, Barbara Giovannelli, Stella Nobili

“Donne, du du du”. Divagazioni libere, e a volte maligne, sulle donne

Uno spettacolo in cui donne parlano di donne, provando a sfatare i luoghi comuni, maschili ma anche femminili. In questo spettacolo domina l'ambiguità: i cliché femminili (la donna angelicata, la donna di potere, la donna santa) vengono smontati, proponendo metafore di donne che però assumono ancora una volta la dimensione di cliché. Uno spettacolo graffiante e diretto, che invita a sorridere ma soprattutto a riflettere sulla ricchezza della figura femminile, rompendo gli schemi dell'immaginario comune.

Novembre

Sabato 7 novembre – ore 20 (ingresso dalle ore 19) / World Music

Duo Hana

(Ilaria Fantin -arciliuto, voce, loopstation e percussioni e Hersi Matmuja- voce e percussioni a cornice)

Luna lunedda

Il progetto musicale del Duo Hana rende omaggio alla storia di diverse comunità in viaggio nel tempo, raccontando la dolcezza e la tristezza di esodi e rimpatri, volteggiando allegramente al ritmo di passionali danze tradizionali. Il titolo prende ispirazione dalla luna, la cui traduzione è HANA in gegë, dialetto parlato al Nord dell’Albania. E’ una luna popolare, che accompagna i contadini che cantano le loro gioie e i loro dolori, che illumina nella notte il tradimento della canzone sefardita o che culla confortante il bambino.

Sabato 14 novembre - ore 20 / Cena-Racconto

Claudia Fioraso con Maurizio Stagni

Lucciole e merli bianchi: a cena con Artusi e Pinocchio

Secondo appuntamento con le cene raccontate e disegnate curate dalla chef di Barco Teatro.

La vera storia di Pinocchio, quella che pochi hanno letto, è fatta di frittate che volano fuori dalla finestra, lucciole, serpenti, tagliole, lumache, faine, marmotte, pappagalli, cani neri, merli bianchi, enormi fritture... Verrà raccontata lungo una cena che, come “le avventure di Pinocchio”, celebra la miseria e la ricchezza: un itinerario culinario decisamente illustre e originale di cucina povera di recupero con qualche concessione al lusso, accompagnato da immagini che diventano il filo conduttore tra racconto, cibo, luce e buio.

Sabato 21 novembre - ore 18 / Musica Classica

Giada Visentin, Violino solo

Da Bach a Prokofiev

Una giovanissima e straordinaria interprete di uno degli strumenti più importanti dell’organico della musica classica in ambito nazionale interpreterà per il pubblico del Barco un programma di grande spessore e coinvolgimento, con musiche di von Biber, Bach, Rode, Paganini, Ysaye, Prokofiev, come sempre brillantemente introdotto dai racconti del giovane musicista Alessandro Tommasi. Durante l’aperitivo al termine del concerto, sarà possibile conoscerla meglio.

Sabato 28 novembre – ore 20 (ingresso dalle ore 19) / Teatro-Canzone

Loris Contarini con Paolo Visentini (chitarra)

Amo l’amore che fa “boom”! Omaggio a Boris Vian

Un omaggio alla breve ma intensa vita del poeta Boris Vian. In questo spettacolo, voce e musica danno vita ad un continuo intrecciarsi di prosa, poesia e canzoni, con l’obiettivo di far conoscere al pubblico la creatività così poliedrica di questo poliedrico artista ma anche la sua straordinaria capacità di voler vivere fino in fondo, senza risparmio, una vita che è diventata un’antologia straordinaria di creatività.

Dicembre

Sabato 5 dicembre - ore 20 (ingresso dalle ore 19) / Musica Jazz

Egg Trio

(Ettore Martin -sax tenore, arrangiamenti e composizioni, Giovanni Perin -vibrafono,   Glauco Benedetti –susafono)

Jazz à la carte

Una “degustazione musicale” fatta da ingredienti prelibati conditi con un pizzico di ricerca. Sapori nuovi, del tutto personali (nuove composizioni e arrangiamenti del sassofonista) su piatti della tradizione Jazz (Jobim, Cole Porter, The Beatles, Charles Mingus). Il sassofonista, compositore e direttore d’orchestra Ettore Martin

incontra nella sua cucina il susafono di Glauco Benedetti e il vibrafono di Giovanni Perin, giovani musicisti che già vantano collaborazioni di grande spessore anche a livello internazionale.

Sabato 12 dicembre - ore 20 / Cena-Racconto

Claudia Fioraso

Una cena con riso. Dall’antipasto al dessert, viaggio nella sua storia e nei suoi sapori

Alimento antico, ubiquo e poliedrico, il riso viene raccontato in un susseguirsi di sapori, colori, immagini e storie in cucina dalla chef di Barco Teatro e anche sul palco da un autorevole (e per ora ancora segreto..) chef esperto in materia, per una serata all’insegna del gusto e della scoperta.

Sabato 19 dicembre - ore 18 / Musica Classica

Giacomo Susani, chitarra sola

6 corde poetiche

Il giovane chitarrista, Direttore artistico del dipartimento di musica classica di Barco Teatro, chiuderà questa prima stagione di concerti. Sensibilità, virtuosismo e musicalità non comuni con i quali non manca mai di conquistare il suo pubblico, amante della chitarra o neofita, conducendolo in un viaggio musicale alla scoperta di antiche e nuove sonorità. Musiche di J. S. Bach, M. Castelnuovo-Tedesco, J. Pahissa, G. Susani. Con lui e Alessandro Tommasi, come di consueto, appuntamento nel dopo teatro per un aperitivo natalizio con ciacoe musicali (e non).

Sabato 26 dicembre - ore 20 (ingresso dalle ore 19) / Teatro

I Papu

Vintage

Come ormai di tradizione, la bravura e la simpatia dei Papu salgono sul palco per condividere con il pubblico del Barco le festività di fine anno. Quest’anno, nella serata di S. Stefano, Ramiro e Andrea lanciano la sfida di re-interpretare alcuni tra i più famosi sketch della storia: da Angelo Cecchelin ai Fratelli De Rege, ai Fratelli Marx fino a Raimondo Vianello e Ugo Tognazzi, Walter Chiari , Carlo Campanini e Mario Riva, Monty Python e uno spazio dedicato al grande Dario Fo. Uno spettacolo dedicato ai ricordi e alla tivù in bianco e nero, con pochi canali e senza telecomando.

Note

Dalla riapertura dei teatri nazionali, Barco Teatro ha recepito e preso atto delle disposizioni vigenti emanate dal Ministero della Salute nonché dalle Autorità Regionali e Locali competenti, finalizzate ad adottare le misure preventive per eliminare o ridurre al minimo le cause, effettive o potenziali, di rischio di contagio CoVid-19. Tutti gli eventi si terranno all’interno della sala, opportunamente sanificata e allestita con 49 posti a sedere secondo le regole del distanziamento sociale e attrezzata con i necessari sistemi informativi in tema di contenimento epidemico e con presidi di sanificazione dislocati in più punti.

Orari

Spettacoli teatrali e concerti di musica jazz/world music si terranno il sabato alle ore 20, con apertura giardino/bar dalla ore 19. I concerti di musica classica invece si terranno il sabato pomeriggio alle ore 18 e al termine del concerto, bar e giardino a disposizione di pubblico e artisti.

Gli aperitivi, quando non sarà più possibili servirli in giardino, verranno serviti all’interno, direttamente in platea, dove il pubblico potrà usufruire di un piccolo tavolino di appoggio collocato tra le sedute. Il personale sarà a disposizione per prendere e servire gli ordini e per evitare occasioni di assembramento.

Costi

Costi: concerti e teatro: euro 15; riduzione nei concerti di musica classica per giovani e studenti: euro 10,00.

La prenotazione è obbligatoria, i posti numerati e assegnati sino ad esaurimento (numero di posti disponibili in distanziamento sociale: 49).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per info e prenotazioni: info@barcoteatro.it; www.barcoteatro.it; tel/sms/wathsapp: 3755764000

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Questa cosa non dura due settimane, abbiamo un progetto che arriva a maggio 2021»

  • Caccia senza licenza e in giorno di silenzio venatorio: denunciato 71enne

  • Live - Nuovo Dpcm in arrivo nel weekend: si va verso il coprifuoco

  • Coronavirus, il prof. Ursini difende Andrea Crisanti: «Parole sgradevoli dal professor Palù»

  • Coronavirus, Crisanti: «Siamo in un mare in tempesta. Secondo lockdown? Sarebbe inutile»

  • Coronavirus, Zaia: «Ho l'impressione che questo Dpcm sia solo un "riscaldamento a bordo campo"»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PadovaOggi è in caricamento