Rassegna "Fedi in gioco", "Gold and copper" a Torreglia

Nell'ambito della rassegna inedita "Fedi in gioco: cinema e dialogo interreligioso", il cinema teatro La Perla di Torreglia presenta "Gold and copper", che sarà trasmesso 15 aprile alle 20.45.

VEDI IL PROGRAMMA COMPLETO DELLA RASSEGNA

IL FILM

Per secoli gli alchimisti hanno cercato il segreto per la trasmutazione in oro dei metalli meno nobili, intesa anche come metafora di una profonda trasformazione spirituale. Il titolo “Gold and Copper”, esplicitato nella conclusione del film, ha in sé lo sviluppo necessario di una storia che inizia tra gli scaffali di una biblioteca e si chiude quando lo studio diventa azione, appena fuori dell’aula di etica, nel cortile del seminario di Teheran. Seyed Reza, discendente del Profeta, è uno studente di teologia che si è appena trasferito con la famiglia nella capitale per perfezionarsi negli studi. Perno della vita familiare è la sorridente abnegazione di Zahra, la giovane moglie che si prende cura di Seyed e dei bambini come della nuova vicina di casa, trovando anche il tempo di tessere i tappeti tradizionali che guadagnano loro da vivere. Ma la salute di Zahra peggiora costantemente, fino al ricovero in ospedale, dove le viene diagnosticata la sclerosi multipla. Stordito dalla disgrazia, Seyed si trova improvvisamente nella necessità di cucinare, cambiare pannolini, accompagnare la figlia a scuola e portare con sé il bambino tra gli allievi e i maestri del seminario.

Attraverso dettagli sottili ma rivelatori, dalla freddezza dei colleghi di Seyed alla diversa accoglienza che gli è riservata a seconda che si presenti “in borghese” o con l’abito religioso, il film denuncia, in modo spesso inatteso, le tensioni di una società che fa pochi sconti ad una famiglia in crisi. Con una narrazione apparentemente semplice e spontanea, in realtà frutto di un attento controllo di tutti gli elementi tecnici e artistici, Asadian rilegge il classico melodramma domestico trasformando una storia alla “Mister mamma” in una commovente parabola di respiro universale, che mescola humour e tragedia con un forte senso del sacro nelle fatiche quotidiane. La malattia, nel sovvertire schemi e ruoli collaudati, costringe tutti a una strenua prova di “etica applicata” che concretizza le eloquenti citazioni coraniche sul potere trasformativo dell’amore. La recitazione offre più di un tour de force nella resa del rapporto di coppia in un contesto che proibisce di mostrare sullo schermo il contatto fisico tra uomini e donne; nei panni di Zahra, Negar Javaherian è semplicemente straziante quando le gambe la tradiscono mentre cerca di cucinare per la figlia un piatto di spaghetti. Apprezzato anche in patria per equilibrio e intelligenza, tanto dal clero tradizionalista quanto dagli studenti più radicali, “Gold and Copper” è soprattutto un appello alla compassione, che non contesta la religione ma il freddo dogmatismo con cui essa, talvolta, viene praticata. Una finestra su una terra misconosciuta e un’occasione rara per scoprire il cinema iraniano non distribuito in Occidente.

IL PROGRAMMA

  • 15 aprile - Gold and copper, di Homayoun Assadian, Iran, 2010, 97' (Islamismo)
    Seyed Reza è un giovane studente di teologia che si trasferisce a Teheran per completare la sua istruzione frequentando un corso di etica. La malattia di sua moglie, colpita da sclerosi multipla, cambierà però la sua vita: per amore di lei è costretto ad abbandonare il seminario e a prendersi cura della sua famiglia. Un film che mostra con semplicità come i problemi della vita quotidiana possano ispirare un percorso spirituale, sottolineando che la fede può essere trovata non solo nei libri e nello studio, ma soprattutto nella vita quotidiana e nell'amore per l'altro.
  • 22 aprile - Magic men, di Erez Tadmor e Guy Nattiv, Israele 2014, 100' (Ebraismo)
    La storia di Avraham, anziano ebreo greco insofferente della religione, e di suo figlio, affermato rapper ortodosso. Dopo un distacco durato molti anni, i due partono insieme per la Grecia, dove Avraham si mette alla ricerca di un vecchio mago che durante la seconda guerra mondiale gli aveva salvato la vita. Attraverso una serie di incontri assurdi e situazioni bizzarre, il rapporto tra padre e figlio si sviluppa verso l'inevitabile confronto finale.
  • 29 aprile - Marie Heurtin, di Jean-Pierre Améris, Francia 2014, 95' (Cristianesimo)
    La vera storia della quattordicenne sordocieca Marie Heurtin nella Francia del tardo Ottocento. Il padre di Marie, un umile artigiano, non si rassegna al giudizio del medico che la giudica "idiota". Disperato, si reca presso l'istituto di Larnay vicino Potiers, dove la giovane suor Margherita, nonostante lo scetticismo della Madre Superiora, prende sotto la propria ala quel "piccolo e selvaggio animale" e dedica tutta se stessa a strappare Marie dal buio che la avvolge.

INFORMAZIONI

Biglietto unico 5 euro, per abbonamenti e iscrizioni a Circolo Cinematografico visitare www.teatroperla.it
Facebook https://www.facebook.com/teatroperla​

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

I più visti

  • “Van Gogh. I colori della vita”, mostra al Centro culturale San Gaetano

    • dal 10 ottobre 2020 al 11 aprile 2021
    • Centro Culturale Altinate San Gaetano
  • Mostra “I Macchiaioli. Capolavori dell'Italia che risorge” a palazzo Zabarella

    • dal 24 ottobre 2020 al 18 aprile 2021
    • Palazzo Zabarella
  • Tour guidato a Padova: "Storia e bellezza non si perdono col tempo"

    • 6 marzo 2021
    • Alla Fontana di Prato della Valle
  • James Blunt in concerto alla Kioene arena

    • 24 marzo 2021
    • Kioene Arena
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    PadovaOggi è in caricamento