Cultura Piazze / Via Altinate, 71

Successo per il primo concerto dal vivo dell’OPV, ora si guarda all'imminente Festival Veneto Contemporanea

250 abbonati accorrono al concerto della ripresa delle attività in presenza dell’OPV, tra le prime istituzioni musicali in Italia a tornare a esibirsi dal vivo. Sabato 8 maggio verrà inaugurato il nuovo Festival Veneto Contemporanea con un particolare omaggio al compositore veneziano Luigi Nono grazie al sostegno della Fondazione Cariparo

Si è svolto con successo e ampia partecipazione degli abbonati alla Stagione concertistica 2020/21 il concerto che ha segnato la ripresa dal vivo delle attività dell’Orchestra di Padova e del Veneto. Giovedì 6 maggio presso il Teatro Verdi della città, l’OPV è stata la prima orchestra in Veneto a esibirsi in un programma sinfonico dal vivo e tra le poche orchestre regionali italiane ad accogliere in tempi record il proprio pubblico in sala dopo più di sei mesi di blocco totale delle attività culturali.

Il live

Per l’occasione l’OPV si è presentato sul palco del Verdi in compagnia del celebre pianista russo Lukas Geniušas, tra i più acclamati solisti della giovane generazione, impegnato nell’esecuzione del Concerto n. 2 di Chopin diretto da Etienne Siebens, e il compositore Federico Gardella, a Padova per presentare in anteprima la sua nuova opera Strapiombi di Uqbar, brano oggetto della nuova commissione OPV che vede il sostegno di SIAE “Classici di oggi”. All’evento sono accorsi 250 abbonati che hanno salutato con entusiasmo e calore l’intera esibizione musicale, giunti con il dovuto anticipo e disposti pazientemente in fila all’esterno del Teatro in attesa di poter entrare nel massimo rispetto delle normative anti-Covid.

Al via il nuovo Festival

A partire da sabato 8 maggio l’Orchestra di Padova e del Veneto inaugurerà il nuovo Festival Veneto contemporanea. Un’esposizione di suoni e linguaggi, il primo Festival teso a promuovere le espressioni musicali del presente di alcuni tra i più importanti compositori e musicisti del territorio. Ideato da Marco Angius, il Festival svilupperà in cinque appuntamenti un percorso teso all’approfondimento e alla divulgazione della musica contemporanea attraverso una serie di esecuzioni in prima assoluta di alcuni tra i più affermati compositori di oggi, che per l’occasione si incontreranno a Padova.

Il primo live

Il Festival verrà inaugurato sabato 8 maggio alle ore 17 presso l’Auditorium San Gaetano di Padova con la prima esecuzione italiana della versione originale di Polifonica-Monodia-Ritmica, l’opera strumentale che nel 1951 portò il compositore veneziano Luigi Nono all’attenzione internazionale. L’evento coincide con la pubblicazione dell’edizione critica di questo capolavoro, illustrata durante l’evento inaugurale da Veniero Rizzardi, studioso e profondo conoscitore dell’opera di Nono e docente del Conservatorio “C. Pollini” di Padova. Insieme a Rizzardi interverranno Marco Angius e Filippo Perocco, sul podio dell’OPV per un vero e proprio confronto tra la storica versione del 1951 e quella integrale qui presentata in anteprima. Un’affascinante ricostruzione affidata direttamente all’ascolto dal vivo, accompagnata da interessanti aneddoti e curiosità. L’OPV avvierà così il Festival Veneto Contemporanea con un omaggio a Nono, impreziosito dal contributo di Nuria Schönberg-Nono, vedova del compositore veneziano e Presidente dell’omonima Fondazione.

Filippo Perocco

In questa prima edizione del Festival, Filippo Perocco sarà l’artista in residenza OPV, ovvero musicista attivo nella molteplice veste di compositore, direttore e interprete nei diversi appuntamenti di Veneto Contemporanea. Compositore, organista e organizzatore musicale, Filippo Perocco vanta un curriculum dal respiro internazionale, coronato dal Premio della Critica Musicale “Franco Abbiati” 2017 per l’opera Aquagranda, scritta su commissione del Teatro La Fenice di Venezia e diretta da Marco Angius.

Biglietti

Posto unico numerato 

Intero 5 euro
Ridotto 3 euro riservato agli abbonati della Stagione concertistica 2020/2021 
acquistabili online sul sito www.opvorchestra.it
Per info: 049 656848-656626

Nelle foto: il pianista russo Lukas Geniušas - Ph. Antonio Bortolami

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Successo per il primo concerto dal vivo dell’OPV, ora si guarda all'imminente Festival Veneto Contemporanea

PadovaOggi è in caricamento