Elvira Poli: un’ingegnere con l’apostrofo, incontro online a cento anni dalla laurea

  • Dove
    Online
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 25/11/2020 al 25/11/2020 solo oggi
    14
  • Prezzo
    Iscrizioni entro il 20 novembre: https://www.elvirapoli-unipd.it/un-ingegnere-con-apostrofo-convegno/
  • Altre Informazioni
    Sito web
    zoom.us

Mercoledì 25 novembre con inizio alle ore 14 e in modalità a distanza attraverso l’utilizzo della piattaforma Zoom (https://unipd.zoom.us/j/89632861218 Meeting ID: 896 3286 1218) si terrà il Convegno “Un’ingegnere con l’apostrofo? – Ingegneria e genere a 100 anni dalla laurea di Elvira Poli”.

Poster_bozza_Elvira_Poli_primo_piano_new_4-724x1024-2

In occasione del 100mo anniversario della laurea di Elvira Poli, la prima ingegnera laureata a Padova, il convegno mira a fare il punto sulla questione del genere all’interno delle discipline tecnico – scientifiche, con particolare riferimento al tema delle pari opportunità nella formazione, nella ricerca e nella professione.

Chi era Elvira Poli

Elvira Poli si è laureata in ingegneria il 25 novembre 1920: è stata la prima ingegnera laureata all’Università di Padova, e la terza in Italia. La prima fu Emma Strada, laureatasi in ingegneria civile al Politecnico di Torino nel 1908. La laurea di Elvira Poli fu segnalata dalla “Domenica del Corriere”, il supplemento illustrato del Corriere della Sera, in un inserto con fotografia. Elvira Poli è dunque, nel linguaggio dell’epoca, una “donna d’avanguardia”. La laurea della Poli assume un particolare significato all’interno di un territorio, quello del Veneto, caratterizzato ancora da un’economia prettamente agricola e da una struttura sociale in cui le donne sono ancora molto lontane dal raggiungimento dei primi traguardi dell’emancipazione, tra cui il compimento degli studi universitari (e in più di ingegneria) costituisce un segno decisamente raro.

Elvira Poli Domenica-del-Corriere-2

La Poli nelle foto d’epoca appare essere una “donna del suo tempo”: una giovane donna che ha conseguito un traguardo prestigioso e difficile (per quegli anni in senso assoluto, e non solo in tema di genere), e che allo stesso tempo appartiene alla immagine e alla iconografia femminile di quegli anni, in cui prevale l’ispirazione ai modelli dell’eleganza francese della “fin de siècle”. Nel 1957 Elvira Poli contribuì con Emma Strada, la prima laureata in ingegneria italiana (1908 – Politecnico di Torino), alla fondazione di AIDIA (Associazione Donne Ingeneri e Architetti), nata per difendere i diritti delle laureate che lavorano nel campo dell’ingegneria e dell’architettura.

Elvira Poli al tempo della laurea PRESS-2

Elvira Poli divenne in seguito una delle figure di riferimento sui temi delle donne nell’ingegneria, esprimendo posizioni di convinto sostegno alla causa della parità di genere.

I patrocini

Il Convegno ha ottenuto il patrocinio dell’Università di Padova e del Comune di Padova, ed è realizzato dalla Scuola di Ingegneria in collaborazione con: Centro di Ateneo Elena Cornaro, Associazione Alumni dell’Università di Padova, AIDIA – Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti e con i Dipartimenti ICEA, DII, DEI e DTG dell’Università di Padova.

Iscrizioni all'incontro

Iscrizioni entro il 20 novembre: https://www.elvirapoli-unipd.it/un-ingegnere-con-apostrofo-convegno/

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Elvira Poli: un’ingegnere con l’apostrofo, incontro online a cento anni dalla laurea

    • solo oggi
    • 25 novembre 2020
    • Online
  • Parità di genere: Padova risponde con parole e azioni, tutti gli appuntamenti

    • dal 24 al 25 novembre 2020
  • Destinazioni, imprese e innovazione digitale: online l'incontro "Digital 4 turism"

    • da domani
    • dal 26 al 27 novembre 2020
    • Online

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 11 aprile 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Al Museo della Padova Ebraica la mostra "Una luce dirada l'oscurità"

    • dal 29 ottobre 2020 al 18 gennaio 2021
    • Museo della Padova Ebraica
  • Natalino Balasso in "Dizionario Balasso" al Gran teatro Geox

    • 27 novembre 2020
    • Gran Teatro Geox
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento