Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cultura Stazione / Piazza Alcide de Gasperi

Quattro studi a disposizione in piazza de Gasperi: Padova supporta giovani artisti under 35

Gli artisti e le artiste under 35 che a partire da giugno prenderanno posto a MAC 2021 sono: Martina Camani, Silvia Faresin, Miamisafari (Alessia Prati e Matias Julian Nativo), Maria Pilotto. Maggiori informazioni sono disponibili su www.progettogiovani.pd.it

Accompagnati dagli operatori dell’area creatività di Progetto Giovani, le artiste e gli artisti svilupperanno inedite modalità di connessione territoriale nell’area della città da tempo soggetta a operazioni di riqualificazione.

MAC è un progetto dell’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova che mette a disposizione gratuitamente quattro studi d’artista, assegnati tramite bando, in uno spazio condiviso sito in Piazza De Gasperi a Padova: un luogo di sperimentazione che si concentra sul processo artistico e sulle relazioni con il territorio, e che prova a generare una piccola comunità creativa.
Il progetto è curato dal team dell’area Creatività di Progetto Giovani: Stefania Schiavon e Caterina Benvegnù, per la curatela, Patrick Grassi ed Elisa Pregnolato per l’organizzazione.

MAC è realizzato con il supporto della Regione Veneto nell’ambito del Piano di interventi in materia di politiche giovanili “Capacitandosi” DGR 198/2020 e DGR 1302/2020.
Gli artisti e le artiste under 35 che a partire da giugno prenderanno posto a MAC 2021 sono: Martina Camani, Silvia Faresin, Miamisafari (Alessia Prati e Matias Julian Nativo), Maria Pilotto. Maggiori informazioni sono disponibili in allegato e su www.progettogiovani.pd.it.

Il progetto

L'Ufficio Progetto Giovani che opera da sempre in un’ottica di supporto, formazione e promozione per giovani artisti e creativi, intende dare nuovo impulso al progetto MAC per contribuire alla definizione di un ecosistema organico e funzionale in grado di rispondere alle esigenze di artiste e artisti.
Come affermano le curatrici del progetto, «l’epoca complessa che stiamo vivendo ha completamente stravolto le modalità con cui lavoriamo, agiamo, ci relazioniamo con arte e cultura. La pandemia ha portato alla luce contraddizioni e difficoltà che sottendono da sempre il sistema a supporto del lavoro di artisti e artiste, che ne aggravano la precarietà e l’instabilità, ma ne mettono in luce l’importanza, anche e soprattutto in relazione alle comunità, ai territori, ai contesti nei quali agiscono». 
MAC pone l'arte e le pratiche artistico-culturali al centro dei processi di sviluppo di un territorio in trasformazione; supporta i giovani artisti accompagnandoli nei propri percorsi professionali attraverso una formazione specializzata, il sostegno alla ricerca, la disponibilità di spazi adeguati.
MAC, assieme agli artisti e alle artiste in residenza, avrà modo di disegnare inedite modalità di connessione territoriale e fungerà da presidio culturale e relazionale in un’area urbana che è oggetto da anni di azioni di rigenerazione e risignificazione.
Gli artisti e le artiste selezionati potranno usufruire gratuitamente per circa 9 mesi di una postazione di lavoro e studio ed essere supportati concretamente nella propria ricerca e nello sviluppo di un progetto artistico attraverso le fasi di ideazione, progettazione, produzione, comunicazione delle proprie opere.
Accanto all’opportunità di usufruire di uno studio d’artista, MAC offre consulenze personalizzate, un fee di sostegno alla produzione, momenti di formazione specifica, studio visit, incontri e approfondimenti transdisciplinari, realizzati con professionisti del settore e ricercatori individuati dall'ufficio e dai partner di progetto.

Partner

MAC 2021 ha attivato una serie di partnership a favore degli artisti coinvolti.

  • Centrale Fies + BJCEM Mediterranea 19: attivazione di una collaborazione attorno alla pratica dell’artista palestinese DINA MIMI, presente nella programmazione di Centrale Fies Liveworks e a Mediterranea 19 di San Marino: l’artista sarà ospite a Padova e terrà un workshop dedicato agli artisti di MAC il 12 giugno.
  • Dipartimento di Beni Culturali, Università degli Studi di Padova
  • Dipartimento di Scienze Storiche, Geografiche e dell’antichità – DiSSGeA, Università degli Studi di Padova
  • Cescot, ente di formazione
  • GAI – Giovani Artisti Italiani

Collaborazioni curatoriali

MAC intende avvalersi della consulenza e collaborazione di tre giovani curatori e curatrici del territorio: Stefano Volpato, Francesca Manni, Giovanni Paolin. Attraverso studio visit, monitoraggi intermedi, avvio di talk su tematiche specifiche, si vuole creare un network territoriale di professionisti del settore, che veda interagire istituzioni, artisti, curatori in una dinamica virtuosa di confronto, supporto, discussione.

Collaborazioni scientifiche

MAC lavora in modalità transdisciplinare, coinvolgendo ricercatori e ricercatrici dell’Università di Padova, afferenti a Dipartimenti e discipline diversificati: dalla Geografia Culturale all’Antropologia, dalla Sociologia alle Scienze Sociali, in un’ottica di interazione, dialogo, sviluppo dei saperi e arricchimento reciproco dei percorsi di ricerca. L’intenzione di sviluppare e consolidare interventi di intersettorialità ha come obiettivo mettere a sistema metodologie e processi di lavoro integrati, per definire azioni e pratiche capaci di innestarsi nel territorio in maniera trasformativa.

Per informazioni: Area Creatività – Ufficio Progetto Giovani

email: pg.creativita@comune.padova.it

Info web

https://www.progettogiovani.pd.it/mac-studi-dartista-2021/

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quattro studi a disposizione in piazza de Gasperi: Padova supporta giovani artisti under 35

PadovaOggi è in caricamento