Cultura

L'app di Urbs Picta per visitare gli 8 siti Unesco padovani. Ecco come funziona

Basta scaricarla sul proprio smartphone per essere accompagnati lungo ognuna delle tappe con l'ausilio di una guida vocale che consente di apprezzare i grandi pittori del XIV secolo che hanno lasciato il proprio segno nei luoghi patrimonio dell'umanità

L’App "Padova Urbs picta" è l’applicazione ufficiale del sito seriale Unesco di Padova dove la narrazione, il rigore storico-artistico e l'applicazione di tecniche di game thinking si incontrano in modo originale in un prodotto fatto su misura per valorizzare gli affreschi pittorici della Padova del Trecento.

Meeple

L'App, realizzata da Meeple S.r.l., start up innovativa e spin-off dell’Università di Padova, ed è facilmente scaricabile su Play Store. Consente gratuitamente, dopo pochi secondi, di iniziare il viaggio alla scoperta degli otto luoghi che costituiscono un patrimonio architettonico e artistico unico per la città di Padova e per il mondo intero.

A cosa serve

L'App accompagna il visitatore lungo ogni tappa Unesco con l'ausilio di una guida vocale che consente di apprezzare i grandi pittori del XIV secolo che hanno lasciato il proprio segno nei luoghi di Urbs Picta: la Cappella degli Scrovegni, la Basilica e il convento del Santo, Palazzo della Ragione, il Battistero della Cattedrale, la Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo agli Eremitani, la Cappella della Reggia Carrarese, gli oratori di San Giorgio e di San Michele.

Il progetto

Realizzata dal Daniel Zilio che insieme al Nicola Orio e Andrea Micheletti fanno parte della start up Meeple, l’App di Padova Urbs picta è stata progettata nei contenuti da Sara Danese in sinergia con il Comune di Padova, Alice Rossato come assistente al design e storyteller, dall’illustratrice Valeria "Max" Rambaldi che ha curato le illustrazioni. Di Marco Ferraro è la voce narrante, mentre la traduzione dei contenuti storico-artistici in lingua inglese è stata curata da Caroline Clark, direttrice del Centro Linguistico di Ateneo dell’Università di Padova, già collaboratrice col Comune per la realizzazione della pannellistica. L’App è stata realizzata con il contributo dell’agenzia di viaggi DoIt e della Regione Veneto, con il sostegno offerto dal comitato Unesco per Padova.

Come funziona

Sviluppata per sistemi Android, l’App è strutturata in tre parti: storico-artistica, turistica e un sistema di gioco, realizzato per coinvolgere l’utente nella scoperta degli otto siti Unesco. Pillole di storia e di arte che l’utente può leggere e ascoltare, in modo libero e col proprio ritmo, scritte con un linguaggio facilmente accessibile e con una impaginazione ben curata. Un’App flessibile studiata per essere implementata con nuovi contenuti e con un glossario specifico per i termini artistici. Per ogni luogo si trovano le informazioni turistiche: dagli orari alle indicazioni geografiche, alla possibilità di invio di email per poter pianificare la visita. Una parte dell’App, la sezione del diario, monitora le attività, (le pillole lette) i riconoscimenti, i punti premio che vengono assegnati all’utente, che compie determinate azioni. Dopo aver completato il 15% delle attività si apre un quiz, ambientato in situazioni medievali alquanto particolari, attraverso il quale viene assegnata una figura di animale che riprende gli affreschi originali, in chiave moderna e fantasy, associata ad una piccola storia di fantasia. Altra novità ascoltabile nell’App, l’ambientazione creata dalle musiche originali del XIV secolo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'app di Urbs Picta per visitare gli 8 siti Unesco padovani. Ecco come funziona

PadovaOggi è in caricamento